Categorie

Mariangela Giusti

Editore: Laterza
Collana: Percorsi Laterza
Edizione: 10
Anno edizione: 2005
Pagine: IX-188 p., Brossura
  • EAN: 9788842072607
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Agnese

    13/04/2004 13.56.49

    Come si legge dal titolo, il testo di Mariangela Giusti illustra la tematica dell’intercultura e della pedagogia ad essa collegata tramite tre vie: quella della teoria, quella della metodologia e quella dei laboratori, tre parti collegate fra loro anche se non consequenziali nel testo. Il libro mette in luce fin da subito i compiti primari che la pedagogia interculturale si è data e attribuita negli anni: “l’apertura, l’accoglienza allo straniero, il muoversi verso l’altro, la necessità di usare linguaggi non solo verbali, il tentativo di camminare insieme, l’attenzione alle interiorità degli altri oltre che alla propria” (p.8). Parallelamente ai concetti pedagogici e specialistici, l’autrice ci porta lontano, alle origini interculturali dell’Europa, alla storia dell’umanità, al Medioevo, mostrandoci i percorsi tracciati dai pellegrini cristiani nel corso dei secoli, i loro movimenti, i loro incontri, i loro incroci. Si è formata dunque nel tempo, in Europa, una sorta di identità collettiva, nella quale è viva la tradizione della cristianità, ma anche del pensiero razionale, dell’ebraismo, della cultura ellenistica. I vari paragrafi e capitoli sono intercalati da riquadri di esemplificazione o di approfondimento, utili agli addetti ai lavori (insegnanti, educatori, volontari) ma allo stesso tempo belli da leggere, che mettono in luce vari concetti legati a quello più generale di intercultura: contaminazione culturale, identità plurima, essenzialismo culturale, proposte di attività didattiche a partire da fiabe e narrazioni, la migrazione in alcuni film recenti, spostamenti-stratificazioni-avvicendamenti-conquiste, minoranze linguistiche in Italia e loro tutela, comunità per minori e ragazzi stranieri, l’osservazione lenta della realtà, adolescenti immigrati che arrivano da soli, interventi e iniziative interculturali sul territorio. Nella seconda parte del testo sono riportati sei laboratori di didattica interculturale, già proposti in al

Scrivi una recensione