Il procuratore della Giudea - Anatole France - copertina

Il procuratore della Giudea

Anatole France

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: L. Sciascia
Collana: La memoria
Edizione: 8
Anno edizione: 1984
In commercio dal: 1 febbraio 1980
Pagine: 48 p.
  • EAN: 9788838901669
Salvato in 62 liste dei desideri

€ 6,65

€ 7,00
(-5%)

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA

Il procuratore della Giudea

Anatole France

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Il procuratore della Giudea

Anatole France

€ 7,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Il procuratore della Giudea

Anatole France

€ 7,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 6,65 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,9
di 5
Totale 10
5
9
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Simone

    17/05/2020 17:26:46

    Un libro che ci permette di fare un salto nel passato rimanendo comodamente seduti sul divano di casa. Anatole France, attraverso i suoi personaggi, ricostruisce un periodo storico interessantissimo da un altro punto di vista. Un volume profondo sul piano filosofico ma breve e discorsivo. Non può mancare nelle vostre librerie.

  • User Icon

    Carlo

    11/05/2020 22:48:07

    Lessi distrattamente questo libriccino vari anni fa e mi lasciò un piacevole, ma non eccezionale, ricordo. Per fortuna l’ho ripreso in questo periodo di isolamento da coronavirus e ho scoperto un meraviglioso gioiello letterario. Non sono in grado di stabilire se il racconto sia perfetto e forse non interessa neppure. In fondo, quando si gusta un piatto delizioso non ci si preoccupa di sapere se il cuoco avrebbe potuto fare meglio ma si assapora il cibo consapevoli fin dal primo boccone che il suo ricordo rimarrà indelebilmente impresso dentro di noi. E l’inevitabile, umana, sensazione di nostalgia che ci sfiora alla fine della fin troppo rapida lettura viene colmata dalla consapevolezza di aver goduto di una gioia unica. Se poi il piacere continua con le note di Leonardo Sciascia, allora non ci potranno essere dubbi sull’indimenticabilità del libriccino.

  • User Icon

    Anna Lisa

    11/05/2020 18:40:18

    Questo racconto breve lascia con l'amaro in bocca, l'amaro di chi vorrebbe continuare a leggere, a sapere la storia di Lamia, di Ponzio Pilato, di quel Gesù che appare e scompare -volutamente?- nella memoria di Ponzio Pilato. Un racconto che, oltre a narrare, interroga: quanto resta della vita che abbiamo vissuto, dei fatti che abbiamo compiuto e di quelli che potevamo compiere? Bellissima l'atmosfera orientalistica e un po' decadente di Anatole France.

  • User Icon

    Philo

    05/09/2019 07:55:12

    Da leggere con calma. bellissimo, peccato che sia così corto o forse bene così (è perfetto). Molto belle anche le considerazioni di Sciascia. Perfetto.

  • User Icon

    Matteo

    03/05/2019 09:35:36

    Piccolo libricino, ma geniale e pregno di significati. Lo consiglio vivamente.

  • User Icon

    luciano

    09/08/2018 20:50:29

    Leonardo Sciascia definisce questo racconto "uno dei più perfetti che abbia tradotto". Elio Lamia, incontra sulle colline di Baia, Ponzio Pilato. Dall'ultima volta che si sono incontrati sono passati vent'anni. Pilato allora era il procuratore della Giudea, mentre Lamia era stato esiliato per avere intrattenuto una relazione illecita con Lepida, moglie di Sulpicio Quirino. Pilato ed Elio si erano conosciuti a Cesarea ed erano diventati amici. Ora a Baia, dove si sono recati per curare i reumatismi, si lasciano andare ai ricordi di quel tempo andato. Quando Lamia chiede a Pilato se si rammenta del giovane taumaturgo che venne crocefisso, quest'ultimo, " aggrotta le sopracciglia, si porta la mano sulla fronte come chi vuole trovare un ricordo", risponde: "Gesù? Gesù il Nazareno? No, non ricordo".

