Il primo libro dei capricci

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Girolamo Frescobaldi
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Tactus
  • EAN: 8007194200362
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 12,32

€ 14,50
(-15%)

Punti Premium: 12

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 14,50 €)

Il Libro di Capricci di Frescobaldi del 1624 deriva da un’estensione del libro dei Ricercari del 1615 ma la sua concezione è marcatamente rivolta verso una strumentalità tastieristica che ne fa un capolavoro, oltreché di tecnica contrappuntistica, di raffinatissima arte e tecnica clavicembalistica ed organistica. Vero è che, a sottolineare l’interdipendenza dei due libri, essi saranno uniti nelle vicende editoriali fin dalla seconda edizione dei Capricci del l626, e successivamente in quelle del 1628 e del 1642. Le prime edizioni dei Ricercari (1615 e 1618) comprendono cinque canzoni, dopo di che l’eventuale ‘secondo libro’ assumerà in realtà caratteristiche talmente peculiari di elaborazione da indurre Frescobaldi a dare un titolo proprio all’opera, quello appunto di Capricci: «In questi componimenti intitolati Capricci, non ho tenuto stile così facile come ne’ miei Ricercari».
Disco 1
1
Capriccio I
2
Capriccio II
3
Capriccio III
4
Capriccio IV
5
Capriccio V
Disco 2
1
Capriccio VI
2
Capriccio VII
3
Capriccio VIII
4
Capriccio IX
5
Capriccio X
6
Capriccio XI
7
Capriccio XII
  • Girolamo Frescobaldi Cover

    Compositore. Allievo di Luzzaschi, all'età di vent'anni si trasferì a Roma, dove, nel 1607, ebbe la nomina a organista in S. Maria in Trastevere. Nello stesso anno seguì il suo protettore, il cardinale Bentivoglio, nelle Fiandre. Esordì come compositore pubblicando ad Anversa una serie di madrigali (Il primo libro de madrigali a cinque voci). In seguito sarebbe tornato raramente alla musica vocale (si ricordano i due libri di Arie musicali a una-tre voci con clavicembalo o tiorba, 1630), che non gli era congeniale. È infatti nel campo della musica strumentale che F. rivelò la sua grandezza e conquistò fama europea. Nel 1608, al ritorno dalle Fiandre, pubblicò a Milano un libro di Fantasie a quattro che, pur rivelando ancora palesemente la derivazione dai modelli polifonici vocali, già mostra... Approfondisci
Note legali