Per favore non portateli ad Auschwitz - Gianpaolo Anderlini - ebook

Per favore non portateli ad Auschwitz

Gianpaolo Anderlini

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
  • EAN: 9788899276027
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 3,99

Punti Premium: 4

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Prefazione di Rav Giuseppe Laras Cos’è un lager? È una cosa nata in tempi tristi, dove dopo passano i turisti. Francesco Guccini, Lager. Il titolo di questo libro è una voluta provocazione. Perché questo è un libro sofferto. Come non potrebbe essere altrimenti. Non è un pamphlet né un instant book. Non è un diario. Non è una guida. Non è un viaggio e tanto meno un pellegrinaggio. Sono pensieri itineranti che seguono le orme di un cammino che non ha una meta. Passo dopo passo. Faticosamente. Non si sceglie di visitare i luoghi di questo libro, ma non si può non percorrerli. Perché è dove non si vorrebbe mai andare che si trova (forse) ancora la forza per dare un nome a ciò che è stato. Gian Paolo Anderlini è un noto studioso di ebraismo, ed è stato ad Auschwitz molte volte. Il suo avvertimento è molto chiaro e allo stesso tempo accorato. Attenzione alla retorica della memoria, attenzione a non trasformare i riti pubblici “comandati” le manifestazioni a ricordo della Shoà e le Giornate dedicate.E le visite ad Auschwitz. Auschwitz non è l’unico luogo del ricordo. Un libro per evitare gli slittamenti progressivi della memoria sulla tragedia della Shoà, proponendoci nuovi itinerari: il Ghetto di Varsavia, Treblinka, Sobibòr, Belzec. Perché la memoria, come la storia e come Dio, ha tante facce e tanti volti, e nessuno in un luogo solo.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Note legali