Il ponte delle spie

(Bridge of Spies)

Titolo originale: Bridge of Spies
Paese: Stati Uniti; Germania; India
Anno: 2015
Supporto: DVD

28° nella classifica Bestseller di IBS Film - Drammatico

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 9,99

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Descrizione

In piena guerra fredda l'FBI cattura la spia sovietica Rudolf Abel, scatenando un'escalation di paura e paranoia. L'agente sovietico rifiuta di collaborare e viene rinchiuso in un carcere federale in attesa del processo. Come avvocato gli sarà affidato James Donovan, legale assicurativo con poca esperienza in casi così importanti, ma abilissimo come negoziatore. I due instaureranno un rapporto di stima reciproca e Donovan si batterà contro tutti per i suoi diritti. La sua abilità lo porterà a essere reclutato dalla CIA per negoziare a Berlino lo scambio di Abel con un prigioniero statunitense nelle mani dei sovietici, il pilota Francis Gary Powers. In Germania, Donovan, pur di difendere i suoi ideali, andrà anche contro le direttive della Cia stessa.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lorenzo Scaccabarozzi

    15/11/2018 18:33:03

    Niente di che, niente di nuovo: americani buoni e russi cattivi, come pure i tedeschi dell'est; i buoni uomini veri e intrepidi, gli altri solo macchiette. Berlino Est sempre desolata, innevata, cupa, notturna, quasi in bianco e nero; Berlino Ovest colorata e ridente. Come di norma, i russi parlano con quell'accento stupido con cui sono doppiati in Italia (uo-uo-uo); i tedeschi (dell'est) come il Paolo Villaggio dei primi tempi, i tedeschi dell'ovest invece normalmente, così come gli americani. Perché allora non far parlare gli americani come Stanlio e Ollio? Film pseudo-giallo di pura propaganda, niente scavo psicologico, riferimenti storici così così (se proprio si vuole un'opera seria sull'argomento si legga "Il cacciatore capovolto. Il caso Abel" di Kirill Chenkin, edizioni Adelphi, 1982): insomma, roba da far sembrare il vecchio "La spia che venne dal freddo" (1965) di Martin Ritt con Richard Burton (dall'opera di Le Carré) quasi un capolavoro. Evidentemente erano meglio i film DELLA guerra fredda che SULLA guerra fredda. Dimentichiamo.

  • User Icon

    fidep

    06/11/2018 11:47:43

    Bellissimo film, con ambientazioni d'epoca perfette e interpretazioni di alto livello. Nonostante sia piuttosto lungo (137 minuti circa) la tensione resta sempre alta e la storia risulta avvincente

  • User Icon

    Dora

    22/10/2018 09:38:45

    Un bel film, un cast perfetto. Probabilmente le situazioni più incredibili sono quelle più aderenti alla storia vera cui si ispira!

  • User Icon

    CIX

    23/09/2018 16:43:39

    Avvincente spy story basata su una vicenda vera, in una classica ambientazione da guerra fredda. Magnifica l’interpretazione di Tom Hanks.

  • User Icon

    Mario

    23/09/2018 06:24:06

    Bellissimo film, ottimamente scritto e realizzato, su un periodo oggi dimenticato e comunque su aspetti poco noti della politica internazionale, che merita di essere visto e fatto vedere. Uniche pecche: un Tom Hanks un pò poco espressivo e qualche lungaggine non strettamente necessaria, il film potrebbe essere accorciato di 20-30 minuti guadagnando in scorrevolezza.

  • User Icon

    caterina

    22/09/2018 15:53:40

    ll titolo del film fa riferimento a un ponte realmente esistente a Berlino, che per un tempo univa la zona est e quella ovest. Il soprannome gli viene dal fatto di essere stato spesso teatro di scambi di prigionieri tra i servizi segreti americani e quelli della Germania Est. Il ponte delle spie racconta la storia di James Donovan un famoso avvocato di Brooklyn, che si ritrova al centro della guerra fredda quando la Cia lo ingaggia per la negoziazione del rilascio di un pilota statunitense. E' una storia "vera" di guerra fredda, tra cancellerie e tribunali, intrighi e complotti. Bellissimo film, ottimamente scritto e realizzato, su un periodo oggi dimenticato e comunque su aspetti poco noti della politica internazionale, che merita di essere visto e fatto vedere. Grande regia , grande interpretazione di Hanks sostenuta dal grande livello degli altri attori non protagonisti e perfetta ambientazione storica

  • User Icon

    Tarcisio

    21/09/2018 04:20:35

    Film davvero bellissimo. Come sempre il maestro Steven Spielberg non manca un colpo. Diretto davvero con maestria. Tutta la durata del film scorre coinvolgendo lo spettatore che rimane affascinato dallo svolgersi degli eventi narrati, benchè poco noti.

  • User Icon

    afferma

    07/07/2018 15:32:57

    Storia poco nota, presentata con efficacia. Tom Hanks è invecchiato, ma è sempre un grande interprete e la garanzia di un film che si fa vedere con piacere..

  • User Icon

    Fabio Scarnati

    15/09/2017 10:21:03

    Tom Hanks, non ostante sia ormai imbolsito, svolge bene il compitino assegnatogli dal talentuoso regista di E.T., Schindler's List e Salvate il soldato Ryan, anche se siamo ben distanti dalle sue prove migliori come Philadelphia, Forrest Gump e soprattutto Castaway quando si tirò tutto da solo due ore di film (retto unicamente sulle sole sue spalle...e su quelle di Wilson che però non fa testo perché è un pallone di gomma sebbene con più espressività di Gabriel Garko). Nel complesso un film senza infamia e senza lode, tratto da una storia vera, che merita di essere visto non fosse altro per rivivere il clima di guerra fredda che si viveva in quegli anni, soprattutto nella Berlino del 1961 divisa dal muro fresco di costruzione.

  • User Icon

    SABINO

    11/04/2016 12:27:07

    Un film bellissimo scritto e diretto in modo perfetto. Poi c'è Tom Hanks che meriterebbe l'oscar per la sua interpretazione. Meraviglioso da vedere assolutamente.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

Un film di bruciante attualità, profondamente consapevole della sua funzione sociale

Trama
Brooklyn, 1957. Rudolf Abel, pittore di ritratti e di paesaggi, viene arrestato con l'accusa di essere una spia sovietica. La democrazia impone che venga processato, nonostante il regime di guerra fredda ne faccia un nemico certo e terribile. Dovrà essere una processo breve, per ribadire i principi costituzionali americani, e la scelta dell'avvocato cade su James B. Donovan, che fino a quel momento si è occupato di assicurazioni. Mentre Donovan prende sul serio la difesa di Abel, attirandosi l'incomprensione se non il disprezzo di sua moglie, del giudice e dell'opinione pubblica intera, un aereo spia americano viene abbattuto dai sovietici e il tenente Francis Gary Powers viene fatto prigioniero in Russia. Si profila la possibilità di uno scambio e la CIA incarica Donovan stesso di gestire il delicatissimo negoziato.

2016 - Oscar [Academy Awards] - Miglior attore non protagonista - Mark Rylance

  • Produzione: 20th Century Fox Home Entertainment, 2016
  • Distribuzione: Warner Home Video
  • Durata: 140 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Inglese; Italiano
  • Formato Schermo: 2,40:1
  • Area2
  • Contenuti: speciale