Categorie

Jay Asher, Carolyn Mackler

Traduttore: M. Rossari
Editore: Giunti Editore
Collana: Y
Anno edizione: 2012
Pagine: 400 p. , Rilegato

Età di lettura: Young Adult.

Scopri tutti i libri per bambini e ragazzi

  • EAN: 9788809771314

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    LadyAileen

    13/07/2012 20.02.09

    Prima del futuro è il nuovo romanzo autoconclusivo per adolescenti che mescola fantascienza e romance con un tocco di ironia che non guasta. E' il 1996, internet è agli albori, poche persone si possono permettere un cellulare e il videoregistratore è l'unico modo per non perdere i nostri programmi preferiti. E' proprio in questo periodo che due semplici ragazzi, senza volerlo, riescono ad accedere a Facebook e con la possibilità di sbirciare e modificare il loro futuro. Filerà tutto liscio? I due protagonisti sono due amici d'infanzia Emma e Josh (i loro punti di vista sono alternati, a volte cambiano troppo spesso, e sono in prima persona): Emma ha molti flirt ma non si lega mai veramente a nessuno per paura di soffrire, è egoista e superficiale all'inizio. Invece Josh è innamorato di lei ma quell'unica volta che ci ha provato non è andata bene. E' il tipico bravo ragazzo: tenero e dolce. Ho apprezzato la loro caratterizzazione anche se Emma non risulta molto simpatica. Vivono un rapporto raccontato in maniera davvero credibile. Una storia davvero simpatica, interessante e che riesce a coinvolgerti sin dalle prime pagine e a tenerti incollata fino alla fine (grazie anche ad uno stile scorrevole e alla possibilità di vivere la storia dai punti di vista dei due protagonisti). L'unica cosa che avrei approfondito è come sia stato possibile questa magica apparizione di Facebook nel passato (comunque è stata un'idea ben sfruttata). Proprio perché pensato per un pubblico giovane non potevano mancare aspetti come la vita scolastica, i primi amori, l'amicizia, il rapporto conflittuale con i genitori, il divorzio e le gelosie. Un romanzo leggero, fresco e anche un po' nostalgico soprattutto se agli anni 90 sono legati bei ricordi della vostra vita.

  • User Icon

    Franci

    03/07/2012 18.35.23

    Una lettura young adult adatta a questa stagione,perchè il nostro cervello abbastanza fuso dal caldo,ha bisogno di leggere un romanzo che sia semplice,con una storia non complessa,dove non bisogna ricordare vari poteri,vari intrecci o situazioni ingarbugliate,ma che sia lo stesso piacevole. Gli autori ci riportano nel 1996,dove ancora non sono stati inventati Ipod,Iphone,pc piatti o connessione wi-fi,ma pc ingombranti con Windows 95,e la vicenda parte proprio con l'arrivo in casa di Emma di questo pc. L'intero racconto si svolge nell'arco temporaneo di quasi una settimana e i capitoli vedono alternarsi il punto di vista di Emma e di Josh. I personaggi maggiormente caratterizzati sono i protagonisti: Emma è una ragazza che per la maggior parte del libro pensa molto a stessa,alla sua esistenza,mettendo i propri interessi al primo posto,senza tener conto degli altri..l'ho trovata parecchio egoista; mentre Josh è riflessivo,responsabile,con una scarsa autostima,amante dello skate,disegnatore e un po' impacciato con il sesso opposto..tra i due è stato il mio preferito! Ho trovato interessante questa storia perchè dal momento in cui Emma e Josh vengono catapultati nel mondo di Facebook,la loro vita cambia. Divertenti le parti in cui leggono i commenti su Facebook,trovano parole sconosciute e cercano di capire il suo funzionamento; mentre fuori dal mondo virtuale si conoscono gli amici,quelli che si possono definire veri,perchè ti stanno accanto sempre e che ti aiutano a prendere le decisioni migliori,e la vita del liceo. Il titolo è Prima del futuro e alla fine capirete che è proprio così,ma non vi lascio la morale,perchè rischierei di svelarvi troppo :)

