Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Il profumo - Patrick Süskind - copertina

Il profumo

Patrick Süskind

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Giovanna Agabio
Editore: Longanesi
Collana: La Gaja scienza
Edizione: 15
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 2 luglio 1993
Pagine: 259 p., Rilegato
  • EAN: 9788830405875
Salvato in 29 liste dei desideri

€ 8,00

Venduto e spedito da Fahrenheit 451

spinner

Disponibilità immediata

Solo una copia disponibile

+ 5,00 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 8,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Jean-Baptiste Grenouille, nato il 17 luglio 1783 nel luogo più puzzolente di Francia, il Cimetière des Innocents di Parigi, rifiutato dalla madre fin dal momento della nascita, rifiutato dalle balie perché non ha l'odore che dovrebbero avere i neonati, anzi perché "non ha nessun odore", rifiutato dagli istituti religiosi, riesce a sopravvivere a dispetto di tutto e di tutti. E, crescendo, scopre di possedere un dono inestimabile: una prodigiosa capacità di percepire e distinguere gli odori. Forte di questa facoltà, di quest'unica qualità, Grenouille decide di diventare il più grande profumiere del mondo, e il lettore lo segue nel suo peregrinare tra botteghe odorose, apprendista stregone che supera in breve ogni maestro passando dalla popolosa e fetida Parigi a Grasse, città dei profumieri nell'ariosa Provenza. L'ambizione di Grenouille non è quella di arricchirsi, né ha sete di gloria; persegue, invece, un suo folle sogno: dominare il cuore degli uomini creando un profumo capace di ingenerare l'amore in chiunque lo fiuti, e pur di ottenerlo non si fermerà davanti a nulla.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,12
di 5
Totale 190
5
110
4
38
3
16
2
7
1
19
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    miriam

    29/11/2020 17:14:04

    Libro bellissimo, finito in pochi giorni, mi ha presa totalmente! Descrizioni bellissimi, sembrava proprio di trovarmi nei luoghi descritti e di sentire i profumi descritti. Fantastico!

  • User Icon

    Luisa

    07/05/2020 21:38:34

    Grande delusione! Dalle recensioni mi aspettavo un capolavoro invece la narrazione è lentissima, descrizioni minuziose, per ogni odore descritto decine di aggettivi. Non mi lascia nulla questo libro, solo tanta noia.

  • User Icon

    Giuly

    07/07/2017 21:51:10

    Sublime, incantevole nonostante l'abominevole protagonista. Un capolavoro che proietta in un universo fatto di profumi, odori, sensazioni. Eccellente.

  • User Icon

    paolo

    20/12/2016 19:52:35

    Libro che sorprende con un finale che non ti aspetti e che ci insegna molte cose moltissime cose sulla nostra storia di uomini.

  • User Icon

    francesco v

    20/08/2015 16:57:33

    Romanzo capolavoro, che utilizza il profumo come pretesto e metafora del senso della vita, che tutti cerchiamo , pensiamo di aver trovato, cerchiamo di possedere. Da leggere due volte: una volta contemplandolo a distanza nel significato letterale, per godersi una storia intrigante e accattivante. Un'altra volta avvicinandosi, e alzando il velo. Unico appunto: il titolo. Questo libro non parla di profumi

  • User Icon

    guido

    15/11/2014 23:27:33

    l'olfatto è sicuramente il più antico dei 5 sensi, quello più primitivo e animalesco. Non vi è mai capitato di avvertire per caso un particolare profumo e di ricordare immediatamente le circostanze in cui lo avevate già percepito, magari nella prima infanzia?Sicuramente sì, e scommetto che vi saranno riaffiorate anche le sensazioni e le emozioni di quei momenti.il romanzo tratta di questo, e non a caso il protagonista Grenouille è un essere animalesco: negli animali l'olfatto è il senso principale. Suskind scrive benissimo e non annoia anche se la trama è insolita. lo consiglio a chi non ama le facili letture e ha la mente aperta all'inusuale.

  • User Icon

    Mattia

    31/01/2014 11:16:38

    Romanzo atipico. Faccio fatica a catalogarlo, è un romanzo storico, ma lo definirei "sensoriale", nel senso che può essere descritto solo nelle sensazioni che suscita in ogni singolo lettore. Scritto dannatamente bene, con un protagonista strano e maledetto, sicuramente da leggere, ma non aspettandosi il classico romanzo, più di una volta durante la lettura, il libro evoca odori e profumi di cui la storia si fa portatrice!

