Traduttore: D. Leccacorvi
Editore: Armenia
Collana: Varia
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 20 ottobre 2011
Pagine: 279 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788834427187
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Descrizione
Barbara Pachl-Eberhart descrive, sotto forma di diario, ogni aspetto del tragico evento che in un giorno qualunque ha cambiato per sempre la sua esistenza. Dal terribile shock iniziale alla disperazione che è seguita alla perdita dei familiari, passando dalla solitudine, all'apatia e al desiderio di rimanere attaccata ai ricordi, come se i suoi cari fossero ancora accanto a lei. Barbara esprime un dolore che va al di là di ogni immaginazione. Non le mancano però il coraggio e la forza di andare avanti. Grazie al sostegno degli amici, ai piccoli gesti quotidiani e alle migliaia di lettere inviatele sia da conoscenti sia da estranei, Barbara arriva ad arrendersi alla realtà, a rendersi conto che la sua vita è cambiata e che lei stessa dovrà farlo se vuole ricominciare. E così, dopo quasi un anno dalla tragedia, abbandona la sua casa, ritrova l'amore, ricomincia a cercare la felicità e, finalmente, a vivere ancora.

€ 8,00

€ 16,00

Risparmi € 8,00 (50%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Rowan

    24/11/2011 15:13:02

    Barbara è una donna come tante altre, è una moglie e una madre. È altruista, e lavora come clown per i bambini malati. La sua vita è felice, serena, perfetta. Fino una terribile giornata di marzo, in cui un incidente disastroso le porta via il marito e i due figli piccoli. Barbara ci racconta la sua esperienza, il suo dolore, il suo lutto, nel tentativo di aiutare le persone a capire cosa succede nella testa di chi perde, all'improvviso, tutto ciò che ha di più caro al mondo. Forse avrete notato che non ho messo la valutazione in stelline, per questo libro. Una, due, cinque, dieci. Come si valuta il dolore? Io non proprio non lo so. Quattro meno tre non è un libro da valutare, da apprezzare.. non è una storia, un racconto: è una testimonianza. La voce di una donna che è riuscita a riprendersi da questo dolore così grande, da questo buco nero che minaccia costantemente di inghiottirla. La prima metà del libro è la più intensa e la più triste. Una volta finito il secondo pacchetto di fazzoletti ho lasciato perdere e sono passata senza troppa eleganza al rotolo di carta igenica. Barbara ci racconta la giornata dell'incidente, i giorni in ospedale, la morte dei suoi bambini, la mancanza di suo marito e tutto ciò che la situazione comporta: isolamento, depressione, malinconia, dolore. Credo che ciò che l'ebbia davvero salvata dal baratro sia il fatto che la capacità di pensare positivo e di vedere la gioia nella vita a questa donna non mancano, e nonostante l'enorme vuoto nel cuore si farà forza di vivere, per lei, per i suoi amici, per la sua famiglia: per i suoi angeli.La vita di Barbara verrà però risollevata da un nuovo e profondo amore, che la aiuterà a superare i momenti più difficili e insieme saranno in grado di costruire una nuova strada verso il futuro. Affrontare questo percorso insieme a Barbara non è semplice, nonostante il coinvolgimento del lettore sia altamente attutito, ma è bello sapere che qualcuno, tutto sommato, riesce ad andare avanti.

Scrivi una recensione