Categorie

Franco Ferrarotti

Editore: Newton Compton
Anno edizione: 2004
Pagine: 128 p.
  • EAN: 9788854100046

Questo libro contiene saggi pubblicati in epoche diverse, ma accomunati dal tema che più di altri contraddistingue lo studio scientifico della politica. Oltre alla condivisione del tema, i vari saggi trovano un minimo comune denominatore nell'intenzione dell'autore di portare alla luce una propria personale definizione di potere. Lo studio di Marx, Dahrendorf, Weber, Mosca, Pareto e Gramsci, ovvero il ripensare l'insegnamento dei classici, offre l'occasione per sottolineare due questioni. Anzitutto, l'assunto che il potere è fenomeno sociale complesso, e quindi si presenta al contempo come "struttura" e come "relazione". È quindi una posizione oggettiva di dominio determinata dal possesso esclusivo e/o prevalente delle risorse decisionali e gestionali della vita associata. Al tempo stesso è un rapporto che presuppone comunque la presenza degli altri, sia pure in una configurazione asimmetrica. Questo aspetto suggerisce di non trascurare il ruolo che il consenso svolge nell'istituzione e nel consolidamento di un qualsiasi potere. Di grande interesse le pagine che Ferrarotti dedica al confronto teorico fra Lenin e Gramsci. Per il primo contava prendere il potere politico centrale, la società socialista sarebbe venuta in seguito; per il secondo vittoria politica e riforma morale e intellettuale della società dovevano essere contestuali. Solo allora la rivoluzione sarebbe stata profonda e duratura: restando processo in fieri a due livelli. Ed ecco la seconda questione: il potere, identificabile con la verticalità del fenomeno politico, può anche essere osservato e analizzato "dal di sotto", fra le trame delle relazioni sociali. Si consideri l'immagine che si forma presso i destinatari degli atti potestativi. Ci si renderà così conto che esiste un potere come imposizione e un potere come "autorità autorevole". Si conferma che il potere vincente è forza più legittimità.

Danilo Breschi