-41%
Psychofarmers® - Pietro Adamo,Stefano Benzoni - copertina

Psychofarmers®

Pietro Adamo,Stefano Benzoni

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Isbn Edizioni
Anno edizione: 2005
Pagine: 299 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788876380129
Salvato in 11 liste dei desideri

€ 9,80

€ 16,50
(-41%)

Venduto e spedito da Libro di Faccia

Solo una copia disponibile

+ 4,90 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Una storia completa dello psicofarmaco dal suo apparire fino alla recente esplosione. Un racconto per voci che si muove su un doppio piano: da una parte ci sono le teorizzazioni sull'influenza della psicofarmacologia nell'immaginario collettivo; dall'altra, una vera guida al (non)-utilizzo degli psicofarmaci che contiene una serie di notizie utili e chiare per tutti. Le illustrazioni del libro sono le incredibili pubblicità che dal 1900 a oggi, a ogni latitudine del pianeta, hanno tentato di comunicare per immagini il disagio psicologico.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    maurizio cripi

    21/12/2005 07:22:04

    L'opera di Adamo e Benzoni copre un vuoto culturale il cui persistere è causa di grandi fraintendimenti nell'approccio all'uso/abuso di droghe illecite (cioè di quelle rubricate come "stupefacenti"). I due studiosi propongono ai lettori un percorso di lettura che può essere affrontato sia con un criterico diacronico (passando attraverso la lettura ordinata dei lemmi che compongono il volume) sia sincronico (per accessi "trasversali", cioè con entrate nel testo da qualsiasi punto si voglia) attraverso il complesso ed intricato territorio delle sostanze psico-attive utilizzate come (psico)farmaci nell'ambito dell'intervento medico e psichiatrico. Gli autori mostrano nel loro testo come attorno agli psicofarmaci si sia sviluppato una complicata mitografia e che essi, per questo motivo, entrano a far parte integrante dell'immaginario individuale e sociale, essendo divenuti parte integrante dello strumentario a cui ciascun individuo sa di poter fare ricorso nelle più svariate circostanze in cui abbia bisogno di risposte neurofisiologiche "funzionali". Gli psico-farmaci - per come mostrano i due autori - sono onnipresenti: nei film, nei romanzi, nei cartoon, nelle canzoni rock, nei nomi/nomigloli delle bande musicali; vengono utilizzati da personaggi famosi, politici e uomini dello spettacolo: Tutti più o meno indistintamente, in forme epslicite o subdole - a seconda dei casi - hanno ceduto alle seduzioni dei più diversi psicofarmaci, che sempre di più dunque tendono ad essere utilizzati al di fuori delle indicazioni terapeutiche ed essenzialmente come "modulatori" degli stati d'animo e delle capacità performative (vigilanza, attenzione, disponibilità a fare, ricarica mentale ecc.). In questo senso, gli psicofarmaci rappresentano l'altra faccia della medaglia delle cosiddette droghe illecite: la loro onnipresenza e il posto privilegiato che hanno nell'immaginario collettivo (e nella cassetta di pronto soccorso di ogni cittadino) spiegano perchè sia pressoché impossibile sradicarne l'utilizzo delle seconde.

  • Stefano Benzoni Cover

    Stefano Benzoni è un neuropsichiatra infantile, consulente presso il Policlinico di Milano per la fondazione IRCCS dell’Istituto Nazionale Tumori. Docente a contratto per l’Università Bicocca di Milano, dove ha insegnato Psichiatria e Neuropsichiatria infantile, ha pubblicato diversi lavori nel campo dell’infanzia e della sanità. Tra questi si ricordano Psychofarmers (con P. Adamo, Isbn Edizioni, 2005), Prima dei 18 anni. L’autonomia decisionale del minore in ambito sanitario (a cura di, con G.O. Cesaro, P. Lovati e P. Vizziello, Franco Angeli, 2010), L'infanzia non è un gioco. Paradossi e ipocrisie dei genitori di oggi (Laterza, 2013) e Figli fragili (Laterza, 2018). Approfondisci
Note legali