Curatore: S. Prina
Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
In commercio dal: 28 aprile 2016
Pagine: 190 p., Brossura
  • EAN: 9788807902345
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
È particolare l'emozione che ci guida quando ci accingiamo a leggere "Povera gente" di Dostoevskij perché tutto, in quest'opera, accade per la prima volta: la prima scala pietroburghese, sporca e cadente, la prima fanciulla umiliata e offesa, il primo sognatore innamorato e disilluso dalla vita, il primo sordido individuo pronto a sottrarre l'innocenza a chi gli sta intorno. Dostoevskij non aveva infatti mai scritto nulla in precedenza, e questo esordio è considerato uno dei più clamorosi della storia della letteratura mondiale. Il principale critico del tempo, Vissarion Belinskij, si entusiasmò al punto di parlare della comparsa dell'erede diretto di Puskin e Gogol', e per il ventiquattrenne Dostoevskij si spalancarono, anche se per breve tempo, le porte della fama. Povera gente è un romanzo epistolare che si svolge nell'arco di quasi sei mesi e che unisce nello scambio di lettere un modesto funzionario di mezza età e una graziosa fanciulla, orfana e senza protezione: povera gente, appunto, in una miserabile Pietroburgo, senza speranze o vie d'uscita, dove l'insulto e l'umiliazione sono parte integrante della vita quotidiana. Ma oltre al realismo sociale, "naturale", all'epoca così di moda, Dostoevskij fin da questa sua prima opera comincia a sperimentare le tecniche della scrittura che lo porteranno a rivoluzionare il romanzo dell'Ottocento, raccontando al lettore il tormento di essere scrittore.

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Sonia

    12/12/2018 09:58:07

    Il primo scritto dell'autore, creato a 24 anni. E' un romanzo epistolario struggente e poetico. Il suo modo di comprendere l'animo umano è prezioso

  • User Icon

    Pietro

    19/09/2018 13:27:02

    Probabilmente la traduzione, oppure il notevole contributo che il contesto storico esercitò nella ricezione di quest'opera, di cui io non dispongo, mi portano a valutare non coinvolgente questo libro. Certo: la resa dei personaggi è inquietantemente precisa. Tuttavia, questi tipi psicologici sono troppo semplici, rispetto alle loro caratteristiche(il loro numero e la loro individuazione) e rispetto agli intrecci con gli altri eventi(si consideri: è un romanzo epistolare). Lode, comunque, all'editoria, che trasmette inlingòa italiana il primo romanzo di Dostoevskij, a cui egli dedicò molto impegno; e che costituisce una tappa imprescindibile per cogliere lo sviluppo di Dostoevskij scrittore.

Scrivi una recensione