I Puritani

Compositore: Vincenzo Bellini
Direttore: Richard Bonynge
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 3
Etichetta: Decca
Data di pubblicazione: 2 febbraio 1988
  • EAN: 0028941758828

€ 60,50

Venduto e spedito da IBS

61 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Disco 1
  • 1 All'erta! All'erta! L'alba appari
  • 2 Vuelo
  • 3 Chain Reaction
  • 4 Down on the Corner
  • 5 O amato zio, o mio secondo padre!
  • 6 Sai com'arde in petto mio
  • 7 Ad Arturo onore
  • 8 A te, o cara
  • 9 I rito augusto si compia senza me
  • 10 Son vergin vezzosa
  • 11 Ferma! Invan, invan rapir pretendi!
Disco 2
  • 1 Dov'è Arturo?
  • 2 Inner Vision
  • 3 Cascade
  • 4 Cinta di fiori
  • 5 E di morte lo stral non sarà lento
  • 6 O rendetemi la speme
  • 7 Vien, diletto, è in ciel la luna
  • 8 Il rival salvar tu dei
Disco 3
  • 1 Son salvo, alfin son salvo
  • 2 What it Is
  • 3 Mixed Bag
  • 4 Vieni, vieni fra questa braccia
  • 5 Ancor s'ascolta questa suon molesto
  • 6 Credeasi, misera!
  • 7 Suon d'araldi?
Mostra tutti i brani

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alberto Zini

    04/09/2006 14:48:02

    Registrazione davvero mitica che si pone come ineludibile punto di riferimento nella storia interpretativa dell'opera e del canto belliniano in genere.Ottime la direzione e l'orchestra mentre un po' scialbo il coro.I cantanti sono superlativi.La Sutherland,dopo la prima incisione,non sfigura davanti alla se stessa di anni prima,superandola anzi dal punto di vista interpretativo:aglilità a tutta prova,di fosforescente precisione e bellezza,acuti limpidissimi ed adamantini,linea di canto purissima ed espressivamente strepitosa,sia nei passi più scopertamente virtuosistici,sia in quelli di andamento liricizzante.Ascoltare per credere(son vergin vezzosa,vien diletto,rondò finale).Pavarotti è l'Arturo per eccellenza.Canto immacolato a tutte le altezze,accento vibrante unito al timbro di rarissima seduzione,delineano un personaggio vivo pur nell'araldica stilizzazione tipica dell' opera seria del primo ottocento.L'aria del primo atto squilla in modo addirittura perentorio,all'interno di una linea di canto formidabile;il duello di sfida e la scena con Enrichetta sono scomodissimi quanto a scrittura ma Pavarotti li domina egregiamente e quanto al terzo atto basti dire che è un vero e proprio modello di stile data la sua perfezione(canzone del trovatore, duetto,con tanto di re acuti lanciati in modo incredibile)e la sua intensità(qualità presenti anche nel temibile Credeasi misera dove la regione acuta è puro argento e quanto al fa sovracuto, non sarà una nota sublime, ma è gloriosamente presente all'appello).Cappuccilli e Ghiaurov cantano il miglior finale del secondo atto presente su disco con proprietà d'accento e di lina che non li abbandonano durante il resto dell'opera, uniti a due timbri tra i più belli e grandi del dopoguerra.Comprimari passabili che non inficiano il livello dell'incisione che anche tecnicamente è fenomenale.

Scrivi una recensione