Stripe PDP
Salvato in 156 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Purity
18,70 € 22,00 €
;
LIBRO
Venditore: IBS
+190 punti Effe
-15% 22,00 € 18,70 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
18,70 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
22,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
22,00 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 30 gg lavorativi Disponibile in 30 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Yelets
10,20 € + 4,50 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Memostore
14,90 € + 5,00 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
18,70 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
22,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
22,00 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 30 gg lavorativi Disponibile in 30 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libreria Yelets
10,20 € + 4,50 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Memostore
14,90 € + 5,00 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Chiudi
Purity - Jonathan Franzen - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

€ 22,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

La giovane Purity Tyler, detta Pip, non conosce la sua vera identità. Sua madre, per un motivo misterioso, non vuole rivelarle chi è suo padre, l'uomo dal quale è fuggita prima che Pip nascesse, cambiando nome e ritirandosi a vivere nell'anonimato tra i boschi della California settentrionale. Pip è povera: ha un pesante debito studentesco da ripagare e vive in una casa occupata a Oakland, frequentata da un gruppo di anarchici. Ed è proprio lì che incontra Annagret, un'attivista tedesca che le apre le porte di uno stage con il Sunlight Project, l'organizzazione fondata dal famoso e carismatico Andreas Wolf, un leaker rivale di Julian Assange, allo scopo di rivelare i segreti dei potenti. Pip parte per la Bolivia, dove ha sede il Sunlight Project, con la speranza di poter usare la tecnologia degli hacker per svelare il segreto dell'identità di suo padre. Ma l'incontro con Andreas Wolf si rivela sconvolgente per molti motivi. Anche Andreas ha un terribile segreto nascosto nel suo passato, negli anni in cui viveva a Berlino Est come figlio ribelle di una madre squilibrata e di un padre pezzo grosso del Partito Comunista. Lo rivela proprio a Pip, con la quale instaura una relazione intensa e morbosa. Forse i suoi moventi segreti sono legati a Tom Aberant, il giornalista di Denver per il quale Pip andrà a lavorare dopo lo stage con il Sunlight Project, destabilizzando la relazione di Tom con la sua compagna Leila e portando un grande sconvolgimento anche nelle loro vite...
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2016
8 marzo 2016
642 p., Rilegato
9788806216603

Valutazioni e recensioni

3,28/5
Recensioni: 3/5
(36)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(10)
4
(6)
3
(7)
2
(10)
1
(3)
Stefano Mannucci
Recensioni: 5/5

Quando durante la lettura ho compreso il senso della frase con Jonathan Franzen ha deciso di iniziare Purity, ho avuto infine conferma della genialità dello scrittore nel comporre questo suo ultimo romanzo. In passato avevo già avuto diverse occasioni per apprezzare la scrittura di Franzen. Avevo adorato Correzioni. La stima e l’apprezzamento verso Franzen era stato confermato nella lettura del successivo Libertà. Così – certo che non sarei stato deluso, ma anche restio dal volermi far influenzare dal giudizio delle precedenti letture - ho iniziato a leggere Purity. Non mi voglio dilungare a narrare le vicende che la protagonista Purity Tyler – o Pip così come è chiamata da tutti – affronterà per scoprire l’identità del padre né voglio anticipare le esistenze che si incrociano nei diversi capitoli in cui è stato magistralmente strutturato il romanzo da Franzen. Non lo voglio fare proprio per non rovinare la sorpresa di chi vorrà leggerlo in futuro e potrà così lasciarsi ammaliare dallo stile della scrittura e dalle vicende narrate. Però di sicuro voglio consigliare questa lettura e posso affermare come Purity confermi senza ombra di dubbio la grandezza di Franzen e come egli, a mio avviso, sia uno dei migliori scrittori americani contemporanei.

Leggi di più Leggi di meno
Manuela
Recensioni: 3/5

Ammetto che ho fatto fatica a "entrare" nel libro, tanto è vero che ci ho messo parecchio per finirlo (al di là del numero di pagine). Sono dovuta arrivare a metà libro per essere presa dalla storia. Non ho neppure sviluppato un senso di empatia con nessuno dei personaggi, ma solo indifferenza o antipatia. Ho invece trovato interessante la costruzione della storia, i cui pezzi acquisiscono senso e si uniscono piano piano. Direi leggibile, ma niente di eccezionale.

Leggi di più Leggi di meno
giovanni
Recensioni: 5/5

L'ultimo romanzo di Franzen (letto nell'ottima traduzione italiana) non delude le altissime aspettative. Semmai, amplifica quel pensiero che porta ad affermare: non c'è nessuno come lui, oggi. Almeno secondo la mia opinione. Un romanzo che parte con fatica, perché il primo impatto con Pip è sgradevole: lei è insopportabile, debole, meschina. Ti chiedi: ci libereremo mai di Pip? Non è che, nel corso del libro, ce ne liberiamo: lei si evolve, scomparendo anche per lunghi tratti dalla narrazione, che intanto si arricchisce di storie magnifiche di altri protagonisti. Purity non è più solo il nome di battesimo della presunta protagonista. No: Purity è l'aspirazione di vita cui tutti i personaggi delle storie (che poi sono un'unica storia, come da cifra di Franzen), tendono: o forse no. Per me, Purity, è IL ROMANZO.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,28/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(10)
4
(6)
3
(7)
2
(10)
1
(3)

