Psicoanalisi e luoghi della memoria

Curatore: G. Leo
Editore: Frenis Zero
Anno edizione: 2010
Pagine: 512 p., Rilegato
  • EAN: 9788890371028
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Questo libro raccoglie scritti di psicoanalisti (italiani e stranieri), ma anche di personalità della cultura sul tema dei luoghi della memoria collettiva nel Mediterraneo e dei loro rapporti con i traumi sociali e la loro trasmissione transgenerazionale dal punto di vista della riflessione psicoanalitica.

€ 34,85

€ 41,00

Risparmi € 6,15 (15%)

Venduto e spedito da IBS

35 punti Premium

Disponibile in 3 settimane

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    fan

    02/07/2010 13:23:05

    Ogni due anni la rivista di psicoanalisi Frenis Zero organizza un convegno internazionale Identità mediterranee come occasione di riflessione in cui psicoanalisti e uomini di cultura dialogano su tematiche che riguardano la storia e l’attualità del Mediterraneo. Il progetto di invitare in Puglia, crocevia del Mediterraneo, psicoanalisti e uomini di cultura per riflettere insieme al pubblico sui “disagi delle civiltà” mediterranee (transculturalità, immigrazioni, trasmissione transgenerazionale di traumi collettivi) era partito nel 2008 con un convegno a partire dal quale è nato questo libro che è stato arricchito da altri contributi e riflessioni, di psicoanalisti che appartengono geograficamente all’area mediterranea (come René Kaës, Janine Altounian, Silvia Amati Sas, Yolanda Gampel) o che pur non appartenendovi hanno trattato le vittime di traumi collettivi subiti nei paesi mediterranei d’origine (come nel caso di Sverre Varvin. Gli autori sono: J. Altounian, S. Amati Sas, M. Avakian, W. Bohleber, M. Breccia, A. Coen, A. Cusin, G. Dana, J. Deutsch, S. Fizzarotti Selvaggi, Y. Gampel, H. Halberstadt-Freud, N. Janigro, R. Kaës, G. Leo, M. Maisetti, F. Mazzei, M. Ritter, C. Trono, S. Varvin e H.-J. Wirth.

Scrivi una recensione