Artisti: Eric Clapton
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Reprise
Data di pubblicazione: 6 marzo 1998
  • EAN: 0093624657729

€ 13,20

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello
Disco 1
  • 1 My Father'S Eyes
  • 2 River Of Tears
  • 3 Pilgrim
  • 4 Broken Hearted
  • 5 One Chance
  • 6 Circus
  • 7 Going Down Slow
  • 8 Fall Like Rain
  • 9 Born In Time
  • 10 Sick And Tired
  • 11 Needs His Woman
  • 12 She'S Gone
  • 13 You Were There
  • 14 Inside Of Me

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Nazareno

    26/09/2012 18:18:31

    Rispetto al precedente "From The Cradle", la differenza è a dir poco abissale. Le sonorità tipicamente blues di pochi anni prima cedono qui spazio ad un pop elettronico, seppur di buon livello. L'uso massiccio di Pro Tools (idea del fido Simon Climie), di batterie programmate e di tastiere sintetizzate riavvicina questo lavoro del 1998 a quelli claptoniani dei suoi poco brillanti anni '80. Per contro la qualità del suono è eccelsa, merito di un maestro del missaggio quale Alan Douglas. Tra i brani spicca certamente il brano d'apertura "My Father's Eyes", che, insieme a "Circus", era stato tenuto nel cassetto dai tempi dell'Unplugged; e se della title-track non convince particolarmente la voce dolente e sussurrata di un Clapton per il resto in ottima forma vocale, vengono in soccorso "River Of Tears", "Goin' Down Slow", "Needs His Woman" e "You Were There" con le loro emozioni. All'amico Steve Gadd il chitarrista aveva annunciato di voler realizzare «l'album più triste di tutti i tempi»; e a tratti lo scopo non sembra affatto lontano: ma, accanto a sprazzi pop struggenti, ci si può imbattere in qualche incursione blues incerta ("Sick And Tired"). Non si tratta di un disco indimenticabile e non certo indicativo per chi non sa chi è Eric Clapton. Ma è un tentativo dignitoso e rispettabile di un artista che qui conferma la sua ecletticità di stile, muovendosi agevolmente in brani consigliati più al grande pubblico radiofonico che non alla platea blues cui di solito Slowhand si rivolge.

Scrivi una recensione