Poesie. Testo francese a fronte

Paul Verlaine

Curatore: L. Binni
Editore: Garzanti Libri
Collana: I grandi libri
Edizione: 2
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
Pagine: XXXII-912 p., Brossura
  • EAN: 9788811365068
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 15,72

€ 18,50

Risparmi € 2,78 (15%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    23/08/2015 21:13:24

    Laido e purissimo come un tifone in pieno volto, magistrale e irritante come il sogno della perfezione, l'amore che sia amore striscia e vola oltre la felicita' di fragranze perdute, oltre la rozza e becera stoltezza di muse senza presa, e sente e scopre la sua miseria piu' alta nell'oro delle sillabe come stenti di contentezza finalmente appagati. L'anima non si nasconde piu' sotto le crepe di una maniera falsa, il sangue torce nelle arterie ogni direzione scontata, l'ordine si frantuma in petali dilaniati, e affiora la verita' del seme, affiora il poeta. Formidabile rovina di incanti, sfida e sberleffo ai sussurri della morale corrente, la parola qui e' nervo di dolcezza e bisogno, chiave di strepito e preghiera, ardimento e consegna. Verlaine e' immenso nei dettagli, ha la maestria dell'incisore attentissimo e la grazia dell'angelo in sorriso, intinge il pane in ciotole di speranza, in coppe di desiderio, e non trema se il sapore che torna e' povera sabbia a uccidere il palato. Raccolta preziosa, nave che guida verso porti di commozione autentica, volto e firma di uno spirito assoluto, contraddittorio e lacero di ogni lacerante contraddizione, ma inquilino del sublime come pochissimi. Poesia e' dolore accarezzato.

  • User Icon

    luciano

    19/12/2008 22:31:36

    Nella sua vita ha vissuto quella che si potrebbe definire "la ricerca di un tempo che non esiste", quello di un equilibrio che poco si sarebbe adattato al suo animo. In un unico abbraccio c'è posto per Dio e per un sonetto sul "buco del culo" dei momenti intimi con Rimbaud, e solo un ingegno così grande potrebbe ben comprendere la differenza che passa...Verlaine lo ha capito, come ha capito molte altre cose...

Scrivi una recensione