  • User Icon

    Serena

    06/09/2013 12:53:35

    Dopo aver letto il libro, il mio primo pensiero è stato: "ma quest'uomo è un genio!" Sì, ci vuole per forza un'immaginazione acuta, un'intelligenza fuori dal comune e anche un pizzico di perversione per poter scrivere un libro del genere: un capolavoro! Sono stata trasportata per 259 pagine nel mondo degli odori -qualcosa che non viene abbastanza tenuto in considerazione- ed è stato magico; ogni pagina ero sempre più ammaliata e affascinata, ero coinvolta sensorialmente e a fine libro non ho potuto che amare Grenouille. Un personaggio unico che soltanto Süskind poteva creare.

  • User Icon

    Francesca

    29/08/2013 08:53:37

    Inquietante , disgustoso

  • User Icon

    giuliana

    12/03/2013 14:07:39

    Leggo moltissimi libri, molto diversi tra loro, sia come stile che come contenuto. Riesco a leggere anche quelli noiosi, perchè non mi va di abbandonare quanto ho incominciato. Questo libro però mi ha disgustata. E' uno dei pochissimi che ho restituito in fretta senza averlo completato. Le recensioni che ho letto mi hanno stupita. Ognuno ha i suoi gusti.

  • User Icon

    Luke

    21/10/2012 16:54:09

    Sorpresa delle sorprese! Pe runo come me che legge solo gialli, questo libro è stato veramente una sorpresa. Protagonista fenomenale, trama incredibile e epilogo geniale. Verso metà rallenta un pochino, ma poi si riprende alla grande. Consiglio a tutti.

  • User Icon

    angela

    09/09/2012 16:04:04

    Un libro la cui lettura ho a lungo rimandato. E ad averlo saputo non lo avrei mai più preso in mano. Un capolavoro...? A parte lo stile narrativo indubbiamente notevole, la capacità di evocare immagini e quasi anche profumi, per il resto l'ho trovato realmente rivoltante. Difficile scrollarsi di dosso la bruttissima sensazione che ti lascia in tanti passaggi ma specialmente sul finale. Vivamente sconsigliato.

  • User Icon

    Alessandro

    27/08/2012 14:45:59

    Bellissimo libro letto tutto d un fiato....interessantissima la storia del protagonista che ha un abilita' innata a riconoscere tutti i profumi e gli odori che li circonda....lo consiglio a tutti

  • User Icon

    gaffo

    09/06/2012 20:29:06

    E' un libro senza precedenti. L'idea di raccontare la Francia del XVIII secolo attraverso gli odori è sublime. Grenouille è il protagonista del romanzo,e nonostante il suo immenso egocentrismo e il suo modo contorto di pensare,il lettore si immedesima in egli e tiferà sempre per lui fino alla fine del romanzo e anche dopo. Lo consiglio a tutti,Suskind è un genio,anche se questo è il suo unico romanzo di rilievo

  • User Icon

    Blackpearl

    08/12/2011 01:05:21

    E' in assoluto il mio libro preferito! Adoro Süskind ...è un genio! Consigliatissimo!

  • User Icon

    barbara

    10/11/2011 15:28:47

    E' un libro letto circa 10 anni fa ma del quale ricordo bene la curiosità nell'andare avanti nella lettura. Originale l'idea di raccontare la Francia del XVIII secolo attraverso il senso dell'olfatto: le parole creano non immagini ma sensazioni olfattive nella mente. Il protagonista, nel suo essere grottesco, scatena sentimenti di curiosità e disprezzo nel lettore: la sua alchimia è geniale nell'idea di creare l'essenza che arrivi al cuore delle persone oltrepassando la ragione, i mezzi con cui raggiunge l'obiettivo sono macabri e la senzazione lasciata è ripugnante

  • User Icon

    Marco

    10/09/2011 00:08:39

    La storia in sé, intesa come sviluppo degli eventi, presenta alcune carenze, anche se l'autore sa perfettamente calarci nello spirito dell'epoca. Tuttavia i messaggi trasmessi al lettore tramite sinestesie e stimoli olfattivi nonché la ricerca del dettaglio costituiscono una novità assoluta. Il protagonista è un parassita, una creatura tanto patologica quanto invisibile ed inesistente per gli altri, siccome priva di profumo=anima; come i vampiri si nutrono del sangue che essi non hanno, Jean-Baptiste salassa linfa che in lui non fluisce. L'opera sembra evocare, tra gli altri, odore di zolfo, anche se nulla in tal senso viene mai esplicitato. Mi ha ricordato il film di Rosemary' Baby di Polanski, dove tutto può essere letto su un duplice piano, reale o soprannaturale. L'ho letto anni fa e in questo periodo in cui ho preso a commentare su IBS ritengo di dover tributare un elogio a uno dei libri che ho più apprezzato.

