Categorie

Pianeta blu, non verde. Cosa è in pericolo: il clima o la libertà?

Václav Klaus

Traduttore: D. Mengo
Editore: IBL Libri
Collana: Policy
Anno edizione: 2009
Pagine: 148 p., Brossura
  • EAN: 9788864400020
Usato su Libraccio.it - € 10,26

€ 16,15

€ 19,00

Risparmi € 2,85 (15%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Disponibile in 3 settimane

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Tullio Pascoli

    04/01/2015 14.31.03

    Lettura straordinariamente pedagogica, completa MA VERITE SUR LA PLANETE di Claude Allègre ed OGM TRA LEGGENDE E REALTA' di Dario Bressanini che ugualmente denunciano abusi degli eclettici attivisti ecologisti da Al Gore all'emblematico contadino francese José Bové. Vaclav avendo vissuto sotto il comunismo, vede il pericolo ecologista come nuova religione dogmatica che pretende sostituire quei regimi totalitari disumani, eliminando le libertà e le legittime aspirazioni individuali per imporre le loro tesi del tutto prive di base scientifica. Gli indottrinati ricorrono a false interpretazioni scientifiche allarmistiche, creando panico all'ingenuo pubblico, ma che servono soprattutto ad ottenere ambigui stanziamenti grassi dai politici populisti. L'autore cita numerose osservazioni di importanti ricercatori che negano le loro teorie sul riscaldamento globale: fenomeno sempre esistito e che dipende dalle attività del Sole. Fra gli specialisti chiama in causa pure l'ambientalista Danese Bjorn Lomborg autore de L'ECOLOGISTA SCETTICO in cui descrive le contraddizioni del movimento; osteggiatolo, lo denunciano per diffamazione, come già con gli intellettuali comunisti da Albert Camus e George Orwell che al rientro dall'Unione Sovietica osavando criticare la dottrina per gli orrori di Stalin, non hanno esitato pubblicare ciò che avevano presenziato, mentre Sartre, Togliatti ecc. molto ipocritamente tacevano. Vaclav critica pure il neo-malthusiano Paul Ehrlich che con LA BOMBA DEMOGRAFICA teorizzando l'apocalittica fine dei bei tempi, riprende le disastrose tesi pessimistiche di Malthus: in teoria, fin dagli anni '90 avremmo dovuto già trovarci in piena sconvolgente e disastrosa scarsità, in preda a drammatiche carestie. Eppure, nel 1980, il giovane economista Julian Simon coautore di ALLARMISMO E OTTIMISMO e SCARSITA' O ABBONDANZA?, sfidando Ehrlich, vinceva la scommessa, dimostrando che sulla catastrofe avrebbe prevalso l'abbondanza. Insomma, opera davvero da leggere!

Scrivi una recensione