Editore: Einaudi
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 3 maggio 2011
Pagine: 131 p., Brossura
  • EAN: 9788806198756
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Le pozzanghere riflettono le luci dell'universo: "quello che capita a volte un po' di luna e le ombre dei randagi casuali". Sono un simbolo forte del panteismo eccentrico di Strumia, dove i meccanismi cosmici si manifestano, con un po' di mistero e molto understatement, nelle forme di esistenza minime e meno appariscenti. Per questo l'uomo trova uno specchio straniante ma anche profondamente veritiero negli insetti o addirittura nei batteri, in un fossile o in un grumo di resina. "Siamo atomi migranti": sembra la sintesi poetica del famoso racconto di Primo Levi sul carbonio. Quella di Strumia è una visione scientifico-materialista del mondo, ma non per questo meno segreta, piena di simboli indecifrabili. La sua poesia è lontana dalla tradizione lirica: l'io che viene rappresentato è frantumato e attraversato da forze conosciute e sconosciute, e viene sempre descritto da punti di vista dislocati apparentemente altrove, anche se proprio questi altrove sono l'unica possibile forma di identità. In questa direzione vanno la continua invenzione linguistica, la sfrenata fantasia delle immagini e delle associazioni, i cambi di ritmo, le sonorità incalzanti. Una brillantezza mai gratuita, che è tutt'uno con il lavorio del pensiero e le sue brucianti accensioni in presa diretta.

€ 10,62

€ 12,50

Risparmi € 1,88 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    alida airaghi

    21/09/2013 14:05:57

    Viviamo in tempi che proclamano a gran voce la frattura esistente tra mondo e soggettività, interno ed esterno, cultura e natura. Una disarmonia che ferisce l'individuo e la collettività, rendendo entrambi prigionieri di una condizione esistenziale di impotente sterilità. In tale terreno, scabro e irredimibile, si muovono i versi di questo psicanalista romano al suo primo volume di poesia. Strumia si rivela soprattutto nella sua fragilità di uomo scalfibile e votato alla sconfitta ("Sono nato scoperchiato // mi scopro nuovamente/ qualcosa senza guscio./ E non so che fare"; "sono un verme nel becco del mondo"; " io mi so mezza cartuccia"; "io che sono esperto di fughe e sottrazioni"), se il vocabolo a più riprese ripetuto nei suoi versi è proprio "paura": "anche il suono/ delle foglie fa paura", "Ho diritto alla paura", "la paura morde la pelle". L'unica àncora di salvezza è l'osservazione disincantata e asettica di ciò che ci circonda, dall' immensamente grande (universo, nebulose, eoni, galassie) all' infinitamente piccolo (batteri, insetti, microrganismi), con una sensibilità particolare sia per la bellezza folgorante, sia per ciò che appare inquinato, corrotto, fangoso (le pozzanghere, appunto). E non c'è nessuna visone laica o paganeggiante, bensì un continuo rimando a un'emotività cattolicamente intrisa di senso del peccato e della colpa. Anche la professione intellettuale è vissuta come un allontanamento dalla sana vitalità del "mondo scanzonato" del lavoro manuale, e persino la psicanalisi di cui vive Strumia è quasi un raggiro : "Un altro giorno da brigante/ diligente dondolando sui rami ad aspettare/ i pochi viandanti smarriti per la via". Questo risentimento della coscienza finisce per esprimersi in esacerbati manifesti di intenti, in programmatiche dichiarazioni di fede o di pensiero che risultano tra le prove meno riuscite del volume.

Scrivi una recensione