Putingrad. La Mosca di Zar Vladimir - Leonardo Coen - copertina

Putingrad. La Mosca di Zar Vladimir

Leonardo Coen

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Alet Edizioni
Collana: Clessidre
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 1 gennaio 2008
Pagine: 256 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788875200480
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Nella lista dei desideri di 1 persona

€ 7,56

€ 14,00
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Oggi Mosca non è più Mosca, ma Putingrad: la vetrina luminosa di un potere sempre più oscuro, quello dello Zar Vladimir Putin. Così come la Madre di tutte le Russie è oggi Putinia: un'entità statuale di infinita grandezza e di infinite miserie, il paese più vasto del mondo, dotato di inestimabili risorse naturali. Un'indagine attenta, arricchita da suggestive immagini, per descrivere disgregazione e rinnovamento di una superpotenza intramontabile sulla scena internazionale.
3
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Red Velvet

    08/04/2008 13:44:53

    E' indubbiamente l'uomo del decennio, quindi ben vengano libri ben scritti e pregni d'informazioni. Sarà un mio difetto ma mi capita spesso di perdere interesse nelle fasi centrali dei libri (ma non credo sia colpa mia!). Anche in questo caso molto interessanti la prima e l'ultima parte, meno quella centrale. Comunque da leggere.

"Putingrad è molto più di una grande capitale, di una metropoli dal traffico convulso e dall'edilizia che sbalordisce. è uno stato d'animo, un posto metafisico dove l'immaginazione trascende e ti accompagna fisicamente per le strade, lungo i marciapiedi, sino a farti sfiorare portoni e androni sconosciuti e a indurti a varcarli…"

| Vedi di più >
Note legali