-25%
I profeti disarmati. 1945-1948, la guerra fra le due sinistre - Mirella Serri - copertina

I profeti disarmati. 1945-1948, la guerra fra le due sinistre

Mirella Serri

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Corbaccio
Collana: Collana storica
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 16 ottobre 2008
Pagine: 228 p., Rilegato
  • EAN: 9788879729789
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 13,50

€ 18,00
(-25%)

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

I profeti disarmati. 1945-1948, la guerra fra le due sinistr...

Mirella Serri

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


I profeti disarmati. 1945-1948, la guerra fra le due sinistre

Mirella Serri

€ 18,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

I profeti disarmati. 1945-1948, la guerra fra le due sinistre

Mirella Serri

€ 18,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Per qualche decennio il Partito comunista italiano ha realizzato un miracolo. Apparteneva al Movimento comunista internazionale e aveva rapporti "fraterni" con l'Unione sovietica, ma era al tempo stesso una grande forza democratica, un argine contro le incombenti minacce fasciste, una indispensabile componente della vita democratica nazionale e, grazie al ruolo di Palmiro Togliatti nell'immediato dopoguerra, uno dei principali costruttori dello Stato repubblicano. Quasi tutti erano stati fascisti sino al 1942 e avevano quindi una particolare familiarità con la professione dell'intellettuale organico. Il Partito comunista conosceva i loro trascorsi, ma li aveva perdonati e sapeva che questo atto di clemenza avrebbe garantito la loro fedeltà. Il successo dell'operazione ebbe l'effetto di oscurare l'esistenza di un'altra intelligencija italiana, poco incline a lasciarsi attrarre dalle seduzioni del grande Partito comunista. I suoi esponenti avevano combattuto il fascismo negli anni del regime, in patria o all'estero, conoscevano la natura del movimento comunista, sapevano che le sue strategie non erano compatibili con il futuro di un paese democratico. Le loro origini politiche erano diverse, ma avevano una comune ispirazione liberale. Erano "Profeti disarmati", come li definisce Mirella Serri, ma avevano un piccolo quotidiano, "Risorgimento Liberale", che fu in quegli anni uno dei più vivaci e brillanti organi d'informazione e di opinione della rinata democrazia italiana.
Mirella Serri è un'accattivante giornalista che si dedica di tanto in tanto a saggi storici di respiro, perlopiù su temi scabrosi, su personalità o aree lasciate a margine. Lo fa con non celato spirito revisionista, ma con ricchezza di documentazione e scrittura piana. Se non che il gusto di inquadrare i temi prescelti da inedite prospettive e la vis polemica sottesa la spingono spesso a non trovare l'equilibrio richiesto a una storiografia laica, finalmente emancipata da deformanti intenti controversistici. E anche in questo volume affiora la tendenza a forzare la ricerca, a promettere più di quanto si offra, a estenderne oltre il dovuto i pur enunciati limiti. Sarebbe stato più corretto dire che l'intendimento fondamentale era portare in evidenza le vicende di un quotidiano, "Risorgimento Liberale", certo tra i meno citati e indagati tra quelli che fiorirono nell'immediato secondo dopoguerra. Il quotidiano, di ispirazione liberale, uscì clandestino nel 1943 e spirò definitivamente il 20 ottobre 1948. La direzione di Mario Pannunzio gli impresse agli inizi un stile riconoscibile e battagliero.
