Categorie

Luigi Carletti

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2012
Pagine: 220 p. , Brossura
  • EAN: 9788804614418
Usato su Libraccio.it € 9,18

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Luca

    04/06/2015 19.54.50

    Davvero un bel romanzo. Dopo aver letto Supernotes ho deciso di approfondire il personaggio Carletti e il suo stile. Non sono rimasto deluso. A mio avviso è un autore sottovalutato in rapporto a molti altri più blasonati.

  • User Icon

    giugi

    12/07/2013 18.47.29

    Buon libro, indefinibile nel genere, ma categorizzare non è poi così importante. Anzi, forse proprio questa indefinibilità lo rende apprezzabile. Non conoscevo Carletti e devo dire che vale molto di più di tanti autori osannati dal pubblico e sommersi di premi letterari. La trama è un po' improbabile, prevede degli eccessi da film, ma nel complesso è leggibile. I personaggi sono ben tratteggiati, soprattutto il protagonista. L'intreccio possiede ritmo, se ne potrebbe trarre sicuramente un buon film.

  • User Icon

    Lorso57

    24/03/2013 16.31.04

    Gradevole giallo atipico, ben costruito e scorrevole. La trama e' piuttosto improbabile, ma i personaggi risultano accattivanti.

  • User Icon

    Umberto Mottola

    19/01/2013 13.04.34

    E' un romanzo che mi ha appassionato e che ho letto davvero con piacere! Filippo Ermini è un giovane professore che è diventato paraplegico in seguito ad un incidente con la moto e, costretto su una sedia a rotelle, non ha più voglia di vivere. L'inquietante personaggio di Rodolfo Raschiani, andato a vivere anche lui in un appartamento del residence Villa Magnolia, intuisce qualcosa e, diventato amico del maggiordomo di Filippo, Isidro, e di Filippo stesso, cerca, a modo suo, di dissuaderlo dal suicidio. La storia di Filippo si intreccia con quella di Rodolfo e di Isidro con dei bei colpi di scena. La maggior parte dei personaggi sono "di destra", quelli femminili quasi sempre in secondo piano. Ci sono alcune piccole, perdonabili, forzature linguistiche.

  • User Icon

    donatella

    14/09/2012 11.24.16

    Buon racconto, coinvolgente, anche se un tantino scontato il finale. Comunque consigliato

  • User Icon

    Fernando

    28/06/2012 19.01.18

    Carletti è veramente bravo. L'avevo scoperto nel "Giuramento Etrusco" e poi me lo sono letto tutto. "Prigione con piscina" non è un giallo o noir anche se ci saranno morti ed indagini. E' sopratutto la storia del protagonista apparentemente ormai fuori dal mondo....Va letto con il rimpianto di essere arrivato alla fine e di doversi separare da un caro amico...E allora Luigi a quando il prossimo???

  • User Icon

    lusitana

    07/05/2012 14.32.56

    bello, bello e ancora bello. Dopo averlo letto mi è venuta voglia di leggere tutto quello che ha scritto Carletti; purtroppo due dei suoi libri sono difficili da trovare, ma non mi do per vinta, sono diventata una sua fan accanita. Consigliatissimo!!!!!!!!!!!!!!!

  • User Icon

    ant

    30/04/2012 22.54.18

    Avevo già letto dello stesso autore "Lo schiaffo" e avevo apprezzato, anche in questo caso confermo la bontà dell'opera. Un romanzo che ha come protagonista un ragazzo finito su una sedia a rotelle a causa di un incidente in moto, la location degli avvenmenti è un residence esclusivo di Roma abitato da borghesotti pettegoli e pieni di sè. A Villa Magnolia(il residence di cui sopra) arriva un personaggio misterioso che stravolge il normale clichè della routine quotidiana degli abitanti del posto, ed ecco che la storia decolla. Il bello del libro sta, a mio parere, proprio nelle descrizioni sia dei dialoghi tra il protagonista Filippo e Rodolfo Raschiani, detto Rudy che nello scoprire pagina leggendo i molti misteri personali dei tanti abitanti del residence, naturalmente focalizzando l'attenzione su Filippo e Rudy. Un libro che racchiude pagine di profonda umanità, tra i vari personaggi descritti sicuramente un ruolo di primaria importanza lo svolge Isidro, il cameriere peruviano di Filippo, così come è ben delineata la personalità di Alessia l'amica milanese sempre di Filippo. Quello che spicca però su tutti è il misterioso Rudy, con trascorsi di malavitoso, che riesce non solo a carpire tanti segreti di Filippo, ma che con arguzia e intelligenza imbastisce un qualcosa che rappresenterà il clou della vicenda e che naturalmente... nn vi dico. In questo romanzo sentimenti come freddezza e insofferenza verso l'estraneo si alternano a clamorose aperture e sfoghi personali, facendo sì che una gamma corposa di sensazioni umane tra le più svariate siano , a mio avviso, le vere protagoniste del libro. Bello e consigliato

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione