Categorie

Darina Al-Joundi, Mohamed Kacimi

Traduttore: M. Botto
Editore: Einaudi
Collana: I coralli
Anno edizione: 2009
Pagine: 139 p. , Brossura
  • EAN: 9788806196752

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    manu

    23/03/2010 15.34.13

    A me é piaciuto moltissimo, anche se non sono d'accordo con la quarta di copertina (strano, di solito sono cosi' belle le quarte di copertina...). Io credo che, oltre all'educazione assolutamente contro corrente che ha ricevuto dal padre, lei non sia "troppo libera" per la città in cui vive.. cioé si', anche, ma credo che principalmente certi suoi "eccessi" di libertà siano dovuti proprio alla città in cui vive, sconvolta dalla guerra, e che derivino anche da quella. Quando si ammazza di alcol e di droga e anche quando lo fa con chiunque e in un passaggio dice "vieni, vieni, godiamo prima che crepiamo", voglio dire, é chiaro che tutta questa libertà é condizionata dal mondo circostante... forse non avrebbe fatto proprio tutto quello che ha fatto se fosse vissuta in una città senza guerra... per quanto riguarda il pezzo della roulette russa, lo spero, anzi spero che quel pezzo sia proprio inventato sinceramente... pero' secondo me traspare questo... quanto la guerra abbia profondamente condizionato la sua vita e le sue scelte e i suoi comportamenti. forse in una persona già cosi' libera di base, con la guerra di mezzo ha creato questa esplosione che poi i suoi famigliari (tranne il fantastico padre) non sono riusciti a comprendere e a conviverci e l'hanno rinchiusa in quel posto raccapricciante... comunque sono stata vaga e forse non s'é capito niente... pero' bello questo libro. sconvolgente.

  • User Icon

    giac

    03/04/2009 15.31.31

    potenza devastante

  • User Icon

    piera

    18/03/2009 17.32.14

    Un libro da leggere...per il tema, l'ambientazione, la cruda realtà della guerra, la difficoltà di trovare un giusto equilibrio tra i fanatismi, ... davvero un grande libro! forte in alcuni casi sconvolgente, ma davvero bello.

Scrivi una recensione