Il poeta e il suo libro. Retorica e storia del libro di poesia nel Novecento

Niccolò Scaffai

Anno edizione: 2005
Pagine: X-270 p.
  • EAN: 9788800861076
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione

Il libro di poesia è una raccolta di liriche in cui l'accostamento dei singoli testi dipende dalla strategia dell'autore. Superando l'ottica strutturalista, il volume combina tre prospettive: storica, critica e teorica. Nella prima parte, l'attenzione è rivolta agli elementi logico-formali, con l'obiettivo di individuare i principi per una retorica del libro di poesia. Gli esempi sono tratti dalla poesia del Novecento italiana e straniera, da Saba a Pavese, da Montale a Sereni, da T.S. Eliot a Derek Walcott. Nella seconda parte, la riflessione sul rilievo del libro di poesia nella coscienza degli autori contemporanei precede l'analisi di 3 poeti rappresentativi della letteratura novecentesca: Saba, Montale e Tiziano Rossi.

€ 15,98

€ 18,80

Risparmi € 2,82 (15%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Pasquale Caldarola

    19/01/2006 12:49:39

    Il saggio di Niccolò Scaffai è un eccellente strumento per tutti coloro che desiderino approfondire, secondo un interessante taglio retorico, gli aspetti progettuali del libro di poesia. L'analisi di Scaffai, che investe sia gli aspetti testuali che quelli paratestuali, unisce al rigore scientifico il pregio di essere chiaro e dalla lettura piacevole. Ricco di spunti investigativi sulle dinamiche macrotestuali, il saggio offre una duttile terminologia critica e un punto di vista metodologico di grande efficacia operativa. Indispensabile per conoscere più a fondo le architetture più intime del libro di poesia.

Scrivi una recensione