È la stessa Serri che ci aiuta a comprendere le distorsioni in chiave attualizzante che il suo saggio ha subito: partita dall'idea di svolgere un'estesa ricognizione del quotidiano (dunque dandosi come obiettivo la stesura di un saggio di storia del giornalismo, materia del resto del suo insegnamento alla Sapienza di Roma), in realtà ha finito per rievocare la "sfida cruenta tra vincitori", cioè tra il filone democratico liberale dell'antifascismo e quello egemonizzato dai comunisti. La sfida qui ripercorsa è principalmente ricavata dagli articoli di "Risorgimento Liberale" e soprattutto da quelli di condanna delle violenze di una guerra civile che sporadicamente proseguiva in forme subdole e nuove, oltre il 25 aprile. "L'intenzione – sintetizza l'autrice – era di ricomporre i numerosi tasselli del dibattito intellettuale alla fine della seconda guerra mondiale", continuando per certi aspetti il lavoro già avviato con I redenti (Corbaccio, 2005). "Ma chi scrive – aggiunge subito dopo – si è trovata di fronte a uno scenario veramente inatteso. In primo piano non le polemiche dell'intellighenzia ma un risuonar di armi non solo metaforico".
Probabilmente, a suggerire un diverso asse di ricerca è stata più che altro la nuova attenzione accordata anche da inchieste di largo successo allo stillicidio di omicidi e persecuzioni riconducibile sovente ad azioni di precisabili settori del partigianato. Niente da eccepire se una fonte a stampa viene usata per portare in primo piano una catena di fatti finora tenuta in oscurità, ma se si hanno a cuore i fatti occorre scegliere risolutamente la strada di una storia rerum gestarum, mentre se si predilige la storia delle idee è essenziale mettere in rilievo il confronto tra visioni e filosofie, impiegando tutti gli strumenti adatti alla bisogna. Le pagine di Serri rimangono invece a mezza strada: non soddisfano chi vi aveva intravisto un contributo in grado di arricchire o rivisitare quanto si conosce sugli ambienti dell'antifascismo di marca liberale e non possono soddisfare coloro che si attendevano, magari, capitoli più événementiels circa l'arco di anni che va dal '43 al '48, il quale sempre più si presenta come una sorta di confusa transizione tra la fine del conflitto e il definitivo delinearsi di un nuovo sistema politico.
Anche la tematizzazione abbozzata – la separazione e lo scontro "tra le due sinistre" – ubbidisce a una semplificazione molto giornalistica. In realtà è improprio parlare di una "sinistra terzista", incarnata da una minoranza come quella raggruppata attorno al quotidiano di Pannunzio. Oltretutto è la stessa Serri ad affermare che il gruppo attivo attorno al foglio "voleva configurasi come un 'partito di centro'", come un nucleo capace di interpretare le domande dei ceti medi disponibili a una "stretta collaborazione con i ceti operai". Che le forze della sinistra abbiano raccolto le bandiere più logore della borghesia e siano state distratte o intolleranti verso lungimiranti impostazioni è in buona misura accertabile. Alcuni tonanti e sarcastici articoli di Togliatti (come Guarite dalla lebbra, signori democratici, su "l'Unità" del 30 ottobre 1947) fanno impressione per asprezza di toni e dogmatismo di contenuti. E la sconfitta non venne accidentalmente. Quello fu allora il composito fronte delle sinistre e quello lo schieramento di chi si batté per ricavare uno spazio di centro non succube del clericalismo, non arrendevole verso il "partito nuovo". All'indagine storiografica spetta il compito di farci capre perché quei "profeti" – il termine religioso però non va tanto bene – non riuscirono ad "armarsi" con un'organizzazione adeguata alle trasformazioni sociali intervenute e alle finalità più accolte e mobilitanti.
Roberto Barzanti
  • Mirella Serri Cover

    È docente di Letteratura e giornalismo presso l’Università La Sapienza di Roma. Ha dedicato numerosi saggi ai maggiori scrittori contemporanei. Ha pubblicato Carlo Dossi e il racconto; Storie di spie. Saggi sul Novecento in letteratura; ha partecipato ai volumi collettivi: Il Novecento delle italiane; Amorosi assassinii. Storie di violenze sulle donne. Ha curato il Doppio diario.1936-1943 di Giaime Pintor. I suoi ultimi libri: Il breve viaggio. Giaime Pintor nella Weimar nazista (premio Capalbio e premio Salvatore Valitutti) e I redenti. Gli intellettuali che vissero due volte. 1938-1948, (premio letterario internazionale Isola d’Elba-Raffaello Brignetti, premio Alessandro Tassoni, premio Vladimir Nabokov, premio Ninfa Galatea-Lido dei Ciclopi). Ha realizzato trasmissioni... Approfondisci
Note legali