-15%
Il peso della farfalla - Erri De Luca - copertina

Il peso della farfalla

Erri De Luca

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
In commercio dal: 3 settembre 2015
Pagine: 70 p., Brossura
  • EAN: 9788807886867
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 5,95

€ 7,00
(-15%)

Punti Premium: 6

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Il peso della farfalla

Erri De Luca

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Il peso della farfalla

Erri De Luca

€ 7,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Il peso della farfalla

Erri De Luca

€ 7,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 7,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il re dei camosci è un animale ormai stanco. Solitario e orgoglioso, da anni ha imposto al branco la sua supremazia. Forse è giunto il tempo che le sue corna si arrendano a quelle di un figlio più deciso. E novembre, tempo di duelli: è il tempo delle femmine. Dalla valle sale l'odore dell'uomo, dell'assassino di sua madre. Anche l'uomo, quell'uomo, era in là negli anni, e gran parte della sua vita era passata a cacciare di frodo le bestie in montagna. E anche quell'uomo porta, impropriamente, il nome di "re dei camosci" - per quanti ne aveva uccisi. Ha una Trecento magnum e una pallottola da undici grammi: non lasciava mai la bestia ferita, l'abbatteva con un solo colpo. Erri De Luca spia l'imminenza dello scontro, di un duello che sembra contenere tutti i duelli. Lo fa entrando in due solitudini diverse: quella del grande camoscio fermo sotto l'immensa e protettiva volta del cielo e quella del cacciatore, del ladro di bestiame, che non ha mai avuto una vera storia da raccontare per rapire l'attenzione delle donne, per vincere la sua battaglia con gli altri uomini. "In ogni specie sono i solitari a tentare esperienze nuove," dice De Luca. E qui si racconta, per l'appunto, di questi due animali che si fronteggiano da una distanza sempre meno sensibile, fino alla pietà di un abbraccio mortale.
3,84
di 5
Totale 104
5
48
4
22
3
16
2
6
1
12
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Liam

    11/03/2019 20:08:08

    Una sorta di parallelismo tra due Re ( a loro modo) della montagna. Da una parte un Camoscio diverso da tutti. Forte, intelligente e vecchio ormai. Solitario, nella conoscenza che ormai il suo tempo sta per finire ed è stanco di sfide per il comando. Dall'altra parte un vecchio uomo,consumato dalla montagna, capace di arrampicate e di cacciare dove altri non osano arrivare.

  • User Icon

    Irma

    08/03/2019 21:21:20

    Mi è piaciuto il primo racconto. Ha degli spunti di riflessione interessanti ed è coinvolgente pur nella sua palese inverosimiglianza e il fastidioso pensiero che sottende: "la bestia è meglio dell'uomo". Il re camoscio è fin troppo umanizzato e sono intenzioni umane a muoverlo quindi una storia del genere è possibile, e ci dovrebbe invitare a riflettere, solo a livello delle relazioni umane più che su quelle uomo-natura. Quello che chiude il libro invece non mi è piaciuto.

  • User Icon

    Andrea

    06/01/2019 15:30:03

    Un libro in cui le parole sono poche, ma pesate! Cosigliato soprattutto ai ragazzi, di una sensibilità rara

  • User Icon

    Gippo

    05/11/2018 19:10:54

    Che differenza c'è tra l'uomo e l'animale? L'uomo invecchia lentamente, mentre per l'animale il processo è più rapido. L'uomo tende a sopravvivere, mentre l'animale sceglie la morte. Ma il destino dei due sarà identico.

  • User Icon

    Vincenzo

    30/09/2018 07:55:51

    Letto tanto tempo fa, ricordo la scrittura di De Luca che lessi per la prima volta; bella, profonda, con descrizioni vivide. E la poetica della storia, con qualcosa di epico e universale. Un libro che consiglio.

  • User Icon

    Frank

    22/09/2018 08:29:44

    Con la grande metafore della caccia, in questo libro Erri De Luca ha saputo descrivere al meglio l'evoluzione della specie nella nostra società, attraverso le passioni ma prima ancora i bisogni primari. "Il peso della farfalla" io l'ho visto come una sorta di dialogo dell'uomo con il proprio io, che il spesso delle volte viene dimenticato e si pensa di essere "al di sopra del proprio ego", un libro che prima con gli animali e poi con gli uomini, riesce a concretizzare al meglio i sentimenti come mezzi per amare e odiare e non più come finalità.

  • User Icon

    Giovanni

    20/09/2018 13:07:09

    Volevo consigliare questa lettura a te che sei amante della montagna. Qualcuno non ama il linguaggio di De Luca: una ricerca estetica, proprio nella concisione della prosa, c'è, in effetti. Ma non credo sia un difetto. A me ha ricordato alcuni libri di Corona, un amante della montagna a cui nessuno può rimproverare di essere un animalista da salotto (che personalmente non posso soffrire).

  • User Icon

    zombie49

    10/09/2018 05:57:06

    Il re dei camosci, che da cucciolo ha visto morire la madre, colpita dal cacciatore, e la sorella, predata dall’aquila, lui che ha ucciso il rivale per la supremazia nel branco, è ormai vecchio. Sa che è la sua ultima stagione. Anche il bracconiere è anziano e stanco. Ha ucciso più di trecento camosci, per rivenderne la carne, la pelle, il trofeo delle corna; ha scalato montagne, ma il re gli è sempre sfuggito. Sono entrambi solitari, l’uomo e l’animale, e portano lo stesso soprannome: il re de camosci. Il cacciatore sa che è la sua ultima possibilità: il camoscio morirà quest’inverno, solo tra le rocce e il bosco, e lo avrà sconfitto. E’ un duello mortale, in cui è l’animale a mostrarsi più generoso. Il bracconiere non ha mai avuto scrupoli x il male commesso: il rimpianto non ripara le colpe. Ora però non vuole lasciare il corpo dell’avversario caduto ai saprofagi. E’ un racconto poetico tra fiaba e realtà, nella lotta primordiale fra uomo e animale, con intelligenza, istinto, forza, agilità. Per il suo re dei camosci De Luca inventa una farfalla bianca, posata sul suo corno sinistro, che lo accompagna dal giorno in cui ha ucciso il rivale. L’uomo e l’animale vivono in simbiosi con la natura, sanno cosa temere e come difendersi. Non amo i racconti con gli animali umanizzati, e forse il camoscio di De Luca ha emozioni un po’ troppo vicine a quelli dell’uomo; non sono però sentimenti buoni e stucchevoli. Il duello finale ricorda “Il vecchio e il mare” di Hemingway, una lotta paritaria fra uomo e animale, da cui entrambi escono al tempo stesso vincitori e sconfitti con onore. Gli uomini non potranno mostrare agli altri il proprio trionfo, perché il loro destino è legato a quello della preda. Il racconto è scritto con un linguaggio semplice, crudo, eppure poetico; è una storia di caccia e di morte, ma non è una lacrimosa vicenda animalista. Le ultime pagine sono dedicate a un cirmolo amico nelle Dolomiti di Fanes: forse anch’io ci sono passato accanto.

  • User Icon

    Mau

    25/04/2018 17:40:33

    giudiizio mediocre espresso da mio figlio

  • User Icon

    Tinama

    20/09/2017 09:29:21

    Erri De Luca è poeta dentro e fa poesia anche quando racconta o descrive.

  • User Icon

    Federico

    17/04/2017 09:46:30

    Italian Book Challenge 2016 - 32) Un libro che abbia per protagonista un animale: Il protagonista, sul cui corno sinistro si posa la farfalla del titolo, il cui peso avrà un esito fatale, è il re dei camosci, un appellativo che contende con l’altro personaggio, il cacciatore, al quale è strettamente legato, in questa stupenda storia con una poeticità tremendamente profonda.

  • User Icon

    Antonella M.

    07/08/2016 16:00:12

    carino ma niente di più, almeno è breve...

  • User Icon

    Antonella M.

    07/08/2016 15:59:34

    carino ma niente di più, almeno è breve...

  • User Icon

    Tin

    16/06/2016 15:22:52

    Due solitudini che si confrontano; due interiorità che duellano nel tempo, e che appalesano nella morte, quasi in contemporanea, la simbiosi di una vita passata a sfidarsi e a sfidare se stessi

  • User Icon

    lusitana

    23/03/2016 09:15:12

    Mah, che dire... io De Luca proprio non lo capisco, sarà anche un mio limite non lo nego,ma riesco sempre a rimpiangere i soldi spesi. Si vede che non è proprio nelle mie corde.

  • User Icon

    faffa

    13/02/2014 09:33:35

    La scrittura di E.De Luca anche in questo lungo racconto è densa e pregnante, carica di sottofondi da dedurre. Ed in questo consiste il pregio della scrittura dell'autore partenpoeo ... ma "Il peso della farfalla" come storia non è riuscita a coinvolgermi pienamente. E'novembre, la neve che ricopre le vette alte dei monti sta per arrivare e assolutamente il "duello" tra il vecchio capriolo e il vecchio cacciatore deve essere disputato. E'una partita aperta da venti anni e deve essere chiusa prima del sopraggiungere dell'impotente vecchiaia e della morte. L'ormai vecchio cacciatore di caprioli ne aveva uccisi ben 356. L'ormai vecchio capriolo aveva visto, in tenera età, uccidere sua mamma proprio ad opera del cacciatore un tempo giovane. Il capriolo aveva visto divorare da un'aquila sua sorella. Era cresciuto rapidamente e si era eletto capobranco. Ma ora tale ruolo non gli spetta più. E'vecchio e con un atto di forza un suo figlio indomito gli ha rubato lo scettro. Prima di morire, però, deve affrontare il suo acerrimo nemico: il cacciatore. Questi, prima di chiudere con la caccia, deve uccidere il vecchio capobranco che rappresenterebbe il suo ultimo trofeo. Lo scontro avviene sulle alte cime. Il cacciatore colpisce con il suo fucile il capriolo, ma ha rispetto per la sua carcassa. Questa non può essere divorata dai rapaci. La carica sulle spalle stanche. Il freddo e la neve sopraggiungono. Il corpo non resiste né al tempo, né alla vecchiaia. Sopraggiungerà la primavera e lì sulla vetta, al limite di una grotta, scorgerà due nemici ventennali uniti per sempre nella naturale conseguenza della vecchiaia.

  • User Icon

    Maurino

    30/09/2013 00:17:50

    Fantastico!! Quando l'ho finito avevo gli stessi brividi di quando anni fa lessi Il processo di Kafka, alla fine tutto finisce, che tu sia protagonista o antagonista, che tu sia animale o uomo, un filo d'erba o l'universo...ogni cosa ha il suo tempo, in questo caso i protagonisti e la storia stessa.

  • User Icon

    dony

    08/08/2013 15:39:22

    è veramente un libro poetico. Stupendo in tutti i sensi, divorato in poco più di due ore.

  • User Icon

    Memole

    16/12/2012 14:44:13

    Uno dei libri piú belli e poetici che abbia mai letto in vita mia.

  • User Icon

    fabio

    11/11/2012 10:12:35

    Il mondo è bello perché è vario e così c'è chi dice di non avere terminato la lettura del libro o di averci messo 4 giorni... mah, forse si tratta di approcci, di sensibilità, di quello che si pensa di trovare in una storia. Io ci ho messo due ore scarse, e l'ho trovato splendido. Poetico, per chi la Poesia la cerca (e la trova) anche in un testo narrativo (vedi le tre righe a pagina 23 dove il torrente di montagna De Luca ce lo fa sentire con la ripetizione delle "r"). Per il resto, è come il cinema: per qualcuno "Il favoloso mondo di Amelie" è un capolavoro, per altri ... che noia ...

Vedi tutte le 104 recensioni cliente
  • Erri De Luca Cover

    Diciottenne, vive in prima persona la stagione del '68 ed entra nel gruppo extraparlamentare Lotta Continua. Poi sceglie di esercitare diversi mestieri manuali in Africa, Francia, Italia: camionista, operaio, muratore. Studia da autodidatta l'ebraico e traduce alcuni libri della Bibbia. È opinionista de «il Manifesto».Ha pubblicato con Feltrinelli: Non ora, non qui (1989), Una nuvola come tappeto (1991), Aceto, arcobaleno (1992), In alto a sinistra (1994), Alzaia (1997), Tu, mio (1998), Tre cavalli (1999), Montedidio (2001), Il contrario di uno (2003), Mestieri all’aria aperta. Pastori e pescatori nell’Antico e nel Nuovo Testamento (con Gennaro Matino, 2004), Solo andata. Righe che vanno troppo spesso a capo (2005), In nome della madre (2006), Almeno 5 (con Gennaro... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali