Traduttore: M. Francescon
Editore: Fazi
Anno edizione: 2011
Pagine: 522 p., Rilegato
  • EAN: 9788864112374
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 16,58

€ 19,50

Risparmi € 2,92 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

€ 10,53

€ 19,50

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giuseppe R

    07/11/2016 18:36:00

    Conosco e apprezzo John Katzenbach da molto tempo e questo è l'ottavo suo libro che leggo. Il romanzo mette una certa inquietudine, anche se sulle prime battute credevo dovesse diventare via via più cruento. La storia del professore in fase di declino mentale e della sua lotta contro il tempo è avvincente, ma per i miei gusti lo è ancor di più la sorte della ragazza rapita. Il romanzo apre le porte (e gli occhi a chi non conosce questo tremendo "deep web") ad approfondimenti sugli snuff movies... una realtà fin troppo crudele per noi persone comuni che portiamo avanti una vita ordinaria. Sembra impossibile che al mondo esistano persone pronte a confezionare questi video bestiali, e ancor di più mette angoscia l'idea che ci sia un pubblico disposto a pagare per questo genere di "intrattenimento".

  • User Icon

    sara

    17/12/2015 13:40:59

    noioooooooso....dopo la piacevole lettura de l'analista con questo romanzo katzenbach indietreggia parecchio...sconsigliato

  • User Icon

    Filippo

    10/04/2014 09:51:40

    Magistrale libro di Katzenbach pervaso da una tensione costante e non scontata. E poi, permettetemi di dire: finalmente un libro in cui i personaggi "buoni" possono anche morire e non devono per forza fare la parte dei supereroi imbattibili di fronte a qualsiasi avversità! Non capisco perché, a distanza di anni dalla sua pubblicazione, il libro non sia ancora uscito in edizione economica. Comunque, acquistarlo in formato digitale a meno di due euro è un vero e proprio affare!

  • User Icon

    Vicky

    12/09/2013 14:22:06

    Metto 2 solo perchè è scorrevole e si lascia leggere, ma per il resto lo considero davvero pessimo: trama banale, personaggi inconsistenti, il tutto si svolge in maniera inverosimilmente semplicistica...mah! Non mi è piaciuto proprio per niente! Fino alla fine ho sperato in un qualche colpo di scena ma, come temevo, nemmeno quello. Niente a che vedere con "L'analista", l'altro libro di Katzenbach che avevo letto tempo fa: non sembra nemmeno lo stesso scrittore...

  • User Icon

    cristina

    26/05/2012 16:14:30

    mah, l'idea non e' brutta ma a me questo continuo parlare del professore con i suoi "fantasmi" del passato mi ha annoiato a morte - ho letto 1 pagina su 10 fino alla fine.....

  • User Icon

    maurizio crispi

    22/09/2011 08:53:26

    Un anziano docente universitario di psicologia, Adrian Thomas, alle prese con le fasi iniziali d'un deterioramento senile, tipo Alzheimer, si trova ad assistere al rapimento improvviso di una ragazzina che cammina per strada e decide di far qualcosa per salvarla. La ricerca di Adrian forse alla fine sarà premiata e Jennifer, in extremis, sarà salvata. Forse. E' certo auspicabile il lieto fine: e, magari, sarà proprio quello che Katzenbach regalerà ai suoi lettori. Ma ciò che conta veramente è la definizione dei personaggi. Come il coraggio da eroina di Jennifer che, mostrando di possedere un elevato coefficiente di resilienza, trova di continuo dei trucchi mentali per resistere e non piegarsi, soprattutto alla tortura psicologica e al gioco della sopraffazione. Come i dubbi e le perplessità della detective oscillante tra scetticismo e l'habitus di attenersi a fatti noti e provabili e le sensazioni più viscerali che sono quelle che Adrian cerca di trasmetterle. Infine, come la psicologia turbata di Adrian che, oscillante tra le nebbie del deterioramento mentale e della lucidità, trova come suoi alleati e supporter i tragici fantasmi delle persone che ha amato, il fratello suicida, il figlio cineasta morto in Iraq in un azione di guerra e la moglie he, non reggendo al dolore, ha fatto schiantare la sua auto contro un albero: con loro attiva un dialogo che assume i toni della rassicurazione, dell'esortazione, dello scioglimento di dubbi, ma che lo riporta anche indietro al passato doloroso, aiutandolo ad affrontare e a sciogliere nodi irrisolti e a elaborare i lutti, rimasti dentro di lui irrisolti. Katzenbach figlio di un noto psichiatra statunitense, mostra di conoscere in maniera profonda - come Nicolò Ammaniti - i più reconditi meccanismi della mente umana e leggerlo, sicuramente, non delude mai, malgrado il pesante emesso da Stephen King sulla "pessima costruzione dei suoi dialoghi", letterari e mai rispettosi della cadenza e del suono del parlato reale.

  • User Icon

    dany

    05/09/2011 22:38:34

    Fenomenale. Un thriller veramente stupendo le cui diverse scene vengono sviluppate con un tempismo PERFETTO col risultato che la suspence non cade mai per un attimo. Mi sono tappata in casa un week-end a telefono spento per non essere disturbata e non me ne sono pentita. Bravissimo Katzenbach. Consigliatissimo.

  • User Icon

    augusta

    29/07/2011 18:42:26

    Intenso thriller psicologico che, per un verso, indaga sul fragile rapporto tra salute mentale e follia e, per altro verso, introduce il lettore nel mondo virtuale, in cui tutto è condivisibile. Pregevole, anche se talora un po' dilatata, l'analisi delle reazioni emotive della giovanissima protagonista durante i giorni del sequestro.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione