Categorie

Henri Maldiney

Curatore: F. Leoni
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2007
Pagine: XXVIII-204 p. , Brossura
  • EAN: 9788806165710
L'autore, uno tra i maggiori fenomenologi francesi contemporanei, si confronta in questo volume, di cui si segnala l'ottima introduzione, con le categorie classiche dell'analitica esistenziale (Daseinanalyse), in un serrato dialogo con Husserl, Heidegger e Binswanger, al fine di accedere a quel territorio che è l'esperienza della follia. "Pensare l'uomo e la follia" significa utilizzare il canale del pensiero per avvicinare quello stato mentale che, patologicamente inteso come deviazione della percezione o come spaccatura della coscienza, rimane un'esperienza umana. A tal riguardo, è esplicativa la condizione del malinconico o, con termine più scientifico, del depresso. Il malinconico è colui (o colei) che, nel tentativo di raggiungere il mondo, di farsi "pieno" di mondo, cade continuamente in una mancanza che gli impedisce di godere realmente del mondo. Questa mancanza di godimento (di presa-a-sé) diventa la frattura enorme, che desertifica l'unica possibilità di essere presente a se stesso: l'intersoggettività. "Estenuato dal vano sforzo di raggiungere il mondo – scrive Maldiney – il melanconico si trova allo stesso tempo esiliato da se stesso". Qualcosa di simile eppure di completamente differente accade per lo schizofrenico, il quale vive una temporalità frammentata che non conosce "presente". L'identificazione totale di memoria-tempo-luogo è centrale nella comprensione dell'esperienza psicotica: qui sta il grande insegnamento della fenomenologia. Per lo schizofrenico, l'istantaneità diventa l'unica "durata" esperibile e la frammentarietà è la sola accezione di tempo incardinata nella sua quotidianità. Qual è, allora, di fronte a ciò il senso della comprensione, se è vero che il comprendere è propriamente l'attività del pensiero? Una possibile risposta, sta nell'attenzione che bisogna riservare alla presenza altrui. Io sono presente all'altro nella misura in cui mi sento riconosciuto e, al contempo, nella misura in cui lo riconosco. Qui sta il discrimine, secondo Maldiney, tra un comprendere che etichetta l'altro attraverso la sussunzione della follia come estremo termine di paragone escludente, oppure il comprendere che si fa carico di questa esclusione, la individua e l'aiuta a ristabilire la comunicazione intersoggettiva.
  Gianluca Giachery