Categorie

People Who Grinned Themselves to Death

Artisti: Housemartins
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Go! Discs
Data di pubblicazione: 19 ottobre 1992
  • EAN: 0042282833129

€ 8,75

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibile in 2 settimane

Quantità:
Aggiungi al carrello
Disco 1
  • 1 The People Who Grinned Themselves To Death
  • 2 I Can't Put My Finger On It
  • 3 The Light Is Always Green
  • 4 The World's On Fire
  • 5 Pirate Aggro
  • 6 We're Not Going Back
  • 7 Me And The Farmer
  • 8 Five Get Over Excited
  • 9 Johannesburg
  • 10 Bow Down
  • 11 You Better Be Doubtful
  • 12 Build

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Robertinho

    26/07/2013 14.28.28

    Non saprei dirvi fino a che punto "La Gente Che Sogghignava Fino a Morire" possa essere considerato "un disco per l'estate" ma questo secondo e ultimo lavoro in studio degli Housermartins, che segue il ben più noto e seminale "London 0 Hull 4" del 1986, è quanto di più leggero e allo stesso tempo vibrante abbia potuto ascoltare sul finire degli anni ottanta e che, a distanza di 26 anni, torna ad accompagnarmi in questo nuovo solstizio d'estate. Anche se meno cristallini e sorprendenti dell'album d'esordio (si pensi ad esempio ai singoli "Flag Day", "Happy Hour" e "Sheep" che, in modo unico riuscirono a scombinare le classifiche inglesi di quegli anni), quelli messi in scena da P.D.Heaton (voce), Stan Cullimore (chitarra), Norman Cook (basso) e Dave Hemingway (batteria) con questo "The People Who Grinned Themselves To Death" sono brani che, nonostante una formula più "ragionata", riescono ugualmente a trastullare lo spirito senza mai allontanarsi dalle corde del cuore. Un mix ben equilibrato di inebrianti motivi "sixties" e testi di denuncia sociale capaci di essere tanto ironici quanto toccanti a partire dall'iniziale title track, che pigia subito sull'acceleratore assieme alle spumeggianti "The world's on fire", "Me and the farmer", "Five get over excited", passando attraverso le cedevolezze pop e acustiche di "The light is always green" e "Johannesburg", fino a immergersi nella meravigliosa ballata conclusiva di "Build" che, come ogni estate che si rispetti, riesce ancora oggi a trasmettermi quel pizzico di amorevole nostalgia.

Scrivi una recensione