Categorie

Potere ed élites politiche. Saggi sulle teorie

Mario Stoppino

Editore: Giuffrè
Collana: Scienza politica
Anno edizione: 2000
Pagine: VI-282 p.
  • EAN: 9788814083006
Usato su Libraccio.it - € 9,76

€ 15,37

€ 18,08

Risparmi € 2,71 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibile in 10 gg

Quantità:
Aggiungi al carrello



Sola, Giorgio, La teoria delle ‚lites, Il Mulino , 2000
Stoppino, Mario, Potere ed ‚lites politiche. Saggi sulle teorie, GiuffrŠ, 2000
scheda di Bongiovanni, B. L'Indice del 2000, n. 12

La teoria delle élites postula che ogni forma di governo - non importa se democratica - comporti sempre il prevalere dei governanti organizzati e potenti (pochi) sui governati disorganizzati e dispersi (molti). Come sottolinea Sola, che ci offre un'utilissima ricostruzione teorica, e insieme una sistematica concettuale, tale teoria ha una duplice matrice italiana. Deriva infatti, come sfondo intellettuale, da Machiavelli e dalla visione realistica e demistificatrice della politica che ne è scaturita. Ha però la sua origine effettiva nel 1896, data della pubblicazione, da parte di Mosca, degli Elementi di scienza politica. Se però Mosca privilegia l'espressione "classe politica", ereditata dal dibattito politico italiano del tardo Ottocento e dagli scritti di Bonghi, Turiello, Sonnino, Franchetti e Villari, è a Pareto che si deve la notevolissima fortuna del termine "élite", il quale, peraltro, contiene di per sé un'accezione aristocratico-positiva, laddove il più limitativo "classe politica" sembra essere oggettivo-neutrale. In Michels comparirà poi il termine "oligarchia" (con la sua "legge ferrea") e anche, in riferimento ai dirigenti di partito, "Führerschaft". Weber e Aron useranno il termine di Mosca, mentre Mills non esiterà a discutere di "power élite". La ricognizione di Sola, comunque, ci conduce da Saint-Simon e Comte (precursori) a Giddens e al dibattito odierno. Il volume di Stoppino si avvale invece di un gruppo di saggi assai stimolanti su Mosca, Schumpeter, de Jouvenel, Lasswell e Bruno Leoni. La natura del potere, ancora non domata dalla democrazia, continua a essere al centro dell'attenzione.

Bruno Bongiovanni