€ 21,85

€ 23,00

Risparmi € 1,15 (5%)

Venduto e spedito da IBS

22 punti Premium

Disponibile in 10 gg

Quantità:
Aggiungi al carrello

Il tema della sicurezza informatica connesso alla protezione dei dati e alla riservatezza interessa, ormai, tutte le attività che usufruiscono di mezzi informatici o telematici. Tra queste, l'attività dell'avvocato si connota per la particolare delicatezza delle questioni trattate e, quindi, per l'importanza che la riservatezza assume nell'ambito dello studio legale.
Non a caso, infatti, prima ancora della normativa in tema di protezione dei dati personali, l'avvocato è vincolato da obblighi deontologici al rispetto ed alla tutela del segreto professionale, segno incontrovertibile del fatto che la sicurezza generalmente intesa è connaturata all'esercizio della professione legale.
Il rapporto tra norme deontologiche, norme di legge ed esercizio pratico della professione forense, tuttavia, pur essendo un tema abbastanza complesso, non esaurisce tutti gli aspetti connessi alla sicurezza informatica, per i quali sono imprescindibili alcuni approfondimenti tecnico-informatici che contribuiscano a far comprendere in primis le prescrizioni impartite dal Legislatore, ad esempio, nell'Allegato B al D.Lgs. 196/03, e in secundis aiutino a delineare una politica di sicurezza realmente efficace da adottare all'interno dello studio professionale.
Per questo motivo, secondo un classico approccio informatico-giuridico, una parte più squisitamente tecnica si interpone tra due parti giuridiche, con lo scopo di delineare il corretto esercizio dell'attività forense connessa alla sicurezza dei dati, cercando di unire alle prescrizioni normative in merito alla sicurezza e alla privacy gli accorgimenti tecnici più idonei derivanti dalla scienza dell'informazione.