Categorie

Editore: Rubbettino
Collana: Varia
Anno edizione: 2015
Pagine: 106 p. , Brossura
  • EAN: 9788849844580

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Vincenzo D'adamo

    26/03/2015 23.37.32

    Precariato: punto e a capo. Una riserva di speranza La pubblicazione, curata dall'Associazione Culturale Laboratorio del Reale - con contributi autorevoli di Silvia Costa, Laura Petitta, Antonio Spadaro - propone una lettura inusuale della condizione di provvisorietà che definisce il precariato contemporaneo. Le risorse per il superamento della precarietà sono cercate nei luoghi primari di formazione, nei contesti strategici per la progettazione della società futura. Si sono interrogati sul ruolo che si trovano a svolgere la scuola e l'università oggi, per gli insegnanti, i docenti, gli studenti. Dal punto di vista psicologico e antropologico sono esplorate le capacità di "efficacia personale" e di "progettualità collettiva" che diano esito effettivo all'impegno a non arrendersi e a ricominciare sempre di nuovo, e a sviluppare una consistente creatività professionale coniugata con gli interessi sociali. Si sono considerati gli effetti del precariato nei confronti dei contemporanei "riti di passaggio e d'iniziazione" adulta e la riconsiderazione dell'idea liberante del lavoro, come atto creativo, contributo alla costruzione di una nuova identità sociale e all'integrazione a pieno titolo dei giovani nella vita collettiva. Dal versante dei programmi istituzionali e degli interventi politici nazionali ed europei, è presa in considerazione la promozione dell'imprenditorialità e dell'autoimprenditorialità, quali priorità da attuare attraverso lo scambio di buone pratiche, lo sviluppo di una nuova "mentalità per il lavoro", la formazione di abilità corrispondenti, il sostegno di precisi interventi economici. La formazione all'imprenditorialità, comprende un mix di elementi trasversali quali gli incentivi alla creatività, l'internazionalità, la capacità del lavoro di squadra, di risolvere problemi e di sapersi confrontare con il rischio.Il quadro generale che emerge dal libro, è sorprendentemente fiducioso e aperto al futuro.

Scrivi una recensione