Punk in Drublic - CD Audio di NOFX

Punk in Drublic

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: NOFX
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Epitaph
Data di pubblicazione: 1 maggio 2004
  • EAN: 8714092643527

44° nella classifica Bestseller di IBS Cd musicali CD - Pop Rock internazionale - Indie, Alternative e Punk Rock

Salvato in 1 lista dei desideri

€ 12,90

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 11,99 €)

Disco 1
1
Linoleum
2
Leave it alone
3
Dig
4
The cause
5
Don't call me white
6
My heart is yearning
7
Perfect government
8
The brews
9
The quass
10
Dying degree
11
Fleas
12
Lori meyers
13
Jeff wears birkenstocks
14
Punk guy
15
Happy guy
16
Reeko
17
Scavenger type
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Gianni

    22/09/2019 18:12:59

    Nel 1994 uscirono Dookie! dei Green Day, Smash degli Offspring e questo Punk in drublic dei NoFX. Erano altri tempi, si dirà, con altre programmazioni radiofoniche e altri videoclip che passavano in tv: ma lo erano proprio per merito di band e di dischi simili, che portarono un po' di follia, di schitarrate e di velocità nelle orecchie di milioni di adolescenti attorno al mondo. Nel terzetto sopra elencato, certo il più rappresentativo dell'ascesa del cosiddetto punk californiano, i NoFX sono l'elemento più autarchico e schivo, tanto schivo da aver scelto di abbandonare MTV dopo aver licenziato il videoclip di Leave it alone (estratto da questo cd). Questo proprio a causa del successo che invesì la band: troppo da sopportare per un quartetto dall'etica e dalla sincerità artistica troppo forti per farsi piegare dalle logiche commerciali. Punk in drublic è ancora oggi un cd fresco, traboccante di melodia e di semplici, ma efficaci linee di chitarra, con pezzi entrati nei cuori dei fans della band (e non solo) del calibro di The brews, Linoleum, Scavenger type (l'inaspettato episodio acustico in chiusura, dopo il falso finale di Reeko), Lori Meyers, Perfect government (cover di Mark Curry) e naturalmente Don't call me white, che a dispetto della scelta di non essere pubblicata come singolo rimane ancora oggi il brano più ricordato di questo incredibile album.

Note legali