Quasi-cose. La realtà dei sentimenti

Tonino Griffero

Editore: Mondadori Bruno
Collana: Saggi
Anno edizione: 2013
In commercio dal: 21/03/2013
Pagine: 152 p., Brossura
  • EAN: 9788861597693

€ 15,30

€ 18,00

Risparmi € 2,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    alida airaghi

    17/09/2013 19:12:41

    Seguendo i suggerimenti fenomenologici di Hermann Schmitz, Tonino Griffero dedica questo suo stimolante e documentatissimo volume a "cose" che propriamente cose non sono: quasi-cose, semi-cose, che ci circondano e pervadono le nostre esistenze, modificandole, condizionandole. Suggestioni variabili ed effimere, vaghe e fluide, private e pubbliche: atmosfere, e sentimenti. "Le quasi-cose hanno un'esistenza intermittente...sono più attive delle cose...generano un irresistibile coinvolgimento affettivo...ci aggrediscono improvvisamente dall'esterno": come, meteorologicamente, l'aria e il vento. Oppure come la luce, lo sguardo, il dolore, la vergogna. Griffero afferma provocatoriamente che forse non è sempre inevitabile identificare i sentimenti con i processi neurali: si può addirittura supporre che essi giungano all'uomo da "fuori" e non da "dentro". Questa sua strategia di esternalizzazione tende a "depsicologizzare atmosferologicamente l'intera sfera emozionale, facendo cioè dei sentimenti delle affezioni...non circoscritte ai confini del corpo... ma effuse in uno spazio 'vissuto'". Tesi indubbiamente affascinante e originale, spesso contestata filosoficamente e scientificamente, ma di indubbia presa emotiva. Quindi le atmosfere sarebbero "enti" non solo intersoggettivi, ma quasi-oggettivi: gli esempi elencati (dalla morte di Lady Diana che sconvolse intere popolazioni, al tifo nello stadio, alla malinconia di fronte a certi paesaggi) inducono il lettore a pensarsi non più come un percipiente assolutamente unico e irripetibile. Griffero ribadisce infatti "il carattere soprattutto esterno, straordinariamente invariante dei sentimenti". "Impariamo chi noi siamo più dal patire...che dall'agire": dolore e vergogna ci insegnano moltissimo sulla nostra impotenza e fragilità, e "sugli aspetti, faticosamente rimossi, della nostra personalità". Nostra, e di tutti.

Scrivi una recensione