Per l'alto mare aperto - Eugenio Scalfari - copertina

Per l'alto mare aperto

Eugenio Scalfari

Scrivi una recensione
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2011
Formato: Tascabile
Pagine: 286 p., Brossura
  • EAN: 9788806208332
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 10,20

€ 12,00
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Quantità:
LIBRO

€ 6,48

€ 12,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 12,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Questo libro è la rivisitazione della modernità, da Montaigne e Cervantes fino a Leopardi e a Nietzsche, Descartes, Kant e Hegel, e ancora Tolstoj, Proust, Kafka e Joyce. Un'epoca durata quattro secoli, mai simile a se stessa, sempre in cerca di sperimentare il nuovo, di allargare il respiro delle generazioni, di modificare l'identità senza smarrire la memoria". Così Eugenio Scalfari riassume, nell'epilogo che chiude il libro, il suo viaggio attraverso la modernità, che tocca, con un approccio stilistico che sta tra l'analisi e il racconto, le varie fasi dei tempi moderni, dall'Illuminismo al Romanticismo, dalle avanguardie al nichilismo, dalla razionalità allo scatenarsi delle emozioni e degli istinti. "La modernità - scrive Scalfari - è stata sconfitta da una sorta di invasione barbarica, ma la storia non finisce, un'altra epoca nascerà come è sempre avvenuto finché l'homo sapiens riuscirà a guardare il ciclo stellato e a cercare dentro di sé la legge morale. A me questo viaggio dentro l'epoca è sembrato un sabbah, non di diavoli e di streghe, ma di anime e di stelle danzanti".
4,25
di 5
Totale 4
5
1
4
3
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    Arnaldo Maiorani

    06/03/2011 22:25:40

    Un buon invito alla riflessione, un viaggio affascinante e mai noioso al confine tra letteratura e filosofia della modernità. buona lettura.

  • User Icon

    sordello

    14/01/2011 10:31:08

    Che bel saggio ! Quanti spunti di riflessione e quanti ricordi degli studi liceali ormai lontani! Grazie Scalfari

  • User Icon

    Carlo Panara

    05/09/2010 12:48:52

    Premetto che sono un grande ammiratore di Eugenio Scalfari editorialista e scrittore. Non sono sicuro che la tesi che sostiene in questo libro sia del tutto condivisibile (in poche semplici parole: modernità = razionalità, età contemporanea = trionfo dell'irrazionalità). In ogni caso è un testo che vale assolutamente la pena leggere perchè offre numerosi e mai banali spunti di riflessione su molte opere filosofiche e letterarie che hanno segnato gli ultimi 400 anni.

  • User Icon

    giorgio g

    14/06/2010 10:07:18

    La tesi del libro è inquietante: l’era moderna, iniziata con Montaigne nel Seicento, è terminata, ora inizia un’altra era dai contorni ancora non definiti e che non sappiamo quali sviluppi potrà avere. Intanto esaminiamo, attraverso un excursus tra le sue menti più significative, quale è stata l’evoluzione del pensiero nell’era che si è convenuto di chiamare “moderna”. Ed ecco una carrellata, non priva di difficoltà per il lettore i cui studi classici risalgono ad alcuni decenni fa , che - attraverso personaggi come Voltaire, Pascal, Descartes, Diderot, Spinoza, Hegel, Kant, Toqueville, Goethe, Rilke, Proust, Joyce, Marx, Nietzsche - ripercorre la storia delle idee durante i quattro secoli appena trascorsi. Ripeto, è un libro difficile, che ci fa apprezzare la profondità di pensiero di Eugenio Scalfari che molti di noi conoscevano soltanto come talentuoso e appassionato giornalista.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
  • Eugenio Scalfari Cover

    Eugenio Scalfari, dopo aver collaborato al «Mondo» di Pannunzio, è stato, nel 1955, tra i fondatori dell'«Espresso» che ha diretto dal 1963 al 1968. Nel 1976 ha fondato il quotidiano «la Repubblica», che ha diretto fino al 1996 e di cui oggi è editorialista. Tra i suoi libri ricordiamo La sera andavamo in via Veneto. Storia di un gruppo dal «Mondo» alla «Repubblica» (Mondadori 1986, Einaudi 2009), Incontro con io (Rizzoli 1994), Alla ricerca della morale perduta (Rizzoli 1995), Il labirinto (Rizzoli 1998), La ruga sulla fronte (Rizzoli 2001, Einaudi 2010) e, con Giuseppe Turani, Razza padrona (Feltrinelli 1974, Baldini Castoldi Dalai 1998), L'uomo che non credeva in Dio (Einaudi 2008), Per l'alto mare aperto (Einaudi... Approfondisci
Note legali