  • User Icon

    Eleonora89

    14/06/2012 20.43.26

    Un libro interessante, questo, che consiglio soprattutto ai Facebook-dipendenti, a chi non riesce a vivere appieno nulla che non sia condiviso con almeno altre trecento persone. La storia di Emma e Josh fatica un po' a ingranare, vi dico la verità, ma quando decolla lo fa con una forza espressiva e un'intelligenza uniche. Emma è un po' la "vocina cattiva" che è dentro di noi, quella che ci impedisce di lasciarci andare, di credere all'amore e, soprattutto, di confidare nel presente. Emma ignora l'oggi e vive in funzione di un domani che non ha nulla di certo ma, soprattutto, la nostra protagonista sembra non sapere che il futuro va costruito - passo dopo passo - con le gioie e i dolori che ci riserva il presente. Josh, di contro, è un personaggio adorabile: simpatico, un po' impacciato ma sincero, sempre onesto nei confronti degli altri e soprattutto di se stesso. Tra le altre cose, di questo libro mi sono piaciuti i dialoghi: credibili, talvolta divertenti, e mai artificiosi e falsi. Non sembra neppure scritto a quattro mani, questo romanzo: sembra il frutto dell'ispirazione pura e felice di un'unica mente. Davvero un buon libro, originale e appassionante, consigliabile per i lettori di qualunque età (con un particolare accenno ai nostalgici come me, a quelli che guardano con affetto all'epoca della connessione lenta, delle partite a Solitario in attesa della scritta google).

  • User Icon

    Stefania

    14/06/2012 13.04.48

    Un romanzo che mi ha stupita ed appassionata pagina dopo pagina grazie al linguaggio fresco e giovanile che fa scorrere velocemente le pagine sotto i nostri occhi e per la tematica attuale toccata. Un romanzo che fa fare al lettore un piacevole salto nel passato ed arricchisce la narrazione con situazioni che alternano momenti di amicizia, di amore e di odio adolescenziale tra i due protagonisti. A me è piaciuto tantissimo. Mi ha fatto pensare alle prime esperienze al pc ed in internet. La mia prima mail! Quasi non sapevo nemmeno cosa significasse averne una! Una lettura che lascia anche un sacrosanto insegnamento ai posteri. Una gran bella morale tutta per noi. Purtroppo al giorno d'oggi anche noi viviamo facendoci condizionare da Facebook e tendiamo a cambiare umore o costruire castelli in aria in base alle nostre interpretazioni sugli status delle persone che si hanno tra gli amici. Io penso che tutto quello che viene pubblicato vada preso con le pinze: non è tutto oro quello che luccica... In conclusione un bel romanzo godibile ed apprezzabile da chiunque. Una lettura rilassante e spensierata per l'estate sotto l'ombrellone che consiglio per trascorrere piacevoli ore in sua compagnia.

  • User Icon

    Mockingjay

    13/06/2012 14.14.03

    Ho letto il libro in appena due giorni (terminandolo a scuola durante una lezione di storia!), proprio perché lo stile dei due autori è molto scorrevole e piacevole e, nonostante i capitoli siano di appena poche pagine, questo non da alcun senso di interruzione. Ad ogni capitolo è "assegnato" un punto di vista: da un lato quello di Emma, dall'altro quello di Josh; ed è una cosa molto interessante, perché permette di vedere gli stessi avvenimenti (infatti il libro si svolge nell'arco di tempo di una settimana) da due punti di vista, entrambi adolescenziali: uno maschile e uno femminile. Devo dire che anche tutti i personaggi mi sono piaciuti molto, Emma in particolar modo, infatti ho apprezzato moltissimo la sua forza di volontà e il suo coraggio. Josh, invece, non mi è piaciuto molto nella parte centrale del libro, dove mantiene un atteggiamento da vero idiota. Ho apprezzato molto anche gli altri personaggi, soprattutto la coppia formata da Kellan e Tyson, molto carini insieme! In sintesi, non posso fare altro che consigliarvi Prima del futuro, un romanzo leggero e incredibilmente piacevole!

  • User Icon

    Sara Booklover

    11/06/2012 12.55.23

    "Prima del futuro" è un romanzo per ragazzi davvero molto carino, che, con la sua freschezza e semplicità riesce a far breccia nel cuore del lettore in maniera diretta e disarmante. E' una storia lieve, dolce, a volte un po' nostalgica, a volte vivace e piena di speranza, che fa riflettere e che mi sento di consigliare anche ai lettori adulti, quelli che sono cresciuti senza Facebook, perché riusciranno ad immedesimarsi immediatamente sia nell'ambientazione temporale e sia con i protagonisti. La mia unica delusione è che gli autori abbiano deciso di dare spazio solamente alla componente reale, mentre quella "sovrannaturale" che ha dato inizio alla storia e che ha portato i protagonisti a conoscere un assaggio del loro futuro non è stata approfondita e a fine lettura si rimane ancora con il dubbio di come sia stato possibile. Lo consiglio a tutti colori che hanno un account su Facebook, sia ragazzi che adulti. Molte delle situazioni descritte vi faranno sorridere e vi sentirete maggiormente immedesimati nella vicenda. Lo consiglio inoltre a chi ha voglia di un libro leggero e carino sui rapporti di amore e amicizia tra adolescenti, da leggere velocemente, ma che una volta concluso non finirà nel dimenticatoio.

  • User Icon

    B_16

    08/06/2012 12.58.41

    Prima del futuro è un libro scritto a quattro mani, ben riuscito direi, dove abbiamo due voci narranti, Emma e Josh. Scritto ora dal punto di vista di lei, ora dal punto di vista di lui noi lettori veniamo trascinati nella storia e ci perdiamo in essa, perché catapultati in un passato non troppo lontano che in molti ricorderemo di sicuro. Gli affetti di infanzia, le amicizie consolidate, il cruccio del liceo, le prime cotte adolescenziali che ci lasciavano al quanto "scottate" e i primi computer con connessione a internet la cui lentezza ci poteva fare anche ingrigire i capelli. Jay Asher e Carolyn Mackler hanno saputo creare una storia davvero carina, ben scritta e che si lascia leggere facilmente. I libri scritti a quattro mani, non sempre riescono bene perché si nota una sorta di differenza tra capitolo e capitolo. Invece, prima del futuro, è privo di stonature; è una lettura lineare che ti coinvolge totalmente. Mi sento di consigliare questo libro a tutti: sia ai giovani adulti che agli adulti. Perché? Perché è una piacevole fotografia del nostro passato.

  • User Icon

    Monica

    05/06/2012 12.44.21

    1996, Emma e Josh sono migliori amici, non fosse per un bacio mancato che li ha allontanati un po' negli ultimi tempi. Emma riceve dal padre un nuovissimo pc, e Josh porta ad Emma un cd-rom di AOL, il primo provider internet con cui connettersi alla rete ed entrare nel grande nuovissimo mondo del Web. Quando AOL ha finito di caricarsi, ad Emma appare una schermata stranissima: un banner blu su una pagina bianca piena di immagini e scritte che non riesce a collocare. La scritta recita "Facebook" e c'è una foto piccolina in cui è ritratta una ragazza dal volto troppo familiare. Emma capisce solo una cosa: che quella ragazza di 15 anni dopo non è felice e forse non lo sarà mai, qualunque cosa faccia prima di allora. Emma ha aperto una finestra sul futuro, un piccolo spiraglio in cui sbirciare, ma siamo sicuri che sia giusto guardare e cercare di modificare il futuro in base a ciò che si è visto? Modificare il proprio comportamento odierno per influenzare il futuro? Il libro scorre, la storia è carina ed originale, Emma è un tantino egocentrica, Josh invece un ragazzo semplice, ma che mette l'amicizia al primo posto. Insomma, tutto sommato un buon libro.

  • User Icon

    Ilaria

    01/06/2012 16.57.18

    L'ho letto tutto d'un fiato, piacevole, scorrevolissimo. Non vedevo l'ora di addentrarmi tra le pagine di questo romanzo, dalla trama accattivante e innovativa. Siamo nel '96, negli anni in cui ancora l'ADSL non era nata e per navigare sulla rete occorreva occupare la stessa linea telefonica utilizzata per le chiamate. Emma, con il suo nuovo pc provvisto di Windows '95, si connette a Internet ma, inaspettatamente, una finestra le chiede di inserire la sua email e relativa password. Ecco che la 17enne scopre Facebook per la prima volta, diversi anni prima della sua invenzione. Lei e Josh, miglior amico della ragazza dall'infanzia, col quale pochi mesi prima si sono raffreddati i rapporti per un episodio un po' spiacevole, stanno per scoprire cosa li attende tra quindici anni. La narrazione è doppia: un capitolo è scritto dal punto di vista di Emma, l'altro da quello di Josh. Sinceramente mi aspettavo qualcosa di più: la trama e l'idea sono buone, come si evolvono i fatti e le peripezie un po' meno. Mi è suonato come qualcosa di già visto, ovviamente non per il contenuto di fondo dal quale si dipana poi lo svolgimento, ossia lo scoprire che esiste un sito (ben 15 anni prima della sua invenzione!) sul quale è consuetudine annotare ogni pensiero, ogni azione di una persona per renderlo visibile a tutti. Tutto sommato è un romanzo che fa riflettere sul nostro presente, sulle azioni di cui siamo protagonisti oggi, che potrebbero influenzare gli eventi futuri. Non male.

  • User Icon

    Rowan

    28/05/2012 22.31.35

    Facebook: il Social Network per eccellenza, il sito che tutti conoscono. Disponibile in più di 70 lingue, conta 850 milioni di utenti. Al giorno d'oggi è solo un modo pratico e veloce per comunicare, ma.. se nel 1996, con il vostro primo computer, aveste avuto accesso a questa misteriosa pagina bianca e blu, trovando il vostro profilo del 2010.. come reagireste? Lo ammetto: ad attirarmi non è stata né la copertina né la trama. Ho voluto leggere Prima del futuro principalmente perché lo stile di Jay Asher (autore di 13), mi piace.. ma sono felice di poter dire che ne è valsa la pena. Il libro è ben scritto, scorrevole e leggero, si legge in un paio di pomeriggio e a trascorrere qualche ora in compagnia di Josh, Emma, Kellan e Tyson, quattro amici alle prese con la scuola, le cotte e.. il futuro. Tutti i personaggi sono ben costruiti e (quasi non ci credo) per una volta ho apprezzato molto anche il protagonista maschio.. di solito faccio molta fatica. Ho detestato Emma nella parte centrale della storia, ma so che il suo comportamento era necessario a far accadere delle cose importanti nel libro e quindi capisco le ragioni.. Ho apprezzato anche il fatto che i capitoli siano divisi tra Josh ed Emma, questo non solo ci permette di sapere più dettagli della storia, ma è anche un modo utile per conoscere il punto di vista maschile e femminile sul mondo, sui rapporti e sulla vita in generale. Pollice in su anche per gli argomenti trattati: amore, amicizia, ma anche il rapporto difficile con i genitori, il divorzio, la scuola.. fa sempre bene leggere di queste situazioni. L'unica pecca sono i capitoli.. sono davvero troppo corti! Molti non durano più di una pagina e mezzo.. non facevo in tempo ad abituarmi a chi dei due parlasse, che si era già passati all'altro personaggio. Un romanzo autoconclusivo ottimo per passare qualche pomeriggio.. non è una lettura indispensabile, ma mi sento di consigliarla a chi cerca qualcosa di leggero :)

  • User Icon

    Sara

    28/05/2012 10.08.40

    La premessa è interessante: nel 1996, una ragazza americana installa il suo nuovissimo PC, lancia il CD che le permette di installare AOL, e appena creata la sua nuovissima casella di posta elettronica (!) compare una curioso pop-up blu, che le chiede di inserire nuovamente nome utente e password: è così che Emma entra di straforo nel profilo Facebook che gestirà quindici anni più tardi, molto prima che Facebook stesso venga creato, e molto prima che blog, sms e navigatori satellitari diventino parte integrante della sua (nostra) vita. E mentre con Josh, l'amico di sempre da cui un bacio negato l'ha allontanata quanche mese prima, Emma esplora il suo futuro - e scopre che è infelice -, le cose intorno a loro e dentro di loro iniziano a cambiare: perchè sapere quello che succederà può essere una condanna, se ogni minima azione può influenzare il nostro futuro in maniera imprevedibile - e con il nostro quello di chiunque altro, perchè il tempo è una ragnatela sottile, che unisce tutti coloro che conosciamo o conosceremo. Forse. In futuro. Se non verrà modificato. ma Emma e Josh scoprono anche che il loro futuro ( e l'infelicità che vedono) dipende dal loro io presente; dagli atteggiamenti, dalle chiusure, da errori che troppi ripetuti e mai riconosciuti li trascineranno alla cieca lungo le loro esistenze, se non sapranno guardarsi dentro, e guarirsi. L'unico modo per cambiare il futuro, senza aver bisogno di sbirciarlo. Premettendo che avrei bastonato Emma una pagina sì e l'altra pure (magari bastonata alle pari e cinghiate alle dispari) per l'egoismo, l'indifferenza, l'egocentrismo che dimostra a ogni piè sospinto, il romanzo è scorrevole, e mi ha dato molto da pensare: sulla vita che ho fatto, sulle scelte che cambierei (o forse no), e sulla maledizione della preveggenza: che tu possa cambiare, che tu non possa cambiare quello che verrà, sarà sempre un azzardo: te la senti di giocare?

  • User Icon

    Claudia

    28/05/2012 05.08.30

    Siamo nel 1996, Emma e Josh sono amici e vicini di casa da sempre. Ad un certo punto le cose tra loro cambiano e cominciano ad allontanarsi, finchè un giorno Josh porta ad Emma un cd-rom da usare nel nuovo computer della ragazza. Quando Emma lo inserisce si trova di fronte ad una schermata di un sito sconosciuto chiamato "Facebook". Emma e Josh si rendono conto che questo Facebook è un sito del futuro e grazie ad esso possono scoprire che cosa ne sarà delle loro vite da lì a 15 anni dopo. Questo e le conseguenze che tutto ciò porta con sé, potrà farli riavvicinare o allontanarli per sempre. Fondamentalmente Emma e Josh hanno un bellissimo rapporto, fatto sì di incomprensioni, malintesi, imbarazzo nel momento in cui capiscono che il loro rapporto sta cambiando, ma c'è anche una profonda conoscenza reciproca, molta complicità, fiducia, confidenza e simpatiche prese in giro. Tutto ciò nel romanzo è reso benissimo. Josh è un ragazzo carinissimo, un classico "bravo ragazzo", con i suoi pregi ed i suoi difetti, è un personaggio positivo, io mi ci sono affezionata subito, mi fa tenerezza. Invece Emma sembra abbastanza superficiale, infantile, egoista e gelosa. Ha spesso comportamenti ed atteggiamenti che infastidiscono ed innervosiscono, ma riuscirà a ragionare sulle proprie scelte e sui propri comportamenti per modificare se stessa e il futuro, vivendo il presente. Il romanzo mi ha coinvolta molto e non vedevo l' ora di scoprire cosa sarebbe cambiato andando avanti con la lettura. È stato interessantissimo vedere come possano reagire due ragazzi del 1996 di fronte a qualcosa a loro così sconosciuto come Facebook, vedere le conseguenze delle loro azioni non solo sulle proprie vite, ma anche su quelle degli altri a loro vicini ed anche lontani. Il fatto che i ragazzi siano alle prese con termini e nomi che definiscono cose che ai loro tempi non erano ancora state create o inventate, crea anche delle situazioni divertenti.

Vedi tutte le 12 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione