-15%
Proust o del sentimento - Guido Morselli - copertina

Proust o del sentimento

Guido Morselli

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Curatore: M. Piazza
Editore: Ananke
Collana: Filosofia
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 19 dicembre 2006
Pagine: 223 p., Brossura
  • EAN: 9788873251750
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 13,60

€ 16,00
(-15%)

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Proust o del sentimento

Guido Morselli

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Proust o del sentimento

Guido Morselli

€ 16,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Proust o del sentimento

Guido Morselli

€ 16,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La sorte di "Proust o del sentimento" sembra prefigurare o accompagnare quella del suo autore: pubblicato nel '43 da Garzanti, dopo qualche consenso tra gli addetti ai lavori, questo originale esempio di prosa saggistica verrà avvolto in quel cono d'ombra che ha circondato fino alla morte, com'è noto volontaria, lo "scrittore postumo" Guido Morselli. La riscoperta di questo testo è merito soprattutto degli studiosi di Morselli, che lo hanno letto in relazione alla sua successiva scrittura narrativa e saggistica. Nell'ambito della critica proustiana invece, la ricezione sembra essere stata pressoché nulla. Eppure, sottolinea Marco Piazza nell'introduzione al volume, si tratta "di una lettura filosofica e letteraria insieme dell'opera proustiana, il cui fine è render ragione del significato unitario dell'opera, difficilmente afferrabile se ci si ferma a dar spazio esclusivamente all'estetica esplicita della "Recherche", così come essa è esposta ne "Le temps retrouvé". Una lettura originale, quella morselliana, che considera il romanzo di Proust come una sintesi di contrari, la ricreazione di una vicenda autobiografica alla luce di quel medium tra io e mondo che, nell'universo teorico del giovane Morselli, è il sentimento.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Gli esseri che ci circondano non sono più che flatus vocis, meri nomi, non appena vien meno il nostro contatto materiale con loro. E anche mentre questo dura, l'abitudine, l'amor proprio, l'egoismo possono ottundere a tal punto il nostro interesse per una persona, da cancellarla virtualmente dalla nostra vita (…) l'egoismo del sentimento è inguaribile, e inesorabilmente destinato a far soffrire chi ne è affetto e gli altri".
Questa melanconica diagnosi di Guido Morselli potrebbe applicarsi facilmente ai personaggi dei suoi romanzi e alla sua stessa figura di solitario analista della "fenomenologia del femminile": basta pensare ai labirinti sentimentali di Un dramma borghese o alla letterale "cancellazione" dell'umanità in Dissipatio HG. Il frammento che abbiamo citato è compreso nel primo libro morselliano, dedicato a Proust e uscito nel 1943. Esso forma con molti altri una specie di autoritratto attraverso lo schermo saggistico: lo scrittore, come spesso avviene, parla di se stesso parlando dell'amatissima Recherche e s'identifica nei fantasmi di Don Giovanni e Narciso che aleggiano intorno al narratore Marcel. Di questo autobiografico "proustismo" di Morselli, del resto, sono bellissimo esempio anche altre pagine dedicate a uno dei temi centrali del romanzo francese (il rapporto fra arte e vita); con significativa insistenza sul "desiderio" o meglio "nostalgia di vita" che anima l'"ostinata minuziosa introspezione" della Recherche sollevandola "ben sopra la sfera dell'analisi psicologica". Il medesimo desiderio o nostalgia, come è noto, forma il nucleo centrale della scrittura creativa di Morselli, dedicata alla crisi del soggetto e a una sofferta quête dell'essenza.
Ma il saggio proustiano non annuncia solo i romanzi postumi del suo autore (che avrebbe pubblicato in vita solo un altro libro, Realismo e fantasia del 1947). Esso rappresenta anche un importante tassello degli studi proustiani in Italia, finora quasi ignorato e opportunamente recuperato dalla nuova edizione di Piazza e Francioni, munita di sobrio e funzionale commento. In polemica con la lettura "per frammenti" della Recherche, Morselli insiste sul carattere unitario dell'opera e la analizza da un punto di vista provocatoriamente filosofico e antiletterario. Le due parti del saggio, quella principale dedicata alla gnoseologia proustiana e l'appendice con i corollari etici o pratici, cercano appunto di illuminare il meccanismo del "sentimento" e la natura del "contenuto sentimentale" proustiano: termini un poco datati con i quali Morselli designa la complessa dialettica della Recherche fra impression e signe, image e idée. Perché a leggere queste pagine morselliane sul labirinto del ricordo e della menzogna, dell'illusione e della verità, soprattutto i capitoli dedicati alla memoria involontaria e al significato delle impressioni, sembra di leggere in anticipo Proust et les signes di Gilles Deleuze, un libro che nel 1964 avrebbe davvero segnato una svolta nel modo di leggere Proust. Anche per Morselli, infatti, fin dall'esergo shakespeariano del suo volume, la decifrazione è tutto; ed egli si sofferma con elegante perspicacia sul fondamentale tema proustiano dei "segni figurati", sull'indispensabile "interpretazione" di quel "solco" che ogni impressione esterna traccia "nel profondo del nostro essere" (poiché le impressioni, dichiara una pagina famosa del Temps retrouvé, "ont besoin d'être traduites et souvent lues à rebours et péniblement déchiffrées").
Proprio alla dimensione "sotterranea" della Recherche, al "mondo ipogeo entro cui si sprofondano impressioni e sensazioni", Morselli dedica i suoi suggerimenti migliori, con alcune brillanti letture (come quella dei "deux clochers de Martinville" in Du côté de chez Swann) che sembrano davvero mettere in pratica lo scavo conoscitivo raccomandato all'artista da Marcel. Meno riusciti sembrano invece altri capitoli, più tradizionalmente orientati sull'estetica proustiana, sulla valenza autobiografica del romanzo e (nella seconda parte del saggio intitolata Il sentimento nella "Recherche") su alcuni corollari "pratici": i rapporti con la religione, la politica, la morale, il sesso. È tuttavia la passione, la passione che ispira solo chi si sprofonda nella Recherche come esperienza totale, a emergere ancora nelle ultime pagine di questo libro attualissimo: quando accenna (accenna soltanto) al valore di allegoria dei personaggi, o alla valenza apocalittica e insieme enciclopedica del capolavoro proustiano, Morselli percepisce davvero alcune risonanze essenziali della musica proustiana e sembra consegnarle all'operosità della critica più moderna. La "composizione ciclica e frondosa" della Recherche si rivela così nelle sue pieghe nascoste, illuminate da questo saggio brillante che l'autore umilmente considerava una semplice "'introduzione' alla lettura".
  Rinaldo Rinaldi
  • Guido Morselli Cover

    (Bologna 1912 - Varese 1973) narratore italiano. Condusse una vita schiva e ritirata, per lo più in una villa a Gavirate, presso Varese. I suoi romanzi furono tutti respinti dai vari editori a cui vennero via via presentati e i continui rifiuti indussero M. al suicidio. Solo dopo la morte cominciarono a essere pubblicate le sue opere, tutte improntate a una grande perizia stilistica e a un’originale costruzione d’intrecci. Situazioni di fantapolitica o di fantastoria sono il pretesto per far emergere la paradossalità delle vicende umane: Roma senza papa (1974) racconta la perdita d’identità di una chiesa tesa al rinnovamento; Contro-passato prossimo (1975) ipotizza una diversa conclusione della prima guerra mondiale; Divertimento 1889 (1975) è la nostalgica rievocazione della fin-de-siècle... Approfondisci
Note legali