La recensione di IBS


Franzen con il suo quinto romanzo si conferma uno dei più grandi scrittori viventi e ci offre con Purity un formidabile coagulante delle disfunzionalità della contemporaneità, non solo americana ma dell’intero occidente, attraverso un nuovo capolavoro del Realismo Isterico

La luce del sole è il miglior disinfettante

Leggere Purity significa partecipare a una seduta psicanalitica di gruppo in cui i pazienti sotto analisi sono i figli della Grande Recessione, una generazione deresponsabilizzata dagli effetti dalla crisi e imprigionata nel Web, un moderno Panopticon da cui viene cresciuta in affidamento perché orfana dei padri, quei narcisisti cronici e tormentati compulsivi la cui ricerca pare vana.
La protagonista è Pip, una ventitreenne sommersa dal debito studentesco e piena di complessi di inferiorità nei confronti dei coetanei, imbarazzi causati dalla condizione economica precaria e dalle conseguenze di un’adolescenza solitaria, resa complicata dalla scomoda madre, una hippy ipocondriaca morbosamente attaccata alla figlia. Pip - diminutivo di Purity - vive da squatter in un appartamento in condivisione con una coppia sposata, uno schizofrenico e un disabile mentale, personaggi verso i quali si fa una grandissima fatica a provare empatia, come spesso accade con gli emarginati che popolano i mondi di Franzen, perché la loro condizione tragicomica sembra la conseguenza di una meritata colpa trascendentale di cui tutta l’umanità sembra partecipe. A rendere ancora più sconsolante la vita della protagonista il lavoro in un call center, impiego portato avanti in modo scostante, con risultati imbarazzanti sul fronte vendite. Sull’orlo del licenziamento, Pip maledice il giorno in cui decise di frequentare l’università - quattro anni di libertà dalla madre a fronte di un debito che mai riuscirà a ripagare - un’esperienza che non l’ha arricchita nemmeno dal punto di vista formativo poiché capace solamente di acuire un fatale senso di diversità rispetto al resto del mondo.
Un’esistenza misera e claustrofobica, talvolta anestetizzata da fugaci amori con uomini trasparenti, una vita a cui prova a dare un significato fuggendo dalla California in Bolivia per unirsi al Sunlight Project, gruppo di hacker attivisti, guidati da Andreas Wolf - il personaggio probabilmente più affascinante e al tempo stesso ripugnante dell’intero romanzo - un uomo che Pip proverà a seguire ovunque, accecata da un’irresistibile attrazione. Immaginato come un ibrido tra Assange e Snowden, Wolf è un ambiguo affabulatore che cavalca l’onda di Wikileaks e Occupy Wall Street, un mostro che è una summa sarcastica di tutto ciò che vi è di insopportabile, per Franzen, nell’attivismo hi-tech della viziata gioventù liberal occidentale, immersa in un passeggero risentimento anti-capitalista e circuita dal culto della personalità verso i cosiddetti whistleblowers, i paladini della trasparenza in lotta contro i governi e i colossi informatici. Notevole a tal proposito è la similitudine che emerge tra totalitarismi socialisti del Novecento, della DDR in particolare, paese in cui Wolf visse da bambino con i genitori spie, e Google o Facebook, le più possenti membra del nuovo Leviatano.
Pip in realtà non è interessata ai risvolti politici del movimento, presto sbugiardati dalla doppiezza del leader, e vorrebbe invece usufruire delle competenze degli hacker per ottenere il reale nome della madre, di cui ha sempre conosciuto solo lo pseudonimo, nella speranza di rintracciarne nel web un eventuale certificato di matrimonio o altre risorse utili a scoprire l’identità del padre, il vero motore della trama.
A intrecciarsi con le vicissitudini della protagonista un’altra coppia di personaggi popola Purity, in apparente estraneità rispetto alle coordinate spazio-temporali della trama. I due sono Tom Aberant ed Anabel Laird, femminista vegana studentessa d’arte - il tipico demone femminile ricorrente nei romanzi di Franzen per cui anche stavolta è stato accusato di misoginia – due anime tormentate, coinvolte in un progetto eversivo che troverà, in un magistrale colpo di scena, un parallelo con le vicende di Pip.

Franzen con il suo quinto romanzo si conferma uno dei più grandi scrittori viventi, tra i pochi ancora in grado di dare al pubblico la percezione di avere tra le mani un libro importante per i posteri e per cui valga ancora la pena leggere, offrendoci con Purity un formidabile coagulante delle disfunzionalità della contemporaneità, non solo americana ma dell’intero occidente, attraverso un nuovo capolavoro del Realismo Isterico.

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Jonathan Franzen

1959, Western Spring

Jonathan Franzen è uno scrittore statunitense. Pubblica regolarmente racconti e saggi su «The New Yorker» e su «Harper's». È autore di numerosi libri, tutti pubblicati in Italia da Einaudi. Tra questi ricordiamo: i romanzi Le correzioni (2002), La ventisettesima città (2008), Forte movimento (2004), Libertà (2011), Purity (2016), Crossroads (2021); le raccolte di saggi Come stare soli. Lo scrittore, il lettore e la cultura di massa (2003), Più lontano ancora (2012) e Il progetto Kraus (2014); l'autobiografia Zona disagio (2016) e La fine della fine della terra (2019).Fonte fotografia: editore Einaudi, credit Shelby Graham

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore