Una perfetta sconosciuta - Alafair Burke - copertina

Una perfetta sconosciuta

Alafair Burke

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Elena Cantoni
Editore: Piemme
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 14 marzo 2017
Pagine: 432 p., Rilegato
  • EAN: 9788856658781
Salvato in 78 liste dei desideri

€ 15,72

€ 18,50
(-15%)

Punti Premium: 16

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Una perfetta sconosciuta

Alafair Burke

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Una perfetta sconosciuta

Alafair Burke

€ 18,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Una perfetta sconosciuta

Alafair Burke

€ 18,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Dall'autrice de La ragazza del parco.

«Sono un grande fan di Alafair Burke, autrice de "La ragazza nel parco. E Alice Humphrey è decisamente uno dei suoi personaggi più riusciti: non possiamo che tifare per lei.» - Michael Connelly

«Alafair Burke è una delle migliori autrici di thriller psicologici in circolazione.» - Dennis Lehane

«Un must per tutti gli amanti della suspense. La fine è uno shock che non vi aspettereste mai.» - Lisa Scottoline

«Attenzione: questo è il tipo di lettura che crea dipendenza.» - Karin Slaughter

«E se tutto ciò che hai intorno...fosse una bugia? E se nessuna delle persone che conosci...ti stesse dicendo la verità?»

Immagina che la polizia arrivi a casa tua e ti mostri una foto in cui tu - con i capelli di quel tuo rosso inconfondibile, il tuo cappotto blu - stai baciando un uomo. Peccato che quell'uomo sia stato trovato morto trentuno ore prima, e tu non ricordi di averlo mai baciato. Anzi, lo conoscevi appena. Era il tuo nuovo capo, l'uomo che ti aveva dato in gestione la galleria per conto di un misterioso proprietario. Il lavoro dei tuoi sogni: ti era sembrato troppo facile, troppo bello per essere vero. Eppure tutto era andato liscio, la galleria esisteva davvero, avevi firmato un contratto regolare. Adesso, però, guardando quella foto capisci che non c'era niente di regolare. Niente di facile. Perché là fuori qualcuno sta cercando di incastrarti, anche se non riesci a immaginare il motivo. Qualcuno che sa molte cose di te. E che forse ti è molto vicino... In questo thriller in cui nulla è come sembra, Alice Humphrey vede crollare intorno a sé, come un castello di carte, ogni certezza. Compresa quella più importante: la sua stessa innocenza.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,12
di 5
Totale 25
5
1
4
9
3
8
2
6
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Viola76

    07/11/2019 11:36:21

    Anche io sono per le 3 stelle...un libro carino, ma che aveva la stoffa per essere decisamente meglio. Le storie che si allacciano alla principale sono più interessanti di quella della protagonista, che in certi tratti rallenta fino alla noia. La Burke scrive bene, il suo stile mi piace, ma c è davvero tanta carne al fuoco, messa in modo un po' troppo evidente per riempire delle pagine. Inoltre si capisce sin dall'inizio che questo tizio che offre il lavoro alla galleria sia un truffatore. Bello il finale in cui i pezzi iniziano ad andare a posto e uno inizia a conoscere i personaggi.

  • User Icon

    Meer

    14/09/2019 11:25:26

    Come terzo libro dello della autrice, devo dire che le mie speranze non sono state tradite. Trovo che la Burke riesca a creare sempre trame molto intricate, ma mai simili tra loro. L'unica pecca è che a differenza dei precedenti libri, in cui i personaggi erano molto caratterizzati, trovo che in questo libro non sia resa giustizia.

  • User Icon

    Sara

    23/08/2019 16:34:38

    È il primo libro che leggo della Burke e nonostante lo stile non sia niente male, perfino piacevolmente ironico a tratti, il libro l'ho trovato un po' pesante. Per molte pagine non succede nulla di che, molti dettagli su questa galleria d'arte e sulla mostra di questo Pitti o sedicente artista. Le tre storie narrate, che poi ovviamente si incastrano nel finale componendo il puzzle, restano fastidiosamente slegate per troppo tempo. L'ultima parte si legge bene, bello il finale.

  • User Icon

    Arturo Scintilla

    09/07/2019 23:20:45

    Trama scialba e narrazione deludente.

  • User Icon

    Giulia

    22/06/2019 07:25:39

    Un thriller carino, a momenti però le azioni dei personaggi non sono proprio realistiche. A parte questo però bello e non scontato.

  • User Icon

    Alessandra R.

