Categorie

Alessandro Gnocchi, Mario Palmaro

Editore: Piemme
Anno edizione: 2008
Pagine: 252 p. , Brossura
  • EAN: 9788838468278

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Chiara

    13/11/2013 19.02.59

    Libro illuminante. Grazie Gnocchi e Palmaro! Per chi si dice stufo dei libri Gnocchi e Palmaro ricordo che nessuno li obbliga a comprarli. Nemmeno per una riga ho considerato gli autori presuntuosi bensì coraggiosi, visti i tempi. Consiglio indubbiamente il libro che ritengo anche divertente, nonostante i temi trattati, per la solita impagabile e pungente ironia degli autori. Non comprendo il concetto di "cattolico estremista": o si è cattolici o non lo si è. "Ti benedico, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così è piaciuto a te." Matteo 11, 25

  • User Icon

    tuttoèrelativo

    11/02/2011 19.20.43

    Ma questi due autori non fanno che sfornare libri in cui ripetono sostanzialmente le stesse cose (letto uno, li hai letti tutti)...Ma non hanno niente di meglio da fare? E' questo il modo di professare il loro credo cristiano? Sminuendo il lavoro di persone che hanno studiato una vita. Parole ottuse, aspre ed arroganti; non un minimo desiderio di confronto, i nostri conoscono solo la via della condanna.

  • User Icon

    Marina

    09/03/2009 16.46.17

    Premetto che sono cattolica praticante, e mi definisco radicale nelle mie scelte di vita. Tuttavia mi trovo "costretta" a condividere pienamente il discorso di Piero... trovo estremista questo libro. D'accordo che tutti possiamo avere le nostre idee, ma da qui a sminuire gente che su certe cose ci ha studiato una vita (v. Husserl, pedagogia contemporanea, teologia femminista, vescovi che cercano di dialogare, ecc.). E, non vorrei risultare paranoica, ma trapela anche una punta di maschilismo... E' un peccato, perchè il libro mi aveva attratto molto...Consiglierei ai due autori un bel bagno d'umiltà!

  • User Icon

    Piero

    21/11/2008 17.36.09

    Condivido parecchio di quanto scritto e molti spunti sono interessanti ma, secondo me, è comunque un libro "fariseo": la legge è più importante dello spirito. Arroccarsi intorno a precetti a difesa della propria purezza è considerato più fruttifero che farsi prossimo per amore (almeno così sembra). E' un libro abbastanza anticristiano. C'è nè per tutti: dal Cardinale Martini reo di dialogo al povero Tettamanzi reo di non avere pronunciato spesso il nome di Cristo in una omelia (!), da don Ciotti alle parrocchie che promuovono la raccolta differenziata, dai convegni in cui parlano gli atei (in fondo noi cristiani non siamo atei convertiti?) fino alle chitarre in chiesa (che male c'è? sono così belle le canzoni). Tuttosommato ritengo questo libro poco educativo e poco edificante, va letto con un decoder mentale per filtrare tutto il veleno contenuto ed assimilare solo le cose interessanti. Che pur ci sono.

  • User Icon

    fulvia

    17/11/2008 14.29.40

    Avendo acquistato i precedenti, ho preso anche questo e meno male! Un libro godibilissimo, schietto e verace come quelli cui i due autori ci hanno abituato, che fa sorridere, riflettere e pregare. Che fa vedere le cose nella luce della Verità, quella che da duemila anni si offre al cuore dell'uomo come la Via perché l'essere umano ritrovi il suo colloquio con il Creatore e si scopra figlio di un disegno di amore, non del caso nè del caos. Un solo rammarico: dover attendere un'altra splendida lettura come questa una volta terminato!

  • User Icon

    vilma

    18/09/2008 16.00.08

    Ci risiamo: la premiata ditta Gnocchi&Palmaro continua a fregarsene della tendenza generale e dice pane al pane e vino al vino. L'unica serie completa di libri che possedevo fino ad ora era quella del grandissimo e insuperato Guareschi (in duplice copia: una per la lettura, l'altra da tramandare ad eventuali pargoli, più qualche prima edizione conquistata gloriosamente dopo anni di ricerca e di.. salvadanaio :))). Dopo aver letto "Io speriamo.." sono stata letteralmente folgorata dall'intelligenza e dal, diciamolo, coraggio dei suoi autori, e così ho deciso che avrei dovuto "possedere" tutta la loro produzione. Finalmente due validissimi scrittori che nel 2008 non si vergognano di essere cattolici - cattolici d.o.c., senza "aggiustamenti" - e che, perciò, non esitano a mettere l'insegnamento del Cristo al primo posto in tutto,anche nella loro attività professionale. Un libro che obbliga a pensare, ma nello stesso tempo divertente e scorrevole (Giovannino docet!): consigliatissimo!!

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione