Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Oscar Mondadori -20%
Salvato in 34 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Le poche cose certe
16,15 € 17,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+160 punti Effe
-5% 17,00 € 16,15 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
16,15 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
17,00 € + 2,50 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
16,15 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
17,00 € + 2,50 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Le poche cose certe - Valentina Farinaccio - copertina
Chiudi

Descrizione


Finalista Premio Letterario nazionale Chianti 32ma edizione.
Dopo lo straordinario esordio di La strada del ritorno è sempre più corta, Valentina Farinaccio ci racconta con una voce unica, che cresce fino a farsi poesia, una storia tanto incantata quanto feroce di attese e incontri mancati, di errori e di redenzione.

"Arturo si era convinto di potere una vita speciale, ma poi non muoveva passi, verso l'ignoto, per paura di una vita vera. Il risultato era una vita fasulla, come quella delle formiche inoperose."

È da dieci anni che Arturo non sale su un tram. L'ultima volta che lo ha fatto era un giovane attore di belle speranze e andava a incontrare una ragazza perfetta e misteriosa, con il nome di un'isola, quella leggendaria di Platone: Atlantide. Ma il destino cancella il loro appuntamento e, da lì in poi, niente andrà come doveva andare. Oggi Arturo è un quarantenne tormentato da mille paure. Mentre attorno tutto si muove, lui resta fermo, immobile, come un divano rimasto con la plastica addosso in quelle stanze in cui non si entra per paura di sporcare. Quando sale sul tram 14, che da Porta Maggiore scandisce piano tutta la Prenestina, ha un cappellino in testa per nascondere i pensieri scomodi e nella pancia il peso rumoroso dei rimpianti. E mentre i binari scorrono lenti, in una Roma che si risveglia dall'inverno, e la gente sale e scende, ognuno con la sua storia complicata appesa al braccio come una ventiquattrore, Arturo, che nella sua vita sbagliata ha sempre aspettato troppo, fa i conti con il passato, cercando il coraggio di prenotare la sua fermata. Perché nel posto in cui sta andando c'è forse l'ultima possibilità di ricominciare daccapo, e di prendersi quel futuro bello da cui lui è sempre scappato. Dopo lo straordinario esordio di La strada del ritorno è sempre più corta, Valentina Farinaccio ci racconta con una voce unica, che cresce fino a farsi poesia, una storia tanto incantata quanto feroce di attese e incontri mancati, di errori e di redenzione. Perché dobbiamo correre il rischio di essere felici, anche se tutto da un momento all'altro potrebbe affondare. Perché nulla è certo, nella vita. Solo una cosa: che tra un'isola e l'altra c'è sempre il mare.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2018
27 marzo 2018
150 p., Rilegato
9788804687368

Valutazioni e recensioni

3,57/5
Recensioni: 4/5
(7)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(4)
3
(0)
2
(2)
1
(0)
diario di una book lover
Recensioni: 4/5

È un romanzo questo da leggere chiusi in una stanza, con la sola compagnia di se stessi. È un romanzo questo che ti fa fare su e giù con la testa, perché non puoi non annuire alle verità che dice. Alle scomode, verità che dice. È un romanzo questo destinato a chi per paura di perdere non prende. Tra le due parole, perso e preso, c'è una differenza tanto lieve di suono quanto è ampia di significato. Nel mezzo ci sono vite passate senza essere vissute. È un romanzo questo destinato a chi non è leggero, a chi non conosce l'assenza di disagio ma tutt'altro, ci deve fare i conti di continuo. E' una storia questa di certo non dinamica ma intima, che ti fa riflettere, ti mette a nudo. Con una prosa pulita ma intensa, Valentina Farinaccio ci porta nella vita di Arturo, che è un po' anche la nostra, in un percorso sofferto di crescita. “Arturo era un divano rimasto con la plastica addosso, messo in quelle stanze in cui non si entra per paura di sporcare, e di rovinare. Che certe vite, poi, invecchiano così: senza mai essere state usate”. Di questa autrice ho già letto l'opera prima “La strada del ritorno è sempre più corta”, che pure mi piacque tantissimo e che vi consiglio ugualmente. La Farinaccio va tenuta d’occhio! Parola di #booklover 😉

Leggi di più Leggi di meno
Towandaaa
Recensioni: 2/5

Il primo romanzo (“La strada del ritorno è sempre più corta”) mi era piaciuto molto, lo avevo trovato originale e fresco, sia nella trama che nel linguaggio. Questo invece, ad eccezione di alcuni passi che mi hanno colpita positivamente e mi hanno fatto riconoscere la scrittrice che ricordavo dal precedente, dal punto di vista dello stile, mi è sembrato un po’ troppo carico: di frasi a effetto “cercate” e non spontanee, di ritmo sincopato. Fino a un certo punto ciò può apparire funzionale a un romanzo che si snoda a capitoli alternati, molto brevi, tra un passato recente che ci racconta il fatto scatenante del blocco che ha colpito il protagonista e un presente che lo vede nel tentativo di ricostruire e superare il tutto. Ma il limite che secondo il mio personalissimo gusto sarebbe stato adeguato è stato superato più volte. Ho percepito questa sensazione, senza riuscire a darle un nome, per tutto l’arco della lettura; quando poi alla fine ho letto i ringraziamenti ho capito: la sua prosa si è troppo “gamberalizzata”. E già trovo che spesso la Gamberale esageri….. figuriamoci cosa penso di chi sembra volerla imitare ! Molto belli alcuni quadretti su personaggi minori, se non pure e semplici comparse, di cui la scrittrice, servendosi del tramite dei pensieri del protagonista, ricostruisce vita e abitudini con poche e dense osservazioni (come quello della signora con il carrellino della spesa). Mi è piaciuto pure l’explicit. Ma ritengo che sarebbe sempre meglio non abusare di frasi che colpiscono solo in prima o seconda battuta, mentre dalla terza in poi finiscono solo per appesantire e per dare l’idea di un vuoto che non si è stati capaci di riempire altrimenti. Un esempio ? Eccolo: “Chi gli resisteva accanto sperava che a un certo punto, poi. E in effetti a un certo punto, poi."

Leggi di più Leggi di meno
Cris
Recensioni: 5/5

Normalmente si dice 'divorato', io posso dire 'letto tutto d'un fiato', quasi in apnea, per non perdere il filo dei discorsi di e su Arturo, per accompagnarlo nel suo viaggio alla ricerca del perché di tutto, anche per vedere come va a finire... Per poi scoprire che la fine può essere un inizio con '... le gambe flaccide di paura. Ed è una paura bella..'. Davvero un bel libro, scritto con la prosa incalzante dei pensieri, dei dubbi, delle elucubrazioni, delle paure, del vorrei ma non posso, del potrei ma non voglio del protagonista che per paura di una vita vera si trova a vivere ' una vita fasulla come quella delle formiche inoperose'.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,57/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(4)
3
(0)
2
(2)
1
(0)

Conosci l'autore

Valentina Farinaccio è giornalista, scrittrice e critico musicale. Lavora per Auditorium TV, la web tv dell'Auditorium Parco della Musica di Roma, e collabora con "Il Venerdì di Repubblica". È autrice diversi libri: La sindrome di Bollani (2009), di Yesterday. Storia di una canzone (2015), La strada del ritorno è sempre più corta (2016), Le poche cose certe (2018), Quel giorno (2019), Non è al momento raggiungibile (Mondadori, 2022).

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi