Quartetti per archi op.59 n.1, n.2, n.3 (180 gr. + Voucher Download)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Ludwig van Beethoven
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 2
Etichetta: Deutsche Grammophon
Data di pubblicazione: 20 ottobre 2017
  • EAN: 0028947981206
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 35,50

Punti Premium: 36

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Ristampa Deutsche Grammophon su Vinile da 180 grammi.
Rimasterizzazione 24-bit 96khz partendo dei master originali.
Include Voucher per il Download del contenuto in formato digitale.
  • Ludwig van Beethoven Cover

    Compositore tedesco. La formazione musicale e culturale. Dei suoi antenati, contadini fiamminghi, si hanno notizie che risalgono al sec. xvi; il nonno Ludwig, forse il primo musicista della famiglia, aveva lasciato nel 1731 la terra d'origine per stabilirsi a Bonn come strumentista della cappella arcivescovile; anche il figlio di lui, Johann (il padre di B.), fu stipendiato come tenore nella stessa cappella. Le ristrettezze economiche e i disordini psicologici di Johann, che finì alcoolizzato nel 1792, segnarono l'infanzia di B. Dopo un tentativo del padre di lanciarlo come ragazzo prodigio (tentativo che fallì), egli iniziò la sua vera e propria educazione musicale sotto la guida di C.G. Neefe, un seguace dello stile «sentimentale» di Ph.E. Bach, che gli aprì... Approfondisci
  • Amadeus Quartet Cover

    Quartetto d'archi fondato a Londra nel 1947 da tre musicisti austriaci espatriati, Norbert Brainin (primo violino), Siegmund Nissel (secondo violino), Peter Schidlof (viola), e dal violoncellista inglese Martin Lovett. Affermatosi rapidamente in tutto il mondo (in particolare negli USA e in Germania), è stato considerato negli anni '60-'70 uno dei maggiori quartetti soprattutto in Mozart, Schubert e Beethoven (di cui ha inciso l'integrale), dei quali ha dato un'interpretazione «apollinea», puntando sulla raffinatezza del fraseggio, la levigatezza del suono, l'eleganza espressiva e l'omogeneità dell'insieme. Per contro, il piglio troppo sorvegliato ne ha reso talvolta meno persuasiva l'interpretazione di autori che richiedono più verve (Haydn), nerbo (Brahms) e asprezza (Bartók). Approfondisci
Note legali