    19/03/2019 14:39:27

    Libro non degno di nota, acquistato con molta curiosità, ma decisamente deludente. Pochi colpi di scena e trama pressoché insignificante. Non lo consiglierei.

  • User Icon

    clo

    12/03/2019 08:04:21

    intrigante e appassionante come tutti i libri di Alafair Burke, scrittrice che apprezzo tantissimo.

  • User Icon

    giulia0104

    08/03/2019 21:31:24

    L'inizio della storia sembra abbastanza coinvolgente ma,mano a mano che si scorrono le pagine si fa sempre più pesante e noiosa. Il finale abbastanza scontato senza nessuna innovazione.

  • User Icon

    Sara

    08/03/2019 13:20:31

    Primo pregio: è un libro thriller standalone, senza seguiti, non inserito in una serie poliziesca. quindi se volete leggerlo non vi troverete invischiati nelle indagini del detective “tal dei tali” che poi si protrarranno per altri 30 libri. Secondo pregio: il ritmo è (abbastanza) dinamico i capitoli sono mediamente brevi e avvicendano il punto di vista (in terza persona) di più di un personaggio. Devo dire che inizialmente la storia è molto molto intrigante e interessante, sebbene nelle prime 150 pagine non si capisca quasi niente di ciò che sta succedendo però la curiosità di andare avanti e scoprirlo e davvero tanta. La seconda parte del libro, quella in cui finalmente si iniziano a capire i vari intrighi, sarebbe dovuta essere la parte migliore, purtroppo invece ha sortito su di me l’effetto contrario. I misteri in questo libro sono molti, troppi, la storia è ingarbugliata eccessivamente e lo sbroglio della matassa è stato di conseguenza eccessivo. Se vi piacciono i libri che sul finale vi tengono con gli occhi incollati alle pagine questo libro farò sicuramente al caso vostro, nel mio caso non mi ha soddisfatta in pieno, ma riconosco che è un buon thriller.

  • User Icon

    Il Caffè Netterario

    10/11/2018 17:20:47

    Alice Humphrey non sa che sta per trovarsi incastrata all'interno di una storia losca e pericolosa. Il romanzo è veramente scorrevole e sia i personaggi sia le loro azioni sono ben costruiti. Bisogna prestare molta attenzione anche ai dettagli minori, perché necessari ai fini della soluzione. Colpi di scena strepitosi ed un finale davvero sconvolgente! Un thriller ben costruito con una trama eccellente e suspense sublime.

  • User Icon

    gina

    23/09/2018 15:55:40

    Con un inizio che catapulta il lettore già al centro della storia, il libro prosegue poi ripercorrendo gli eventi antecedenti e, tornando al punto di partenza, quelli successivi. E lo fa seguendo però le storie di più personaggi che, inevitabilmente e inconsapevolvente, si intrecciano in un finale inaspettato ed originale. A me è piaciuto molto questo romanzo sia per la storia in sè che per il modo in cui viene raccontata. Ci si ritrova a leggere tre storie apparentemente differenti ma che, si scopre poi, riconducono alla medesima narrazione principale. Così tutti gli indizi, apparentemente slegati tra di loro, si intersecano come tasselli di un puzzle fino alla soluzione finale. Avvincente e interessante, questo romanzo lascia il lettore incollato alle pagine fino all'ultimo.

  • User Icon

    Marzia

    23/09/2018 09:22:22

    Il libro “Una perfetta sconosciuta” è la storia di Alice Humphrey, accusata di aver ucciso un uomo conosciuto poche ore prima. Tutti gli indizi conducono alla donna, che però ritiene che qualcuno la stia incastrando, ma chi? Il libro mi è piaciuto, sebbene all’inizio la storia si sviluppi in modo lento e sia un po’ intricata, dato che in poche pagine vengono presentati numerosi personaggi. La prima metà del libro non è molto avvincente, tuttavia, proseguendo nella lettura si è sempre più coinvolti nelle vicende della protagonista. Il finale non è scontato. Tutto sommato è un thriller che consiglierei.

  • User Icon

    vio

    21/09/2018 19:26:13

    Un inizio lento che ci presenta una protagonista e la sua vita, senza capire bene dove vuole arrivare l’autrice. Piano piano il mistero cresce e la storia diventa più interessante, mostrando alcuni colpi di scena, creando un puzzle dove i pezzi si incastrano fino alla fine quando la verità esce a galla completamente. All’inizio non si capisce il legame tra i diversi personaggi, sembrano tutti separati, invece sono legati da fili invisibili che creano una trama sicuramente interessante per un giallo. Anche se la prima parte è più lenta, verso la fine il tutto acquista velocità e rende la lettura molto più scorrevole.