  • User Icon

    breeze23

    25/08/2011 20:25:35

    Ho terminato di leggere il libro con fatica. A metà avrei voluto non averlo mai cominciato. La trama è forzata. Sembra che l'autore trovi il seguito alle varie vicende man mano che scrive e quasi sempre il modo di raccontare si attorciglia su sè stesso cercando continuamente frasi e parole nuove per dire sempre la stessa cosa. Il voto in più del minimo è per l'originalità dell'idea e per le precise descrizioni dei procedimenti per ottenere i profumi, anche se per i non addetti ai lavori diventano poco interessanti anche quelli. La parte dell'adolescenza solitaria è noiosa e poco credibile mentre il finale avrebbe potuto essere scritto mile volte meglio e senza per forza uscire fuori dai margini della decenza. E' un libro non adatto a chi cerca l'emozione nelle parole. E' "freddo" e mancano totalmente i sentimenti e la poesia.

  • User Icon

    guidox

    25/06/2011 21:15:00

    idea originalissima, storia e personaggio che creano un interesse molto forte, nonostante alcuni cali nello sviluppo delle vicende, specie nella parte in cui il protagonista abbandona Parigi. una immensa metafora che non lascia indifferenti.

  • User Icon

    Anna Nibbia

    01/06/2011 21:52:38

    Un capolavoro. Da leggere assolutamente.

  • User Icon

    fiffo

    22/02/2011 23:18:04

    Questo romanzo mi ha sempre molto turbato. L'ho riletto poco tempo fa e mi restano tante domande irrisolte: pieno di fascinazione e di angoscia. Da leggere.

  • User Icon

    Laron

    06/01/2011 20:15:27

    Bella idea! Storia piacevole e protagonista interessante.. semplice ma efficace, per me leggermente ridodante e prolisso ogni volta de Grenouille si concentra su un profumo, questo non rallenta comunque la narrazione. Buon libro.

  • User Icon

    ciomegna

    08/05/2009 16:30:28

    Letto e consigliato a chi ama immergersi nella storia in maniera intensa...certo non è una lettura leggera ma di certo travolgente. Un racconto geniale che mi ha appassionata già dalle prime pagine. Tra l'altro è forse uno dei pochi libri che mi è piaciuto anche in versione cinematografica, ma naturalmente bisogna leggerlo prima!

  • User Icon

    marsariota

    23/04/2009 11:05:28

    Nessuno di voi ha sentito parlare di Orfeo? Ho letto questo libro da tanti anni, lo consiglio a tutti, ma nessuno vede l'avatar di Orfeo in questo personaggio? E non se ne trova traccia nemmeno nella critica ufficiale. Così tutti ne sono sconvolti ma non si avvicinano mai al vero motivo. Godono annusando "Nuite Napolitaine", ma niente di più...

  • User Icon

    Svampie

    01/04/2009 16:06:15

    Sono d'accordo con Laura, ancora una volta uno che vede un po' più in là di noi tenta, con un romanzo bellissimo, di farci capire che nella vita comemttiamo tutti un errore di prospettiva: sbagliamo l'oggetto del nostro desiderio, correndo dietro ai nostri istintivismi o cervelloticismi, come ci "tira" invece di andare a fondo realmente su quello che è il senso, l'essenza della nostra esistenza e delle cose che ci circondano. Questo è il vero desiderio, il desiderio del protagonista. Ma una volta ancora, la gente vede solo delle "grandi emozioni"...questo libro è molto di più di un emozione. E' metafora della condizone dell'uomo serio con se stesso e con la vita.

  • User Icon

    Laura

    31/03/2009 19:27:24

    Dai commenti letti mi sembra che nessuno abbia veramente capito questo libro...Il voler catturare i profumi e' una chiara metafora dell'uomo che vuole catturare l'"essenza" delle cose, e tutto il libro e' un voler fare aprire gli occhi a tutti i puzzolenti esseri umani che si lasciano ingannare cosi' facilmente dall'apparenza delle cose. Come pensa Grenouille alla fine: "io sapevo di desiderare il profumo, non la fanciulla. Invece la folla pensava di desiderare ME, e cio' che desiderava in realta' non lo sapra' mai". Oltre a questa il libro e' pieno di metafore bellissime. Consiglio a tutti di leggerlo, ma veramente, andando al di la' di cio' che sembra!

  • User Icon

    The Mad Hatter

    27/01/2009 11:09:18

    Per chi non lo avesse ancora letto, questo libro è senza dubbio uno dei migliori di Suskind...La descrizione del profilo psicologico dei personaggi costituisce, insieme al paesaggio di un Sud Italia devastato dal dopo guerra uno scenario davvero suggestivo! Superbo il ruolo che l'autore dedica al cane...che insieme al trapezista algerino Hugues, danno a questo libro una nota sentimentale non indifferente! Consigliato!

  • User Icon

    Elisa

    26/01/2009 13:11:22

    Secondo me è un bellissimo romanzo!Chiaramente la versione cinematografica eè molto inferiore; dico chiaramente perchè è un fenomen a cui tutti i lettori sono oramai abituati. Lettura intensa, satura di odori e profumi che sembrano ricrearsi fuori dalle pagine. Leggendo nelle righe il protagonista diventa metafora dell'anticonvenzionale, dell'uomo moderno che non sa trovare il suo posto nel mondo nelle cui regole non si ritrova. Simile per concetto è un'altro romanzo di Suskind, IL PICCIONE.

  • User Icon

    GinoPanino

    26/01/2009 12:28:39

    Bello, davvero bello. Sono rimasto affascinato da questa straordinaria storia d'amore. Le ambientazioni del romanzo ti toccano il cuore e la protagonista è eccezionale. Particolarmente azzeccata poi la figura del cane, attraverso il quale l'autore raggiunge il cuore del lettore. Sto leggendo il seguito e promette bene, anche se all'inizio il cane, purtroppo, muore. Da leggere!

  • User Icon

    j.nardi

    03/12/2008 15:04:35

    Leggendo i commenti noto che la maggior parte descrive ciò che ha letto e niente di più. La storia del profumo non è fine a se stessa, in realtà svela molteplici lati dell’umanità. Ne cito solo uno quello finale (gli altri me li tengo per me). Con poche gocce di profumo esplode un’orgia ma, quando Grenouille, getta tutto il flacone nella sua testa viene divorato. Cosa voglio dire? Anzi cosa vuole dire l’autore? Poche gocce d’umanità danno l’amore… la massa? La distruzione. Leggete oltre le righe

Vedi tutte le 190 recensioni cliente

Jean-Baptiste Grenouille, nato il 17 luglio 1783 nel luogo più puzzolente di Francia, il Cimetière des Innocents di Parigi, rifiutato dalla madre fin dal momento della nascita, rifiutato dalle balie perché non ha l'odore che dovrebbero avere i neonati, anzi perché «non ha nessun odore», rifiutato dagli istituti religiosi, riesce a sopravvivere a dispetto di tutto e di tutti. E, crescendo, scopre di possedere un dono inestimabile: una prodigiosa capacità di percepire e distinguere gli odori. Forte di questa facoltà, di quest'unica qualità, Grenouille decide di diventare il più grande profumiere del mondo, e noi lo seguiamo nel suo peregrinare tra botteghe odorose, apprendista stregone che supera in breve ogni maestro passando dalla popolosa e fetida Parigi a Grasse, città dei profumieri nell'ariosa Provenza: sempre accompagnati da quella prosa sontuosa che consente a Suskind - geniale alchimista della scrittura lui stesso - di evocare all'ammaliato lettore colori, sfumature, sapori ed essenze, aromi, odori. L'ambizione di Grenouille non è quella di arricchirsi, né ha sete di gloria; persegue, invece, un suo folle sogno: dominare il cuore degli uomini creando un profumo capace di ingenerare l'amore in chiunque lo fiuti, e pur di ottenerlo non si fermerà davanti a nulla.

  • Patrick Süskind Cover

    Scrittore e sceneggiatore tedesco. Studiò storia all'Università di Monaco di Baviera e a Aix-en-Provence. Il suo romanzo più noto è Il profumo (1985) che divenne un bestseller mondiale, tradotto in più di venti lingue. Nonostante la sua fama mondiale Süskind preferisce una vita estremamente riservata, concedendo raramente interviste e non mostrandosi in eventi pubblici, arrivando persino a rifiutare importanti premi letterari tedeschi quali il Gutenberg, il Tukan e il FAZ. I diritti cinematografici de Il profumo sono stati acquistati nel 2000 per una cifra ritenuta tra i cinque e i dieci milioni di Euro dalla ditta di produzione Costantin-Film, che ne ha tratto un film girato nel 2005 dal regista Tom Tykwer.Inoltre Süskind è stato sceneggiatore... Approfondisci
Note legali
Chiudi