Privati del patrimonio

Tomaso Montanari

Editore: Einaudi
Collana: Vele
Anno edizione: 2015
In commercio dal: 24/02/2015
Pagine: XV-167 p., Brossura
  • EAN: 9788806218973

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Arte, architettura e fotografia - Argomenti d'interesse generale - Aspetti economici

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Marco

    04/12/2017 21:55:14

    Montanari in questo libello dai toni molto forti e accesi, vuole attirare l'attenzione su una problematica tendenza che da qualche anno in Italia ha conosciuto notevole diffusione: la presenza sempre più forte dei privati nel campo della gestione di beni culturali, andando oltre la sponsorizzazione e guadagnando anche potere decisionale. Se si va in profondità nella lettura del testo si capisce che di per sè, per Montanari, la partecipazione privata alla gestione del bene pubblico non ha nulla di sbagliato, purchè sia sempre lo Stato a detenere la posizione dominante nel rapporto contrattuale, cosa che non sempre succede. Spesso lo Stato ha accettato condizioni misere, dimostrando di non essere in grado di occuparsi in prima persona, con proprio personale specializzato, della ricerca in campo storico-artistico e della valorizzazione dei beni culturali. E' questo il fulcro, la centro della critica di Montanari, la tendenza alla progressiva riduzione delle spese per la cultura, per i finanziamenti al Ministero dei Beni Culturali ha indebolito le istituzioni pubbliche, rendendole deboli e costrette a cedere alle richieste dei privati pronti a investire, perdendo in ricerca e rivolgendosi sempre più a prodotti culturali con portata più popolare. Chiaro e importante il concetto che l'autore ci vuole trasmettere, meno memorabile la scrittura in sè.

Scrivi una recensione