Il principe e il suo sicario. Come Cesare Borgia tolse dal mondo Astorre Manfredi - Gigi Monello - copertina

Il principe e il suo sicario. Come Cesare Borgia tolse dal mondo Astorre Manfredi

Gigi Monello

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Scepsi & Mattana
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 20 settembre 2014
Pagine: 192 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788890677526
Salvato in 8 liste dei desideri

€ 15,20

€ 16,00
(-5%)

Punti Premium: 15

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Il principe e il suo sicario. Come Cesare Borgia tolse dal m...

Gigi Monello

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Il principe e il suo sicario. Come Cesare Borgia tolse dal mondo Astorre Manfredi

Gigi Monello

€ 16,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Il principe e il suo sicario. Come Cesare Borgia tolse dal mondo Astorre Manfredi

Gigi Monello

€ 16,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 16,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Roma, Settembre 1499, Rodrigo Borgia, in arte Papa Alessandro VI, volendo metter fine al secolare disordine del suo stato, dichiara decaduti tutti i vicari di Romagna; di nome feudatari, di fatto piccoli re. Con l'apparenza della ragion di stato, ma in realtà per libidine di grandezza, dato a suo figlio Cesare il comando delle milizie, lo incarica di recuperare le antiche dipendenze, concedendogli di farne un dominio tutto suo. Uno dopo l'altro, i signori romagnoli ora scappano, ora son travolti, ora patteggiano la deposizione. La sola Faenza si prepara ad opporsi e a difendere strenuamente il governo dei Manfredi. Attaccata nel Novembre 1500, la città resiste sino all'Aprile successivo, quando, ormai sul punto d'esser presa con la forza, onde evitare le brutture del sacco, capitola ad onorevoli condizioni. Andato a visitare il vincitore, forse circuito dalla sua affabilità, il giovanissimo Astorre accetta di restare con lui. Compiendo l'atto che lo perderà per sempre. Per un anno prigioniero in Castel Sant'Angelo, una notte il disgraziato scompare. Il 4 Giugno 1502 il Tevere ne restituisce il cadavere. Non ha ancora compiuto diciott'anni.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,5
di 5
Totale 2
5
1
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Don Paolino

    04/01/2017 22:03:29

    Scrittura secca e incalzante; libro irridente e senza riguardi. Liquida con disinvoltura una gloria del Pantheon nazionale, Machiavelli, il consacrato, l’intoccabile, il “fondatore” della scienza politica; straccia Cesare Borgia, per alcune teste sognanti (“signore malate di Rinascimento”) principe dall’alto sentire, capace di unificare anzitempo l’Italia. Piccolo borghese dal cervello sottile, e la penna un po’"sicaria", il primo; roso da sogni di personale grandezza. Niente più che un gradasso, il secondo; un’energia primitiva, che fiuta e cavalca l’onda delle circostanze; un figlio della fortuna che va cercando nella grandezza e nella signoria sulle altrui esistenze, il lenitivo contro la sua paura di esistere. Il discorso cerca l’Italia “profonda”, l’impasto del paese dell’eterno brigare e corrompere, dell'ammiccamento e del gesticolio, del sangue e del ridere facili; sullo sfondo dell’immancabile pittoresco. Enigma cattivo e insondabile: non‒stato, non‒nazione, fabbrica maledetta di avventure individuali prosperanti sopra un popolo come nessun altro permeabile al vitalismo del mistificatore. La "patria" pare essere incatenata a maledizione super‒fisica: generare ciclicamente seduttori di diversa fortuna e durata. Tutte le volte che speciali circostanze lo permettano, le maglie larghe de “l’etica de noantri”, producono il fiutatore del vento. Cesare Borgia? Il prodotto del costume familistico‒predatorio che impregna le nostre fibre. Libro beffardo, serissimo, barocco, sorprendente: si inizia con Borgia che assedia Faenza, per poi trovarsi davanti Mussolini, Dumini, ed arcinote figure della recente stagione tele-populista. Libro di storia locale “col trucco”, alluso forse da quella citazione introduttiva di “Eros e Priapo” di Gadda. Raccontare una storia, significa perdersi nel mare degli infiniti imbrogli di tutte le altre: “Barocco è il mondo".

  • User Icon

    Cenzo Demontis

    24/12/2014 00:40:59

    Attenzione a non prenderlo per un libro sulle guerre in Romagna al tempo dei Borgia. È un'altra cosa. E per capirlo sarà bene citare per intero il sottotitolo, "Come Cesare Borgia tolse dal mondo Astorre Manfredi. Con note sparse sopra la mente di un Tiranno". Il Tiranno, appunto; una buona metà del libro riguarda proprio questo, il ricorrente sogno di alcuni "umani" di poter calmare l'angoscia dell'esistere, attraverso il controllo totale delle altrui vite. L'eterno tema del potere e del suo fascino demoniaco. Cosa spinge certi individui a correre l'alea rischiosa e, spesso, mortale, della "grandezza"? E perchè attorno ad essi si forma magicamente ammirazione, consenso, identificazione? Tutto il libro è percorso da questi interrogativi. Lo splendido Duca - sempre al centro di estenuante rielaborazione nero-Fantasy - non ne esce bene: personaggio guappesco, iperattivo, roso a sua insaputa da ansia "da finitudine", paura della vita; eroe disperato della predazione in un mondo percepito "in orizzontale". E ancora meno bene ne esce lo stracelebrato segretario fiorentino: personalità cerebrale assai tentata dal brivido piccolo-borghese dell'azione; e fatalmente destinato ad andare in bambola di fronte alla febbre del vitalista. La narrazione scorre rapida tra eventi militari, ferocie, intrighi, ironie "tanatologiche", aperture improvvise su leggi generali della fisica; con una varietà di diramazioni sorprendente. Cesare e Astorre fan da cerniera. Dal primo e dalle sue oscurità, si passa al secondo: alle disgrazie, l'ingenuità, il rimpianto per l'errore fatto, le tetre giornate a Castel Sant'Angelo. Libro originale. Che tenta lo sguardo antropologico sul male specifico della storia nazionale. Nelle ultime pagine l'"italianità profonda", il vizio incistatosi nella nazione, risale i secoli e rispunta in pieno ventennio, nella Roma del delitto Matteotti, quando un altro fortunoso "Principe" manda in giro per la città il suo sicario. Libro inquietante. Per tutti. O quasi.

Note legali