Categorie

Iosif Brodskij

Curatore: G. Buttafava
Editore: Adelphi
Edizione: 5
Anno edizione: 1986
Pagine: 223 p.
  • EAN: 9788845906466
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:


(scheda pubblicata per l'edizione del 1986)
scheda di Rastello, L., L'Indice 1986, n. 7

"Pietroburgo è la quarta dimensione, segnata nelle carte geografiche solo con un punto; questo punto è il luogo di tangenza della sfera dell'essere con la superficie del globo e con quella dell'immenso cosmo astrale; questo punto e capace di sbatterti addosso in un batter d'occhio un abitante della quarta dimensione, dal quale non ti salverà nemmeno la barriera di un muro..." (Belyj). L'abitante della quarta dimensione, Brodskij, irrimediabilmente infetto dal morbo pietroburghese, nel 1972 attraverso il confine dell'impero per giungere in occidente portando con se, per riconoscerla nella laguna veneziana, nell'aria di New York, nell'inquietudine per i fatti d'Afghanistan, la città emersa dal nulla e madre della letteratura russa, "dove occhio e memoria operano con inusuale acuità", trasformata in lucidità analitica, ricordo doloroso, versi dal metro ora compatto ed armonioso, ora agitato dalla ferocia del contenuto. Nella raccolta (si va dal 1972 al 1985) al tema dell'esilio si alternano motivi mistici, quadri del nuovo impero ed il confronto con la letteratura occidentale, in una varietà di registri linguistici che va dal tono neutro ma teso con cui è affrontato il dramma afghano al linguaggio degli ultimi anni, a detta del curatore Buttafava: "imbevuto di idiotismi, (...) fino a certo 'turpiloquio' febbrile, a modi di dire popolareschi violentati e ricomposti in metafore talora misteriose".

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Davide

    28/07/2005 09.48.48

    Un'affermazione di poesia, paragonata alla farfalla... Così la penna va sopra la carta liscia di un quaderno, e non sa come finisce ogni sua riga, dove si mescolano saggezza ed idiozia ma si fida dei moti della mano, nelle cui dita batte la parola del tutto muta, senza togliere polline dai fiori, ma facendo più lieve il cuore. (Iosif Brodskij, "Farfalla", XI, in Id., "Poesie", a cura di G. Buttafava, Adelphi, 1998 [1986], p. 37)

Scrivi una recensione