Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Recensioni Pedro Páramo

  • User Icon
    07/12/2020 11:29:06

    Libro strano, frutto di una mente fuori dal comune, che si colloca in una demarcazione che oscilla tra il fantastico, il giallo e il fantascientifico. È un mondo senza mondo. È una storia che rifiuta quella grande Storia, e ne accetta tante, ma minute, esemplari, ingarbugliate. È un tempo che si protrae solo nei suoi ricordi, in un bagliore a malapena rammemorato... Faulkner ha preso una dozzina di personaggi, e li ha fatti delirare. Juan Ralfo ne ha presi altrettanti, ma per farli sparire

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    15/05/2020 11:52:21

    Una scrittura limpida, diretta e lineare. Lascia un amaro in bocca che pur essendo una sensazione non piacevole è una sensazione molto forte. Impotenza, frustrazione ma anche compassione in alcuni tratti per i personaggi. Il ritratto di un'epoca e una classe sociale.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    15/05/2020 11:45:50

    Un libro sottile che racchiude tutte le emozioni e le sensazioni immaginabili. Imperdibile per chi ama Márquez e il suo realismo magico, ma con accezioni ancora più simboliche e celate.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    12/04/2020 10:51:12

    Preso e letto al volo su suggerimento di Vila-Matas che individua Rulfo come uno degli 'scrittori del No' (quelli che dopo aver scritto un capolavoro, si eclissano misteriosamente diventando 'agrafi' e né scrivono né pubblicano più) il quale è, secondo me, un ottimo antipasto quando il pasto sarà, a breve, 'Cent'anni di solitudine' il cui incipit sembra venga proprio dal frammento 41* di questo libro breve e difficile. Se quindi Rulfo è un ispiratore di Márquez lo ritroverò lì, come qui ho trovato tracce di Márquez e della sua magia. *«Il padre Rentería si sarebbe ricordato molti anni più tardi della notte in cui la durezza del suo letto l'aveva tenuto sveglio e poi l'aveva obbligato a uscire.»

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    05/08/2019 05:58:32

    Un grandioso e breve romanzo, il "realismo magico" ed onirico messicano per eccellenza. Tutte storie di personaggi incapaci e di un villaggio che, come sospeso in un sogno inquietante, hanno subito il potere del cattivo Pedro Paramo che, nella sua prepotenza, ha determinato le.loro esistenze e donato tutto alla morte. Ci si chiede come mai non venga studiato a scuola, parimenti a Joyce.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    23/07/2019 14:31:29
  • User Icon
    Me
    11/03/2019 19:35:50

    Nessuna copertina sarebbe potuta essere più azzeccata per questo libro fantasma: del bianco a cui tendono tutte le storie, d’amore come di violenza, di depravazione come di desolazione. È un labirinto di muri a secco e di villaggi vuoti e di vite disgregate e mancate questo romanzo di Rulfo al cui interno tutto si perde: la propria storia, le proprie colpe e i propri ricordi, la scrittura stessa, e alla fine non resta neppure un dispiacere, nulla a cui aggrapparsi per poter dire che ne è valsa la pena.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    10/03/2019 10:00:04

    interessante

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    22/09/2018 09:37:44

    A volte si scopre un libro quasi per caso e l'autore è misterioso e sconosciuto come lo stesso titolo. Addirittura se ne può ignorare l'esistenza. Non ricordo come mi sia capitato fra le mani "Pedro Paramo", quel che è certo è che abbia lasciato un segno e spinto a cercare altri scritti dello stesso autore. Il romanzo è pervaso da una magia che non si può raccontare, ma che scende dentro il sangue, lasciando inquietudine e malinconia. E' come scritto in trance. Rulfo è come Saltaperico, bravissimo nell'addomesticare i puledri, però ha un altro mestiere: quello di provocatore: è un "provocatore di sogni".

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    22/11/2017 04:21:02

    Ai margini della ragione, in un mondo sospeso, come in sogno, fra un passato sfumato e un presente che sembra riviverlo in un alone di crudeltà e di incanti: "Questo paese è pieno di echi, sembra quasi che siano rinchiusi nei vuoti delle pareti o sotto le pietre. Quando cammini ti pare come se calpestassero le tue orme. Senti scricchiolii, risate, risate ormai vecchissime, come stanche di ridere. E voci ormai logore dall'uso". Una realtà presunta, sulfurea, e in essa iniziano ad alternarsi storie come fra le vie di un Purgatorio assolato, anime che cercano perdono espiando i loro peccati, ma anche attese che qualcosa le scagioni, li salvi da uno sconforto e una pena senza nome. Un figlio che va a cercare un padre, "nel regno dei sussulti, fra ritagli di sospiri". Siamo e non siamo, come in una favola macabra di cui sentiamo i contorni addosso ma senza misurarne i lati, la vastità, gli orizzonti. Forse, più apertamente, siamo fra i morti, in un altrove parlato a sguardi, a tentoni, straniante e autentico come un invito a indagare. Ma quello che è certo è che siamo ai livelli più alti della letteratura: "Questo mondo che ci opprime da tutte le parti, che va spargendo qua e là manate della nostra polvere, facendosi a pezzi come se irrigasse la terra col nostro sangue. Cosa abbiamo fatto? Perché ci si è imputridita l'anima?". C'è una promessa fatta a una madre, un uomo da scovare dal fondo di un passato taciuto, sofferto. Chi è Pedro Paramo? Un violento senza requie, uno smargiasso padrone che vive di soprusi, di comandi, la carne del potere che segna e sfregia quell'angolo di terra, uno che sottomette chiunque al suo bastone. Ma ci sarà anche qui un'eccezione, un amore, quello che lui ha davvero sentito e forzando ogni cosa si è preso, ma dal quale, nel profondo, è stato sempre rifiutato. Un libro veramente unico, spiazzante e splendido nei suoi morsi estremi. E' un romanzo di indubitabile poesia, un solco fra la vita e qualcosa che è flusso di tempo senza tempo.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    02/05/2013 18:21:14

    La scrittura è densa, evocativa, allucinatoria, mescola il sogno con la realtà, ma la storia è troppo frammentata e non segue un filo logico. Troppi sbalzi di tempo, di luogo, e di personaggi.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    28/09/2012 11:05:07

    Premetto di aver provato a leggere per 3 volte Cent'anni di solitudine , e di aver desistito verso pag 90 dopo il terzo Aureliano Buendia, o il secondo Aureliano Aureliano Buendia, non ricordo. Perdonami Pedro Paramo, ma non ti ho proprio capito. Questo non vuol dire naturalmente che tu sia un libro brutto. Voglio solo dire che chiedermi una seconda lettura è una punizione che credo davvero di non meritare

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    12/10/2009 15:28:11

    piccolo quantitativamente, ma grandissimo nella qualità. Una lettura difficile, ma appassionante. Un libro che non si capisce perchè sia così poco conosciuto.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    04/06/2009 18:54:16

    Un breve romanzo costruito su brani di esperienze evocate e sui riverberi sparsi delle personalità di alcuni personaggi, dei quali forse nessuno è un vero e proprio protagonista. L'efficacia della narrativa di Rulfo risiede, forse, soprattutto nella sua capacità di comunicare al lettore, con una quantità misurata di parole, delle storie che sono al tempo stesso collettive ed estremamente personali della popolazione di un villaggio rurale messicano. In verità è difficile inquadrare la vicenda come una vicenda messicana o come la storia del “satrapo” Pedro Pàramo. Il mosaico elaborato da Rulfo è una rappresentazione di tante vite, sia perché sono tante le persone coinvolte nella narrazione, sia perché ognuna di esse rievoca, insieme alle proprie esperienze, le vicende di moltissimi altri esseri umani che hanno popolato e popolano il Pianeta e che, come le figure di questo romanzo, non hanno alcuna speranza di poter comunicare al mondo i propri sensi di colpa, rancori, afflizioni provate per le ingiustizie subite. Il riconoscimento che l'intera umanità deve loro si articola simbolicamente, nella narrazione di “Pedro Pàramo”, attraverso le testimonianze che si trasmettono nella polvere che inonda gli spazi pubblici e privati del villaggio nel quale si ambienta il romanzo, testimonianze che assediano inesorabilmente l'io-narrante, e con lui il lettore. Il fatto che l'unica vera padrona del villaggio sia la morte porta le molte storie di Pedro Pàramo e il vissuto dei protagonisti ad eternarsi in una dimensione paradigmatica universalmente valida e comprensibile. È spontaneo il desiderio di leggerlo almeno una seconda volta.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    10/03/2009 09:09:21

    E ti ritrovi con la matita in mano, corerndo dietro ai pensieri di Preciado, paramo, Ranteria...capolavoro. Indispensabile leggerolo più di una volta. Piccolo, ma mai fragile. Corto, ma denso come un soldio. Difficile, ma gratificante.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    12/03/2007 10:04:28

    affascinante. lettura imperdibile per gli amanti del realismo magico latinoamericano.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    31/01/2007 15:36:10

    E' un libro che monta nella memoria. Non viene scalfito il suo valore dal passare del tempo. All'inizio si resta disorientati dai morti che raccontano la loro storia, ma poi si resta intrappolati come il protagonista in quel mondo di ombre. E Pedro Paramo è uno dei più grandi cattivi della letteratura.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    12/07/2005 08:29:18

    Davvero il piu' bel libro che io abbia mai letto. Come dice Garcia Maarquez nel risguardo: "non si va a dormire prima di averlo letto almeno due volte". Una parabola (discendente) fantastica e allucinata, dall'inferno di Comala sino alla grandezza dell'uomo. E oltre. Leggerlo due volte di fila e' davvero il minimo.

    Leggi di più Riduci