Politica pop. Da «Porta a porta» a «L'isola dei famosi»

Gianpietro Mazzoleni,Anna Sfardini

Editore: Il Mulino
Collana: Contemporanea
Anno edizione: 2009
In commercio dal: 8 ottobre 2009
Pagine: 181 p., Brossura
  • EAN: 9788815132734
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 8,10

€ 15,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alberto

    10/12/2017 09:32:24

    Ho letto questo libro nel 2017 e, sebbene alcune considerazioni sui programmi televisivi non siano più valide oggi, l'argomento è comunque trattato in maniera magistrale. La scrittura è fluida e girare le pagine è un piacere. Lo consiglio caldamente sia a quelle persone che vogliono fare una ricerca sull'evolversi della comunicazione politica, sia a quelle che vorrebbero iniziare a leggere di politica ma non sanno da dove cominciare.

  • User Icon

    Giacomo Di Girolamo

    04/01/2010 19:18:05

    Politica Pop, di Gianpietro Mazzoleni e Anna Sfardini, per Il Mulino, racconta l’evolversi dei luoghi del dibattito politico. Dai comizi in piazza, di una volta, alle apparizioni televisive: la politica è tutto uno show. Dal caso emblematico per eccellenza, “Porta a porta”, la terza Camera dello Stato, fino alle sottospecie, alle imitazioni, e a tutti quegli show, come “L’isola dei famosi” o “Striscia la notizia” dove ormai i personaggi della politica entrano a pieno titolo, per discutere o per essere discussi, per essere ammirati o per fare spettacolo. Anche i programmi dei partiti politici, fateci caso, assomigliano sempre di più ai palinsesti. Ma una politica tutta ripiegata sulle apparizioni televisive che politica è? E’ pur sempre democrazia, secondo Mazzoleni e Sfardini, nonostante i limiti, le contraddizioni (e, aggiungo io, le porcate) che la tv offre. Ma è pur sempre democrazia. I due studiosi coniano il termine, azzeccato, di “cittadinanza sottile”. I cittadini sono il pubblico. Il pubblico è fatto da cittadini. Assenti, distratti, più incantati che convinti, ma, che nella tv hanno una fonte quasi esclusiva di informazione. Quindi, meglio una cittadinanza, appunto, sottile, che il nulla.

Scrivi una recensione