  • User Icon

    luca bidoli

    04/02/2018 00:12:06

    Geniale, splendido, superbo racconto di France che ho letto trent'anni fa, circa, appena uscito da Sellerio, a cura di Leonardo Sciascia e che ho riletto in questi giorni, con eguale gioia ed intensità. Una trama esile, ma potente, resa nella sua drammaticità. Chi non ricorda, il vecchio e malato Ponzio, è già dannato, dalla sua stessa mancanza, dal suo essere stato incapace non tanto di capire, ma di amare. Un incontro casuale, tra un vecchio magistrato e un uomo non più giovane, un roamno, come lui, che è stato presente a Gerusalemme. IL ricordo del Cristo morto in croce è legato al tenue ma resistente filo del'amore verso una donna, una ebrea. Solo questo salva, solo questo dà respiro e dignità.Poche pagine che lasciano il segno, con quell'interrogativo che appare e diventa, la più tremenda delle condanne: "No, non ricordo". Penetrante postfazione di Sciascia.

  • User Icon

    Cristiano Cant

    09/08/2017 11:57:01

    Due uomini si rincontrano in Cesarea dopo trent'anni, per puro caso. Uno è il fatidico Ponzio Pilato, il prefetto che pose al Cristo la fatale domanda: "Che cos'è la verità?" (che restò senza risposta), l'uomo che lo giudicò e lo condannò alla crocifissione; l'altro è Elio Lamia, e suo ex consigliere, un mezzo dissoluto esiliato in quel luogo per adulterio. Il libro è una breve e profonda confessione dei due. Pilato narra delle difficoltà di quegli anni, delle tribolazioni a reggere il timone in una Gerusalemme retta dal severo verbo dei sacerdoti ebrei, gli scontri fra la sua mitezza e la loro forza, poiché essi erano i despoti e veri depositari del potere. Lamia gli dirà: "I popoli non si governano solo con la dolcezza. Quella carità verso il genere umano che la filosofia consiglia poca parte ha nell'azione degli uomini che governano. E' un grave problema quello di sapere se agli uomini si deve imporre una felicità che non vogliono". Pilato ricorda ancora gli equilibri suggeritigli da Roma, i suoi tentativi di sottrarre al supplizio anime buone; ma niente da fare. Certo biasimo e certe decisioni non si potevano attutire. A quel punto l'interlocutore rievoca la Maddalena, come a esaltare qualche appartenente a quel ceppo. La donna che seguì Gesù fin sotto il legno, fino ai suoi ultimi istanti nelle suppliche al Padre. E aggiunge, rivolgendosi a Pilato: "Ti ricordi di quest'uomo?". La risposta sarà: "No, non lo ricordo". Ecco dove sta il capolavoro creato da France. L'impossibile che davvero accade, l'indimenticabile che crolla di scatto in un'amnesia verso una delle più grandi verità della storia umana, l'indicibile incarnato che, ugualmente, scendendo dentro se stesso, non rinviene che vuoto, assenza. Stupendo! Piccolo grande nutrimento, gioiello di pena e sussurro di divinità, forse una stupidità conclamata, o forse la nemesi di un uomo che non voleva quella morte e che attraverso una memoria lacera si sta pian piano salvando.

