Quaranta sonetti di William Shakespeare

William Shakespeare

Curatore: V. Magrelli
Editore: Einaudi
Anno edizione: 1999
In commercio dal: 20 aprile 1999
Pagine: 81 p.
  • EAN: 9788806145040
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione

Espressamente concepite per questa edizione e dunque in anteprima assoluta a beneficio del lettore italiano, le traduzioni di Bennefoy si confrontano con una precedente silloge di versioni ungarettiane. Completa il volume un'introduzione di Carlo Ossola.

€ 10,53

€ 12,39

Risparmi € 1,86 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 


scheda di Rognoni, F. L'Indice del 1999, n. 10

Se è abbastanza normale, anzi inevitabile, che poesia generi poesia, e non solo per le vie traverse dell'eco e l'allusione intertestuale, o il pastiche, ma anche per quelle all'apparenza più dirette e umili della traduzione (Quasimodo e i lirici greci, Celan e Mandelst'am, Ted Hughes e Ovidio ecc.), è ben più raro - mi sembra - che una traduzione ne generi un'altra, senza rischiare per sé l'obsolescenza. Così avviene per i Quaranta sonetti di Shakespeare tradotti da Ungaretti per lo più durante l'ultima guerra, "come per afferrarsi a una tavola di salvezza" (apparvero nel 1946), e ora volti in francese da Bonnefoy, appositamente per la "trilingue" di Einaudi (che è dunque una prima edizione assoluta). Sia Ungaretti sia Bonnefoy sembrano privilegiare una traduzione piuttosto letterale. Ma laddove il primo rispetta la misura del sonetto elisabettiano (ricorrendo per questo a versi lunghi, composti da unità metriche tradizionali: più spesso un endecasillabo e un quinario), Bonnefoy, che rivendica "il bisogno della forma libera", ne conserva la struttura quadripartita (tre quartine e un distico), quasi sempre però aumentando il numero dei versi, moltiplicando gli enjambement. Si veda solo il celebre incipit del sonetto 19 - "Devouring Time, blunt thou the lion's paws, / And make the earth devour her own sweet brood" - che s'espande in "Temps qui dévores tout, émousse la griffe / Du lion, fais que la terre / Mange ce qu'elle engendre, ce qu'elle aime", di contro all'ungarettiano "O famelico Tempo, la zampa del leone corrodi / E fa' che la terra divori la propria genitura". O quell'indimentica-
bile metafora dei rami invernali, "Bare ruined choirs, where late the sweet birds sang" (73, v. 4): "Chapelles nues en ruines, / Où les chantres, se furent tard des chants d'oiseaux" ("Cori spogliati rovinati dove gli uccelli cantarono, dolci").

Francesco Rognoni