Puoi baciare lo sposo (DVD)

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Salvato in 29 liste dei desideri

€ 7,27

Venduto e spedito da KONKE

Solo 1 prodotto disponibile

+ 4,99 € Spese di spedizione

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 7,27 €)

La storia di due futuri sposi che devono difendere il proprio amore dai pregiudizi

Antonio (Cristiano Caccamo) ha finalmente trovato l’amore della sua vita, Paolo (Salvatore Esposito), con il quale convive felicemente a Berlino. Nell’entusiasmo di una tenera dichiarazione d’amore, Antonio chiede a Paolo di sposarlo ma ora viene il momento di affrontare le due famiglie. Decidono quindi di partire insieme per l’Italia, destinazione Civita di Bagnoregio, dove vivono i genitori di Antonio: la madre Anna (Monica Guerritore) e il padre Roberto (Diego Abatantuono), Sindaco progressista del paese che ha fatto dell’accoglienza e dell’integrazione i punti di forza della sua politica. Ai due innamorati si uniscono, per un viaggio pieno di rivelazioni e sorprese, la loro bizzarra amica Benedetta (Diana Del Bufalo) e il nuovo stressato coinquilino Donato (Dino Abbrescia). Anna accetta subito l’intenzione del figlio di unirsi civilmente a Paolo a patto che vengano rispettate tutte le tradizioni e alcune condizioni: alle nozze dovrà partecipare la futura suocera, bisognerà invitare tutto il paese, dell’organizzazione se ne dovrà occupare Enzo Miccio, wedding planner per eccellenza e i ragazzi dovranno essere uniti in matrimonio dal marito, con tanto di fascia tricolore. La madre di Paolo, Vincenza (Rosaria D’Urso), parteciperà alle nozze? Ma soprattutto, Roberto sosterrà la scelta di suo figlio?

3,5
di 5
Totale 12
5
2
4
5
3
3
2
1
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    ernesta

    17/05/2020 21:40:30

    mi sono divertita molto a vedere questo film, fortissimo Abatantuono

  • User Icon

    gilda

    17/05/2020 20:38:18

    Film che intrattiene e fa evadere un po' la mente, lo consiglio

  • User Icon

    riccardo

    13/05/2020 20:12:58

    Bel film "d'evasione" che parte da una tematica quanto mai attuale e la sviluppa in maniera simpatica e divertente, con alcune trovate davvero geniali. Fantastica la Guerritore e imperdibile Dino Abbrescia nei panni di un improbabile crossdresser! Unica pecca, qualche scena un po' gratuita.

  • User Icon

    Gaetano

    11/05/2020 17:59:54

    Film abbastanza divertente, che tratta tematiche attuali... Belli i luoghi in cui è stato girato, e discreto il cast.

  • User Icon

    S_amara

    18/04/2020 06:43:31

    Bellissimi i luoghi in cui è stato girato il film, un po' meno il film in sé che è una commedia abbastanza scontata nella quale emergono vari errori ed incongruenze, primo tra tutti il celebrante del matrimonio: nell'ordinamento italiano I matrimoni (siano essi eterno o gay) NON possono essere celebrati da un parente degli sposi pena la nullità.

  • User Icon

    Adele

    21/09/2019 11:08:43

    Un film che cadrebbe subito nel dimenticatoio se non fosse per qualche scenetta simpatica che Catania e, soprattutto Abbrescia mettono a segno in maniera scaltra, strappando qualche risata allo spettatore che altrimenti non avrebbe nulla in mano su cui riflettere, visto che l'espediente del matrimonio gay si riduce ai soliti clichè.

  • User Icon

    giovanna

    19/09/2019 12:28:58

    un film che fa riflettere sull'ipocrisia della società odierna, in chiave ironica

  • User Icon

    Mario Scippa

    15/05/2019 15:36:38

    Di solito non sono cosi cattivo con i voti.. ma che dire: Non merita di essere visto al cinema. Una storiella che credevo fosse molto più carina..invece niente. Salvatore Esposito, ripulito i panni di Genny Savastano, cerca una via di uscita in un film comico, un pò come fece Francesco Montanari con il Libanese.. ma lo preferisco nei panni di un boss che in quelli di un gay imbranato.

  • User Icon

    Chiara

    11/03/2019 13:57:24

    Film visto in sala e che ho aggiunto volentieri nella mia videoteca in quanto lo ho torvato molto ben recitato da tutto il cast,mi è piaciuto l'evevolversi della trama ,l'argomento è trattato in modo leggero e mi ha fatto riflettere su molti pregiudizi che purtroppo ci sono ancora nel nostro paese .Diego Abadantuono come smepre ottimo come la Monica Guerritore (quà sua moglie e madre dello sposo ) il cast giovanile è molto in gamba .Molto carina la cittadina in cui è ambientato quasi interamente il film .Presente Enzo Miccio nei panni di se stesso,che sarà l'organizzatore del matrimonio ! Consigliato a chi ama le commedie ma di quelle che fanno anche riflettere .

  • User Icon

    Titti68

    29/11/2018 10:48:46

    Abatantuono un colpo una tacca! Ottimo film, si ride e fa riflettere.

  • User Icon

    luca

    30/10/2018 13:05:22

    Divertente, leggero e diretto, la storia di un amore che ancora oggi trova difficoltà ad essere vissuta in maniera del tutto naturale. Il finale poteva essere chiuso in modo meno frettoloso. Bel film, che tutti dovrebbero vedere per sorridere riflettendo.

  • User Icon

    Anna

    18/09/2018 14:22:32

    Si può pensare che questo sia un film banale, i soliti filmetti. Invece è un film bellissimo. Molto profondo che con ironia spiega il significato di essere gay al giorno d oggi

Vedi tutte le 12 recensioni cliente

Trama

Antonio vive a Berlino dove condivide un appartamento con Benedetta, una ragazza ricca e svampita, e con Paolo, il ragazzo di cui si è innamorato a prima vista. Quando Antonio chiede a Paolo di sposarlo, lui pone una condizione: quella di essere presentato ai futuri suoceri in Italia. Antonio esita perché non ha mai rivelato la sua omosessualità a padre e madre, ma infine cede, e parte per Civita di Bagnoregio, il paesino dove è cresciuto e di cui suo padre è sindaco.

Commedia sentimentale che vorrebbe mettere in luce le ipocrisie del presente italiano, ma riduce il conflitto a un braccio di ferro coniugale

Trama

Antonio vive a Berlino dove condivide un appartamento con Benedetta, una ragazza ricca e svampita, e con Paolo, il ragazzo di cui si è innamorato a prima vista. Quando Antonio chiede a Paolo di sposarlo, lui pone una condizione: quella di essere presentato ai futuri suoceri in Italia. Antonio esita perché non ha mai rivelato la sua omosessualità a padre e madre, ma infine cede, e parte per Civita di Bagnoregio, il paesino dove è cresciuto e di cui suo padre è sindaco.

  • Produzione: Colorado Film, 2099
  • Distribuzione: Warner Home Video
  • Durata: 89 min
  • Lingua audio: Italiano (5.1 Dolby Digital)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti; Inglese
  • Formato Schermo: 16:9 2.39:1
  • Area 2
  • Contenuti: Backstage - Trailer
  • Diego Abatantuono Cover

    "Attore italiano. Dopo aver esordito come cabarettista al Derby Club di Milano e con i Gatti di Vicolo Miracoli, viene notato da R. Arbore che lo inserisce nel cast del Pap’occhio (1980). Arrivato al successo nei primi anni ’80 nel ruolo del «terrunciello» in film come Viuuulentemente mia e Eccezzziunale... veramente (entrambi di C. Vanzina, 1982), imprime una svolta alla sua carriera con Regalo di Natale (1986) di P. Avati, in cui mostra pregevoli doti di attore drammatico. Il suo nome si lega poi al successo internazionale di G. Salvatores, per il quale dà vita a estrosi personaggi in Marrakech Express (1989), Turné (1990), Mediterraneo (1991), Puerto Escondido (1992), Nirvana (1997). La sua carriera discontinua alterna convincenti risultati in film d’autore (Il toro, 1994, di C. Mazzacurati;... Approfondisci
  • Monica Guerritore Cover

    Attrice italiana. Contesa tra cinema (in piccoli ruoli, come in Peccato veniale, 1974, di S. Samperi) e teatro (le esperienze con G. Strehler al Piccolo Teatro di Milano), privilegia il secondo, anche in ragione di un sodalizio professionale e personale con l’attore-regista G. Lavia. Sul grande schermo la freschezza poco più che adolescenziale degli esordi, spesso impiegata in pellicole di elevate pretese culturali (Uomini e no, 1980, di V. Orsini), cede il passo a una femminilità focosa e torbida in film erotici fintamente trasgressivi e patinati: (Fotografando Patrizia, 1984, di S. Samperi, e le pellicole dirette da Lavia, da Scandalosa Gilda, 1985, a La lupa, 1996).Nella sua attività teatrale è stata anche regista e autrice. Del 2018 Mariti e Mogli, spettacolo... Approfondisci
Note legali