The Post (Blu-ray)

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Stati Uniti
Anno: 2017
Supporto: Blu-ray
Salvato in 11 liste dei desideri

€ 12,99

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
Blu-ray

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 12,99 €)

Un potente thriller politico in cui scelta morale, etica professionale e il rischio di perdere tutto si alternano in un crescendo di tensione che sembra in tempo reale.
Una lotta contro le istituzioni per garantire la libertà di informazione e di stampa senza esclusione di colpi.

Lui è un giornalista freddo e determinato che da cacciatore di notizie diventa un uomo in lotta per far emergere la verità.

Lei è una leader che non si era mai messa alla prova e impara a imporsi come donna in un mondo complesso.

Con un linguaggio narrativo incalzante ed essenziale, la storia parla di rapporti personali e di coraggio, ma porta Spielberg nel mondo del giornalismo investigativo in un momento molto critico per la nazione, in un ambiente che sta cambiando, con il crescente potere delle donne e la trasformazione delle redazioni in vere e proprie aziende.

Ma soprattutto la storia crea un contesto estremamente interessante per affrontare un dilemma senza tempo: quando si deve portare all’attenzione dell’opinione pubblica un grave pericolo nazionale, pur sapendo che la posta in gioco è molto alta?

La Guerra del Vietnam terminata nel 1975, costò la vita a 58.220 soldati americani e causò la morte di oltre un milione di persone. I Pentagon Papers svelarono gli inganni che portarono a questo massacro. Una storia oscura di assassini, violazioni della Convenzione di Ginevra, elezioni truccate e bugie raccontate al Congresso.

La storia dei Pentagon Papers racchiude in sé tante storie:
- quella di quattro amministrazioni presidenziali che mentirono alla nazione sulle circostanze della guerra per oltre 20 anni
- quella del perché l’ex marine e consulente militare Daniel Ellsberg decise di far arrivare i documenti alla stampa
- quella di come il New York Times gestì uno scoop spettacolare e incendiario, quella del processo
- quella delle implicazioni per i media, il Primo Emendamento e la democrazia stessa.

The Post sceglie un’angolatura nuova, concentrando la sua attenzione sugli intrighi umani e le personalità magnetiche al centro della decisione del Washington Post di combattere per la pubblicazione del dossier.
4,33
di 5
Totale 3
5
1
4
2
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Cristina

    23/09/2019 18:34:22

    Wow, un cast fantastico, una storia vera.. un film di Steven Spielberg . Consigliato, è davvero un film che fa riflettere.

  • User Icon

    Daniele

    11/03/2019 09:19:25

    Ennesima prova d'autore di Spielberg dietro la macchina da presa. Un film che per tanti aspetti ricorda il watergate raccontato in "tutti gli uomini del presidente" anche se la narrazione si incentra soprattutto sulla libertà e l'indipendenza di stampa. Film ben interpretato da 2 top hollywoodiani che forniscono valore aggiunto alla narrazione che altrimenti in alcuni casi potrebbe risultare un po' piatta e lenta. Il registra come sempre si affida alla colonna sonora di John Williams che arricchisce come sempre la pellicola con la sua ottima produzione.

  • User Icon

    Emanuele

    06/03/2019 12:10:50

    Bel film, ottime interpretazioni, anche se uma storia molto americana. Una storia vera anni '70 ma di una realtà politica un pò lontana da noi.

  • Produzione: 01 Distribution, 2018
  • Distribuzione: Eagle Pictures
  • Durata: 111 min
  • Steven Spielberg Cover

    Propr. S. Allan S., regista e produttore statunitense. È indubbiamente il più popolare e affermato regista contemporaneo (suoi i più grandi incassi della storia del cinema), ma è anche un grande maestro del racconto, capace di influenzare pesantemente l'immaginario di tutto il secondo Novecento. Al culmine di una fortunata esperienza televisiva, gira il film tv Duel (1971), geniale evoluzione del road-movie che si contamina con l'incubo grazie a un controllo della narrazione che già indica la grandezza del regista. Debutta al cinema con Sugarland Express (1974), originale rivisitazione del tema dell'inseguimento fra poliziotti autoritari e marginali post-hippies, cui segue il celebre Lo squalo (1975), intelligente unione di tensione emotiva e senso dello spettacolo. Il successo economico del... Approfondisci
  • Meryl Streep Cover

    "Propr. Mary Louise S., attrice statunitense. Bionda, volto spigoloso dai lineamenti duri, occhi sporgenti, dopo gli studi d'arte drammatica ed esperienze di successo in teatro e in televisione, esordisce sul grande schermo alla fine degli anni '70. Il primo ruolo importante lo ottiene nel drammatico Il cacciatore (1978) di M. Cimino, dove interpreta Linda, la sensibile fidanzata rimasta sola. L'anno seguente fornisce due ottime prove come vendicativa Jill nel crepuscolare Manhattan (1979) di W. Allen e come moglie in attesa di divorzio nel drammatico Kramer contro Kramer (1979, con cui vince l'Oscar) di R. Benton. L'estrema professionalità (è famosa per lo studio maniacale dei personaggi) e l'eccezionale talento in pochi anni la portano a diventare una delle più grandi... Approfondisci
  • Tom Hanks Cover

    "Propr. Thomas Jeffrey H., attore statunitense. Privo di una formazione professionale specifica, si distingue per lo stile fresco e spontaneo. Debutta come attore teatrale e televisivo e quindi s'impone al cinema prima con l'originale Splash - Una sirena a Manhattan (1984) di R. Howard, con Big (1988) di P. Marshall e poi con il sofferto ruolo di un avvocato malato di Aids in Philadelphia (1993) di J. Demme, con il quale vince l'Oscar e inaugura una parata di magistrali interpretazioni che segnano gli anni '90: vince un secondo Oscar con il premuroso idiota di Forrest Gump (1994) di R. Zemeckis, un giovane che cresce secondo i dettami del «right citizen» vecchia maniera e che imprevedibilmente raggiunge sempre miracolosamente il successo, senza però accorgersi che gli Stati... Approfondisci
Note legali