  • User Icon

    simone

    18/09/2018 19:10:39

    La storia raccontata risulta essere un po' noiosa e confusionaria; ci sono dei passaggi molto coinvolgenti che tengono il lettore attaccato alla storia ma la maggior parte dei capitoli letti risultano abbastanza lunghi e noiosi senza nessun momento di suspance. La storia in sè potrebbe essere accattivante,peccato per la modalità di racconto che la rende noiosa.

  • User Icon

    tapparella 71

    07/09/2018 05:49:22

    Il classico libro estivo che si legge bene sulla spiaggia.Trama per niente scontata, una buona dose di particolari, personaggi il cui ruolo non viene svelato fino alla fine.

  • User Icon

    Vale1575

    05/05/2018 19:59:29

    Prolisso per 3/4 è affrettato il finale. Non mi ha soddisfatto.

  • Sinceramente, avendo letto il primo libro dell'autrice, mi aspettavo qualcosa di meglio. La prima metà del libro si poteva tranquillamente riassumere in qualche breve capitolo, non amo i libri che si dilungano senza motivo. Inoltre la traduzione lascia spesso a desiderare, a partire da "reato penale" (ma questo è solo uno degli errori presenti).

  • User Icon

    n.d.

    19/10/2017 14:06:51

    Thriller onesto, buona la trama, ben scritto

  • User Icon

    Umberto75

    15/09/2017 18:57:57

    Migliore del precedente, prende quota nel finale del libro, la prima parte invece è abbastanza monotono e poco accattivante. Tutto sommato un libro discreto

  • User Icon

    piero

    04/09/2017 11:44:00

    Sono perfettamente d'accordo con l'ultima recensione: incomprensibile, noioso, una faticaccia per seguire una trama che non sta in piedi. Vivamente sconsigliato!

Vedi tutte le 25 recensioni cliente
Le prime pagine del romanzo

Alice Humphrey capì subito che il bacio avrebbe rovinato tutto.
«Sa come si dice, signorina: un’immagine vale più di mille parole.»
Alzò lo sguardo dalla foto verso il poliziotto che aveva parlato, che di cognome faceva Shannon – il nome non se lo ricordava. Era quello con i capelli di un biondo slavato e il colorito rossastro. Pancia prominente, da bevitore.
La guardava letteralmente dall’alto in basso, e la cosa non le piaceva. La faceva sentire piccola, in trappola. Ripensò a poco prima, quando i due erano entrati in casa sua, chiedendosi se non avessero scelto apposta dove sedersi in modo da ottenere esattamente quell’effetto.
Shannon e il suo collega – si chiamava Danes? – l’avevano aspettata davanti casa, infagottati in cappotti e sciarpe, con i caffè stretti tra le mani per scaldarsi. Lei, invece, era arrivata ancora accaldata nella felpa che aveva indossato in fretta dopo la lezione di spinning.
Erano rimasti per qualche minuto a chiacchierare in strada, lei con le braccia incrociate, come per trattenere il calore, sempre più consapevole del sudore che le inumidiva il viso, mentre Shannon non la smetteva di lanciare occhiate alle chiavi di casa, fino a quando non aveva dato voce al suo pensiero: «E se continuassimo dentro?».
Amichevole. Gentile. Rispettoso. Lo stesso tono che avevano usato la mattina precedente. Soltanto un giorno prima. Circa trentuno ore, per essere precisi. Avevano accennato al fatto che forse ci sarebbe stato bisogno di contattarla di nuovo in futuro, ma poi erano comparsi lì, davanti a casa sua, senza alcun preavviso. Alice non aveva avuto scelta.
«Certo.
Salite pure.»
L’avevano seguita in casa. Si era versata un sorso d’acqua. Loro non avevano voluto nulla, ma si erano appollaiati sugli sgabelli sistemati intorno all’isola della cucina, mentre lei aveva optato per la sedia del tavolino da colazione, con lo schienale appoggiato al muro. Solo adesso si rendeva conto di essersi messa all’angolo da sola, letteralmente e metaforicamente. D’altronde era inevitabile: era l’unico posto nel suo piccolo appartamento in cui potesse sedersi senza dare le spalle agli ospiti.
Abbassò la cerniera della felpa, maledicendosi per non essersi fatta la doccia in palestra.
I due avevano avviato la conversazione con nonchalance. Qualche battuta lungo le scale sulla necessità di aumentare l’eser­cizio fisico.
Ancora un paio di domande, niente di più, le aveva detto Shannon.
Ma ora che erano in casa, Alice cominciava a notare qualcosa di strano nel suo tono. Non era più così amichevole, gentile e rispettoso. E poi c’era il fatto che si erano presentati a sorpresa.
Nonostante il suo allenamento fosse finito mezz’ora prima, il cuore le batteva all’impazzata e il sudore continuava a scenderle in minuscole goccioline lungo la nuca. Forse il suo subconscio era condizionato dalle troppe serie poliziesche, ma in un certo senso sapeva perché erano lì. Non ne conosceva le ragioni reali, ma una spiegazione se l’era data. Anche prima del bacio, sapeva che i due uomini erano lì per lei.
E poi le domande. Le sue finanze. La famiglia. Gli infiniti «ci parli ancora». Ci parli ancora di come ha conosciuto Drew Campbell. Ci parli ancora della galleria. Ci parli ancora del viaggio a Hoboken. Come se la volta prima non le avessero creduto.
Ma solo quando vide il bacio capì che la sua vita stava per andare in frantumi.
Shannon aveva fatto cadere la fotografia sul tavolo con noncuranza. Aveva disteso le dita tozze con un gesto quasi aggraziato, lasciando scivolare l’immagine di carta lucida, formato 20x25, sul piano di pino grezzo.
Alice abbassò lo sguardo sulla donna immortalata nello scatto e si riconobbe, gli occhi socchiusi, le labbra increspate, leggermente all’insù, posate teneramente sull’angolo della bocca di un uomo. Sembrava felice. In pace. Per quanto beata fosse la sua espressione nella foto, vederla le causò un’ondata di terrore. Inspirò a fondo per ricacciare indietro la nausea.
«Sa come si dice, signorina: un’immagine vale più di mille parole.»
Distolse lo sguardo per il tempo necessario a lanciare un’occhiata al detective Shannon. Quelle parole banali continuavano a risuonarle nelle orecchie, mentre il suo battito accelerato, impazzito, tuonava in sottofondo.
Tornò a fissare la foto. Non c’era dubbio che l’uomo ritratto fosse Drew Campbell. E anche se la parte razionale del cervello le stava urlando di non crederci, Alice non poteva negare che le labbra femminili che stavano accogliendo quel bacio fossero proprio le sue.
Accarezzò la fotografia, come se la donna nell’immagine dovesse da un momento all’altro prendere vita e girarsi verso di lei, in modo che Alice potesse dirle, sollevata: «Scusa, ti avevo scambiata per un’altra». Sentiva lo sguardo dei detective fisso su di lei. Era chiaro che si aspettavano una risposta, ma lei non sapeva proprio cosa dire. Non riusciva a far altro che fissare lo scatto, scuotendo la testa.
Alice Humphrey capì che quel bacio le avrebbe rovinato la vita, perché soltanto trentuno ore prima aveva camminato nel sangue di Drew Campbell sulle mattonelle bianche del pavimento della galleria d’arte in cui lavorava. Aveva cercato goffamente di sentirgli il battito, ritrovandosi a tastare uno strato di pelle morbida e fredda. E prima di vedere quella foto, avrebbe giurato sulla sua stessa vita che, a parte una stretta di mano, le sue dita premute contro la carotide di lui fossero state l’unico contatto fisico che avessero mai avuto.
L’ultimo anno non era stato facile, ma Alice si rese conto di non essersi mai fermata ad apprezzare le piccole comodità della sua vita, una vita in fondo piacevolmente ordinaria, prevedibile, sicura. Non lo sarebbe stata mai più.
Alice, come tutti, ignorava ciò che il futuro le riservava, ma qualunque cosa fosse, era appena stato distrutto da quella fotografia.
E non era che l’inizio.

  • Alafair Burke Cover

    Figlia dello scrittore James Lee Burke, è stata pubblico ministero a Portland, Oregon, e attualmente insegna diritto penale alla Hofstra Law School di New York. È già autrice di diversi thriller di successo e con La città del terrore (in Italia pubblicato da Newton Compton nel 2009) è stata per settimane in cima alle classifiche britanniche e americane. Nel 2016 ha pubblicato con Piemme La ragazza nel parco e con Sperling & Kupfer Così immobile tra le mie braccia, scritto a quattro mani con Mary Higgins Clark, con la quale collabora di nuovo per la scrittura del romanzo La sposa era vestita di bianco (Sperling & Kupfer, 2017). Nel 2018 pubblica con Piemme La ragazza che hai sposato e L'ultima volta che ti ho vista. Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali