Perché non sono cristiano - Bertrand Russell - copertina

Perché non sono cristiano

Bertrand Russell

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Longanesi
Collana: Il Cammeo
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 9 marzo 2006
Pagine: 221 p., Rilegato
  • EAN: 9788830423480
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 13,87

€ 14,60
(-5%)

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

PRENOTA E RITIRA

Perché non sono cristiano

Bertrand Russell

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Perché non sono cristiano

Bertrand Russell

€ 14,60

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Perché non sono cristiano

Bertrand Russell

€ 14,60

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Il cristianesimo pervade la società occidentale da così tanto tempo, e in maniera così invasiva, che le opinioni su di esso e sul suo ruolo ricoprono l'intero spettro delle possibilità: dalla constatazione di Sören Kierkegaard che 'non possiamo essere cristiani', per l'impossibilità di vivere un autentico rapporto personale con Gesù, all'affermazione di Benedetto Croce che 'non possiamo non dirci cristiani', per il ruolo che la fede e la Chiesa hanno avuto nella formazione della nostra cultura, al pronunciamento di Marcello Pera che 'dobbiamo dirci cristiani', perché la laicità e la democrazia non sarebbero (state) possibili al di fuori della tradizione evangelica. Evidentemente, e nonostante le loro differenze reciproche, gli esistenzialisti, gli idealisti e gli apostati hanno almeno un aspetto in comune: la mania di elevare le proprie opinioni personali al rango di verità universali. I logici sono più modesti, come dimostra fin dal titolo "Perché non sono cristiano" di Bertrand Russell: una memorabile raccolta di una dozzina di saggi scritti tra il 1925 e il 1954 (a parte una curiosità filosofica del 1899), in cui egli dice la sua su tutti gli aspetti della religione in generale, e del cristianesimo in particolare. (...)" (dall'introduzione di Piergiorgio Odifreddi)
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,4
di 5
Totale 5
5
3
4
1
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Pierfrancesco C.

    04/10/2008 12:47:08

    Sebbene i vari capitoli, come aveva osservato il professor Odifreddi, siano molto diversi (e spesso slegati) l’uno dall’altro, “Perché non sono cristiano” è un libro accattivante. Molto divertenti il dialogo fra Russell e padre Copleston e l’appendice di Paul Edwards. Riporto qui alcune frasi dell’autore: 1) E’ lusinghiero supporre che l’universo sia regolato da un Essere che ha i nostri stessi gusti e pregiudizi. 2) La via retta è quella ispirata dall’amore e guidata dalla conoscenza. 3) Anche se le finestre spalancate della scienza al primo momento ci fanno rabbrividire, abituati come siamo al confortevole tepore casalingo dei miti tradizionali, alla fine l’aria fresca ci rinvigorirà. 4) Il mondo non ha bisogno di dogmi, ha bisogno di libera ricerca.

  • User Icon

    rainbow

    22/04/2007 13:13:07

    E’ filosofia, e a me la filosofia non piace. Ma è una raccolta di scritti chiari, che ti fanno voler bene a questo grande uomo eclettico e scomodissimo. Condivido in pieno le sue posizioni , ma questo è secondario, e apprezzo soprattutto come riesca, a fronte di argomenti tanto elevati, a portare spesso la discussione sul piano pratico e quotidiano.

  • In uno degli articoli Russell riprende i tradizionali argomenti a sostegno dell'esistenza di Dio e li smonta uno per uno, in maniera molto pacata e lucida, come è tipico del suo stile. Se qualcuno, infatti, cercasse nelle parole di Bertrand Russell la benzina per incendiare la sua furia teoclastica non troverebbe granché: Russell non è Nietzsche, non scrive con animo gonfio di passione, ma è molto britannico nel suo ragionare. Si ha sempre l'impressione di avere a che fare con uno spirito fermo nella sua condanna del cristianesimo, ma mai inutilmente esacerbato. In realtà io mi sono lasciato da tempo alle spalle qualsiasi discussione sull'esistenza di Dio: non credo che esista, non regolo la mia vita su un concetto elaborato dalla mente umana e, al limite, mi stupisco che ci sia gente che creda a quelle che, per me, sono vere e proprie assurdità. Ma riconosco a ciascuno la libertà di credere in ciò che vuole e di aggrapparsi a qualsiasi consolazione ritenga necessaria per sopravvivere. La parte, invece, che trovo più interessante dei vari capitoli del testo di Russell è quella politica, che analizza gli effetti della religione sulla vita sociale e sull'etica, quando questa si fonda, con pretesa universalistica, su una religione che si suppone (e si impone) condivisa dagli appartenenti a un certo corpo sociale. La "fede" di alcuni, quando si pretende valida per tutti, genera inevitabilmente potere e crea strutture di potere: "Non appena le asserzioni di una determinata persona - scrive Russell - divengono verità assolute, c'è tutta una schiera di esperti che, infallibilmente, diventano potenti perché dicono di possedere la chiave della verità, e, come tutte le caste privilegiate, sfruttano il potere a proprio vantaggio. Siccome, poi, il loro compito è la diffusione della verità immutabile e assoluta, diventano necessariamente contrari a qualsiasi progresso intellettuale e morale".

  • User Icon

    Danilo Vespertini

    14/07/2006 10:50:46

    Libro intenso e divertente soprattutto nell'ultima parte. Pensatore eccellente che si pone in una posizione critica con il sentimento religioso oltre che con il pensiero cristiano. Amante del sapere, uomo di ingegno si potrebbe considerare. Per ridere un po' delle tragedie del contrasto tra i dogmatismi e le libertà del pensiero, consiglio di leggere attentamente l'Appendice di Paul Edwards che fa immaginare quanto il voler limitare la libertà sia illogico ma possibile. E' più facile parlare in nome di Dio che parlare in nome proprio!!!

  • User Icon

    Russell Junior

    20/03/2006 15:49:58

    Libro davvero spettacolare, da spedire in tutte le scuole e da far leggere ai bambini,a i ragazzi e agli adulti. Comunque Russel era agnostico, non ateo.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente
  • Bertrand Russell Cover

    Filosofo, logico, matematico, attivista e saggista gallese.Bertrand Russelle è stato anche un autorevolissimo esponente del movimento pacifista, oltre che un divulgatore della filosofia. In molti, soprattutto nella seconda metà del novecento, hanno guardato a Russell come a un laico profeta della vita creativa e alfiere delle virtù della ragione; al tempo stesso la sua posizione su molte questioni fu oggetto di controversie e discussioni.Laureato in filosofia a Cambridge, fu lettore presso la stessa università dal 1910 al 1916, finché fu rimosso dall’incarico per aver preso posizione pubblicamente, durante la guerra, sula coscrizione obbligatoria, alla quale era contrario. Per le medesime ragioni dovette affrontare sei mesi di carcere nel 1918.... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali