La pericolosa partita di Ernest Beaumont Schoedsack,Irving Pichel - DVD

La pericolosa partita

The Most Dangerous Game

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: The Most Dangerous Game
Paese: Stati Uniti
Anno: 1932
Supporto: DVD
Salvato in 3 liste dei desideri
Dopo un naufragio tre passeggeri di una nave riescono a raggiungere una solitaria isola dove in un castello vive il sadico conte Zaroff, che li invita a restare per servirsene come prede in una terribile battuta di caccia all'uomo. Ma anche uno dei naufraghi, Bob Rainsford, è un cacciatore provetto, e insieme a una ragazza cercherà di sopravvivere a tutti i costi.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Film in bianco e nero
  • Produzione: Sirio Vide, 2003
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 63 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: 1,33:1
  • Area2
  • Irving Pichel Cover

    "Regista e attore statunitense. Attore esordiente (The Right to Love, Il diritto di amare, 1930, di R. Wallace), è valido comprimario nelle file della Paramount, dal melodramma (Una tragedia americana, 1931, di J. von Sternberg; La figlia del vento, 1938, di W. Wyler) al genere avventuroso (Oliver Twist, 1933, di H. Brenon). Approda intanto alla regia accanto a E.B. Schoedsack nel segno del thriller fantastico (La pericolosa partita, 1932), senza replicarne la tesa atmosfera di cupo esotismo in La donna eterna (1935). Trampolino per il debutto (Happy Land, 1944) e il lancio (Conta solo l'avvenire; Non c'è due... senza tre, entrambi del 1946) di N. Wood, nella regia di commedie sentimentali e zuccherose è più brillante quando vi intreccia il fantastico (Il signore e la sirena, 1948). Resta... Approfondisci
  • Leslie Banks Cover

    Attore inglese. Formatosi a teatro come attore, regista e produttore, debutta nel cinema nel 1932 interpretando il cortese e sadico Zaroff di La pericolosa partita di E.B. Schoedsack e I. Pichel. Negli anni successivi presta il suo volto segnato dalle cicatrici della prima guerra mondiale e la sua espressione glaciale a personaggi molto diversi: nel 1934 è il Bob Lawrence di L'uomo che sapeva troppo di A. Hitchcock, implicato suo malgrado in un'intricata vicenda di spie e segreti, mentre nel 1945 partecipa a Enrico V, il primo dei tre celebri adattamenti shakespeariani di L. Olivier. Approfondisci
  • Joel McCrea Cover

    Propr. J. Albert M., attore statunitense. Esordisce nel 1928 in piccoli ruoli per la mgm. Alla rko è protagonista di film sentimentali (Labbra proibite, 1932, di G. Cukor) dai risvolti erotici (Luana la vergine sacra, 1932, di K. Vidor) e matura i primi ruoli nell'avventura (La pericolosa partita, 1932, di E.B. Schoedsack e I. Pichel). È S. Goldwyn a offrirgli ruoli drammatici di spessore tra amori sordidi (La costa dei barbari, 1935, di H. Hawks) o presunti (La calunnia, 1936, di W. Wyler), difficili rapporti affettivi (Ambizione, 1936, di H. Hawks e W. Wyler) e contraddizioni sociali (Strada sbarrata, 1937, di W. Wyler). Finalmente protagonista del western tra epica della diligenza (Un mondo che sorge, 1937, di F. Lloyd) e della ferrovia (La via dei giganti, 1939, di C.B. DeMille), alterna... Approfondisci
  • Fay Wray Cover

    Attrice canadese. Debutta a ventun anni e gira ventiquattro film misconosciuti quando nel 1933 ottiene il ruolo di Ann Darrow, la fanciulla finita nell'Isola del Teschio fra le zampe di King Kong di E.B. Schoedsack e M.C. Cooper, uno dei capostipiti del film di fantascienza. Inorridita e affascinata dall'enorme bestione, passerà con lui dalla giungla alla cima all'Empire State Building di New York, prima che gli aeroplani da guerra glielo ammazzino. Le pose procaci e le infinite letture trasversali la innalzano a figura simbolo della storia del cinema facendo dimenticare tutte le altre pellicole girate fino al 1958. Quasi centenaria e acclamata, compare ancora nel 2002 in opere celebrative hollywoodiane. Alla sua morte, nell'agosto 2004, l'Empire State Building spegne tutte le sue luci per... Approfondisci
Note legali