  • User Icon

    alida airaghi

    10/10/2015 04:16:50

    Questo racconto di Anatole France, pubblicato nel 1902 in 430 esemplari illustrati, è un testo di rara perfezione stilistica, tutto teso nella narrazione veso la spietatezza della battuta finale di Pilato, crudele nella sua noncuranza: "Gesù? -mormorò - Gesù il Nazareno? No, non ricordo.- Anatole France, lettore attento degli storici latini, sa che Tacito, così accurato nel descrivere particolari talvolta insignificanti delle geneaologie imperiali, dedica al cristianesimo poche righe irrilevanti, condannandolo con la definizione di "esecrabile superstizione", quasi temesse il futuro dilagare della genia cristiana ("gente odiata pei suoi mali costumi"), esorcizza la figura di Cristo, narrando solo che venne mandato a morte da Ponzio Pilato. La censura di Tacito diventa attraverso Anatole France la "dimenticanza" di Pilato, per cui la condanna di Gesù (evento che tramanderà il procuratore di Giudea nella storia) sembra essere stato un accadimento trascurabile nella vita di lui. Chi ricorda è invece un libertino, tale Elio Lamia, esiliato in Siria da Tiberio per avere sedotto una nobildonna romana. I due si incontrano, dopo trent'anni, in Campania, e si fannno reciproche confidenze, rievocando insieme il passato. Pilato rammenta, della sua missione in Oriente, la ribellione dei Samaritani, e le continue rivolte del popolo giudeo che gli hanno tolto onore e pace. Lamia ritorna col pensiero alle donne di Siria, "la cui carne dà un raro e prezioso godimento", e in particolare a una donna di Gerusalemme, una danzatrice da cui fu abbandonato non appena costei si unì a una taumaturgo di Galilea, e ne divenne seguace. Un certo Gesù, crocefisso poi in circostanze non chiarite. Lamia, il libertino, ricorda Cristo a causa di un amore finito male. Ma Pilato ha dimenticato: "Gesù? Gesù il Nazareno? No, non ricordo".

  • User Icon

    gianluca guidomei

    18/04/2008 17:34:03

    Leonardo Sciascia lo ha definito "il racconto perfetto", ma anche e soprattutto un' apologia dello scetticismo. A.France riesce a storicizzare la figura di Cristo, rendendolo umano, mortale più di tanti testi ben più famosi: la sua importanza capitale è implicita, la rivoluzione che ha scatenato è sotterranea e silenziosa, così per il credente come per lo scettico. "Il procuratore della Giudea" è Ponzio Pilato, da noi tutti ricordato unicamente per aver sancito la condanna alla crocifissione di Cristo. France invece ce lo descrive come un anziano senatore che incontrando un antico amico e collega, Ezio Lamia, rimembra le sue lotte con i Giudei, o il suo barcamenarsi tra Erode Antipa e Roma, piuttosto che il gesto che lo renderà immortale nei secoli. Straordinaria l'idea di subordinare il ricordo di Cristo, a quello erotico e passionale di Maria Maddalena da parte dell'interlocutore di Ponzio Pilato, Ezio Lamia. Inconsciamente, lo scettico A.France, ci insegna che tutto ciò che è amore conduce infine a Cristo. Come Maria Maddalena ha amato e seguito Cristo, grazie al di lei amoroso ricordo, Ezio Lamia arriva a ricordare Cristo e a nominarlo così, come di sfuggita, come un fastidio, una parentesi insignificante tra memorie militari e memorie sentimentali. Geniale

Vedi tutte le 10 recensioni cliente

Anatole France pubblicò questo racconto nel 1902. Da allora, e fino agli anni Venti, ha avuto un destino di splendido isolamento: edizioni numerate, rare, ornate di incisioni originali, tipograficamente perfette. è un isolamento che il racconto merita e che continuiamo a dargli presentandolo nella traduzione di Leonardo Sciascia a un pubblico più vasto. è - come dice Sciascia - un apologo e un'apologia dello scetticismo: forse particolarmente salutare in un momento in cui muoiono le certezze al tempo stesso che di certezze si muore.

  • Anatole France Cover

    (Parigi 1844 - Saint-Cyr-sur-Loire 1924) scrittore francese. Figlio di un libraio parigino, visse dapprima di impieghi editoriali, poi divenne bibliotecario presso il senato, mentre collaborava a quotidiani e riviste. Nel 1896 fu eletto all’Académie française. Innocentista durante il processo Dreyfus, si accostò alla vita politica e fu tra gli ispiratori delle leggi per la laicizzazione della scuola pubblica. Dopo la rivoluzione russa si dichiarò a favore delle idee comuniste. L’esordio letterario di F. avvenne con qualche poesia inserita nel Parnasse contemporain del 1871. Poco dopo uscirono i Poemi dorati (Les poèmes dorés, 1873), dedicati a Leconte de Lisle. Ma presto prevalse la sua vocazione di prosatore, con due racconti (Giocasta e il gatto magro, Jocaste et le chat maigre, 1879) che... Approfondisci
Note legali