Il primo e l'ultimo

John Galsworthy

Curatore: M. Domenichelli
Anno edizione: 1995
In commercio dal: 4 gennaio 1996
Pagine: 112 p.
  • EAN: 9788838911927
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Il nome di Galsworthy non deve rimanere associato esclusivamente alla Saga dei Forsyte. C'è, infatti, un nutrito filone della sua opera, di cui "Il primo e l'ultimo" è un esempio, nel quale rispetto all'abituale affresco sociale ha maggiore spazio il tema della giustizia, che ossessionò sempre l'autore, critico soprattutto di una concezione formalistica della legge. Qui la storia è quella di un uomo, fratello del procuratore del re ad Edimburgo, il quale, commesso un omicidio, vorrebbe autodenunciarsi...

€ 7,90

€ 9,30

Risparmi € 1,40 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 5,02

€ 9,30

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Roberta

    30/06/2010 11:58:26

    Dall'autore della saga dei Forsyte, un racconto che affronta, con tinte forti e melodrammatiche, l'argomento dei processi giudiziari. E' la storia di un avvocato di successo, il quale per convenienza e per allontanare da se uno scandalo clamoroso, brucia le prove di un'assassinio per il quale e' stato condannato, ingiustamente, un'innocente, ma che invece e' stato commesso dal fratello. Spesso nei racconti di Galsworthy troviamo un confronto dettagliato tra l'uomo di successo e l'uomo fallito dove quest'ultimo e' il vero gentiluomo che si attiene ai principi di onesta'e coerenza. Una chicca per gli amanti di questo autore.

Scrivi una recensione


scheda di Pent, S., L'Indice 1996, n. 4

Keith Darrant, avvocato di successo nella Londra dei primi anni del secolo, raccoglie la disperata confessione omicida del fratello Laurence, che sconvolge la sua esistenza plasmata in funzione del prestigio sociale.Innamorato di una ragazza "di vita", Laurence ha strangolato in un impeto d'ira il suo violento ex marito, nascondendone poi goffamente il corpo in una zona ambigua della città. Mentre l'avvocato si premura soprattutto di cautelare il proprio buon nome, ancorché di proporre al fratello un espatrio in Argentina con la donna, un vagabondo viene arrestato e condannato a morte come colpevole. Laurence vive nel tormento e nell'indecisione, pronto infine a costituirsi, ma viene sempre tenuto a freno dai timori diKeith.Vinto dalla disperazione, Laurence sceglie infine il suicidio insieme alla ragazza che non lo ha abbandonato. Il grande avvocato trova in tutto ciò una giustificazione "naturale", lascia che gli eventi accadano.Galsworthy, Nobel nel1933, tentò più volte nella sua opera il tema giudiziario.Qui il gioco narrativo è quello di instaurare nel lettore una conflittualità psicologica.Alla fine, parteggiando per "l'ultimo" Laurence, si invertono infatti i ruoli assegnati dal destino ai due fratelli, relegando il viscido Keith nel ghetto di un'abiezione morale da condannare senza appello.