«Pietà per la creatura!». La durata umanistica e sacrale nella poesia di Pier Paolo Pasolini - Michela Mastrodonato - copertina
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
«Pietà per la creatura!». La durata umanistica e sacrale nella poesia di Pier Paolo Pasolini
30,40 € 32,00 €
LIBRO
Dettagli Mostra info
«Pietà per la creatura!». La durata umanistica e sacrale nella poesia di Pier Paolo Pasolini 300 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
30,40 €
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
30,40 €
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
«Pietà per la creatura!». La durata umanistica e sacrale nella poesia di Pier Paolo Pasolini - Michela Mastrodonato - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

«Pietà per la creatura!». La durata umanistica e sacrale nella poesia di Pier Paolo Pasolini Michela Mastrodonato
€ 32,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Pasolini conversa con i classici, come loro brandisce l'arma della poesia, accende un chiarore nelle zone più opache e dolenti dell'esistenza. Pasolini distilla come Petrarca, sogna come Dante, assapora, denuncia, protesta e si commuove come Leopardi, e come i grandi letterati racconta l'ebbrezza e il dolore di essere una «creatura». Il suo canto ha la durata verticale dello studium: un canto umano che resiste all'omologazione, che si dimena per proteggere l'unicità della creatura dalle unghie del Potere che la vorrebbe simile a sé. Per l'umanista Pasolini ogni fragile creatura è intoccabile, sacra, da accarezzare con «pietà». «Egli fu umanista. - diceva di sé - Abbandonò gli studi per girovagare per le periferie: ciononostante gli studi erano in lui». Alludeva alla sua eredità più duratura (che non passa forse per l'indomita militanza antiautoritaria, non per l'ostentata omosessualità, e neanche per lo scandalo del corpo esposto, esiliato, umiliato...). Alludeva all'eredità delle sue parole pietose, dello sguardo umanistico e selvaggio con cui Pier Paolo ha amato la realtà «caso per caso, creatura per creatura».
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2017
18 maggio 2017
374 p., Brossura
9788876676307

Valutazioni e recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
(1)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Costanza Balmer
Recensioni: 5/5

A partire dagli esordi letterari di Pasolini il saggio segue l’evolversi di una meditazione poetica che muta con le esperienze ma che in fondo si avvolge intorno a pochi ma resistenti approdi ideali di natura umanistica non abbastanza valorizzati dalla critica. Emerge, così, il sintomo costante (come direbbe Gianfranco Contini) di un’insistente e fertilissima conversazione con la «poesia della tradizione». Il saggio svela così il cuore umanistico della poesia pasoliniana che sotto pelle dialoga continuamente con i grandi della cultura occidentale: Virgilio, Petrarca, Machiavelli, Spinoza, tanto Leopardi, Pascoli, ma anche Sant’Agostino, San Paolo, il Vecchio e il Nuovo Testamento. E soprattutto Dante. Da questa tradizione Pasolini mutua il valore sacro dell’individuo, la durata creaturale di ogni singola esistenza, di ogni creatura irripetibile e intoccabile nella sua unicità. Anche il verso «Pietà per la creatura!» (La religione del mio tempo), è una citazione rigenerata ma ancora riconoscibile della supplica di Petrarca, poeta nient'affatto distante dalla sensibilità pasoliniana. In questa “durata creaturale” di origine umanistica, il saggio individua la portata eversiva e il radicale “antiautoritarismo” di Pasolini, la sua critica alla società dei consumi che spersonalizza, massifica, reifica e omologa «i tanti modi di essere uomini». In questo scenario si muove anche l’attesa di sacro di Pasolini. Non una banale nostalgia o ansia di sacro, ma appunto "attesa": una disposizione d’animo che non cerca, che non si mette in movimento, ma che sospetta una dimensione "altra", che sebbene contenuta nella materia storica percepita (Spinoza), allude a una luce ideale diversa. All’interrogazione dei testi poetici si affiancano incursioni nel cinema, nella prosa e nella produzione saggistica.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore